Stampa il programma

Select your region or print the program.

Scarica il programma come PDF

  • Lazio
34 risultati
Lazio, Frosinone, Castrocielo

Aquinum

Via Latina snc
03030 Castrocielo (FR)

https://aquinum.wordpress.com/

L’area archeologica, di proprietà del Comune di Castrocielo, è disposta su una superficie pianeggiante estesa per quasi 10 ettari.

Posta all’interno del perimetro urbano della città romana di Aquinum, in uno degli isolati centrali, è collocata ad Est del teatro, dal quale, in antico, era separata dal cosiddetto Cardo Maximus (via Montana) che grossomodo aveva l’andamento dell’attuale via Vicinale Civita Vetere e subito a Nord dell’antica via Latina, la famosa strada romana che univa Roma con Capua in alternativa al percorso della via Appia e che, attraversando Aquinum da Ovest ad Est, divideva la città in due metà.

All'interno dell'area insistono imporatanti edifici pubblici come il grande Teatro, il cd. Tempio di Diana e le monumentali Terme Vecciane.

Conferenza

Spigolature Aquinati II. Scavi e ricerche nell'Area Archeologica di AQVINVM
Il prossimo 18 giugno, in occasione delle Giornate Europee dell'Archeologia, si svolgerà in modalità telematica su piattaforma TEAMS (link: https://bit.ly/34Ha4G7) la seconda edizione della giornata di studi «Spigolature Aquinati II. Scavi e ricerche nell'Area Archeologica di Aquinum», organizzata in collaborazione tra il Museo Storico-Archeologico dell’Università del Salento, la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici “D. Adamesteanu“ ed il Laboratorio di Topografia antica e Fotogrammetria del Dipartimento di Beni Culturali.

Nel corso della manifestazione saranno presentati, dai protagonisti della ricerca, alcuni dei risultati emersi nel corso delle ultime campagne di scavo svolte ad Aquinum su concessione rilasciata dalla Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio del MIC all'interno dell'area archeologica del Comune di Castrocielo in provincia di Frosinone, dove l'Università del Salento opera con continuità dal 2009.

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 10:00 à 17:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Disabilità visiva, Disabilità mentale

Lazio, Frosinone, Aquino

Museo della Città di Aquino "Khaled al-Asaad"

via Latina antica snc

https://mapcarta.com/36059428

Visita guidata in notturna alla chiesa romanica di S. Maria della Libera, all'Arco di Marcantonio e al Museo della Città di Aquino “Khaled al Asaad“. Il percorso si snoda tra alcune delle bellezze archeologiche e storico-artistiche della città di Aquino. La visita avrà inizio alle ore 21:00 con punto di ritrovo nel piazzale antistante la chiesa di S. Maria della Libera. Dopo aver visitato la chiesa Romanica di S. Maria della Libera e l'arco romano di Marcantonio, i visitatori raggiungeranno a piedi il vicino museo della Città di Aquino dedicato all'archeologo siriano “Khaled al-Asaad“. Presso il museo sarà possibile ammirare il famoso sarcofago delle quadrighe datato alla fine del III secolo d.C. Le visite guidate saranno curate dal personale del Museo. Tempo stimato: 2 ore circa.

Visita guidata

Aquino al chiar di luna
Il 18, 19 e 20 giugno sono previste visite guidate al museo della Città di Aquino dalle ore 9:00 alle ore 12:15. Il 20 giugno il personale del Museo della Città di Aquino organizza una visita guidata in notturna al patrimonio archeologico e storico artistico della città. Con l'ausilio di torce, lanterne e candele sarà possibile effettuare una visita guidata alla chiesa di S. Maria della Libera, all'Arco di Marcantonio e al Museo della Città di Aquino “Khaled al-Asaad“. Ritrovo ore 20:45 presso la chiesa di S. Maria della Libera. Costo:2 euro a persona (incluso biglietto di accesso al Museo). Si consiglia di adottare un abbigliamento comodo e di munirsi di torce e lanterne.

2.00 €

Domenica 20 giugno de 20:45 à 23:00 Domenica 20 giugno de 09:00 à 12:15 Sabato 19 giugno de 09:00 à 12:15 Venerdì 18 giugno de 09:00 à 12:15

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

visita guidata

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità mentale

Lazio, Latina, Terracina

Foro Emiliano di Terracina

Piazza Municipio
04019 Terracina

Si tratta di un monumento unico, avendo conservato non solo l'antica pavimentazione calcarea, ma anche l'originaria funzione di centro civile e religioso della città.

ll nome deriva da Aulus Aemilius, il magistrato locale che, fra la fine del I sec. a.C. e l'inizio del I sec. d.C., provvide a pavimentare la piazza facendo incidere sulle lastre il proprio nome.

Il Foro Emiliano era delimitato a nord dall'Appia, di cui rimangono intatti il basolato in pietra e l’antico marciapiede. Su questo lato del Foro sono visibili i resti di un portico con pavimento e colonne in marmo e altri resti appartenenti al teatro romano del l sec. a.C.: si tratta dei due ingressi est ed ovest e di una parte della gradinata (cavea) con l'orchestra antistante e il proscenio, recentemente portati alla luce.

Visita guidata

Il Foro Emiliano di Terracina e i suoi monumenti
TRE VISITE CULTURALI TEMATICHE.

PRIMA VISITA, Il Foro Emiliano e l’architettura sacra.
SECONDA VISITA, Il Foro Emiliano e il teatro romano.
TERZA VISITA, Il Foro Emiliano e il sistema sostruttivo (esterno).

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 20 giugno de 11:00 à 13:00 (appuntamento a Piazza Municipio)Sabato 19 giugno de 18:00 à 20:00 (Appuntamento a Piazza Municipio.)Venerdì 18 giugno de 18:00 à 20:00 (Appuntamento a Piazza Municipio.)

Qualunque pubblico

Lazio, Latina, FORMIA

Area Archeologica di Caposele - Vindicio - Formia

Area Archeologica di Caposele
Vindicio
04023 FORMIA (LT)
Italy

www.sinusformianus.it

La storia della Villa Marittima Romana di Caposele,a Vindicio,Formia-Italia

Contenuto digitale

Area Archeologica di Caposele - Vindicio- Formia
La Storia della Villa Marittima Romana di Caposele,del I° secolo a c

Gratuito

Domenica 20 giugno de 18:00 à 22:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Parco archeologico del Colosseo

Piazza Santa Maria Nova, 53
00100 Rome

https://parcocolosseo.it/

Il Parco archeologico del Colosseo è stato istituito nel 2017 come istituto ad autonomia speciale con il compito di provvedere alla tutela e alla valorizzazione dell’area archeologica centrale di Roma.

Il territorio del Parco racchiude sia aree e monumenti di competenza statale - Colosseo, Domus Aurea, Arco di Costantino e Meta Sudans, Foro romano e Palatino - sia in consegna a Roma Capitale - Circo Massimo, Fori imperiali - nonché il patrimonio ecclesiastico costituito dalle chiese su via dei Fori Imperiali e sul Palatino.

La mission del Parco si declina attraverso una costante educazione alla memoria, nella relazione con un pubblico estremamente variegato e con l’impegno a instaurare un rapporto con le nuove generazioni e la piena accessibilità del patrimonio culturale.

Circuito di scoperta

Visita tattile del Foro Romano
La visita guidata tattile al Foro Romano è un percorso inedito per toccare con mano il paesaggio del Foro. Mediante un approccio tattile e integrato dei sensi, la visita si concentrerà sulle evidenze archeologiche dell’area e sui momenti più significativi del Foro Romano, oltre alla lettura di brani storico-letterari che ci aiuteranno a calarci nella dimensione antica. Dopo l’esplorazione in situ dei monumenti, nella Curia Iulia sarà possibile godere degli eccezionali Plutei traianei, ritrovando quindi i monumenti esplorati nel Foro rappresentati in un documento storico-artistico di eccezionale valore che restituisce in un rilievo storico il paesaggio del Foro Romano.

Gratuito

Domenica 20 giugno de 10:30 à 12:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Disabilità visiva

Attività inclusa nel biglietto di accesso al PArCo; posti limitati, prenotazione obbligatoria via mail a pa-colosseo.didattica@beniculturali.ii

Circuito di scoperta

Visita tattile del Museo Palatino
Nel Museo Palatino l’attività didattica sarà supportata dall’utilizzo della guida tattile “Museo Palatino. Accarezzare la storia di Roma”. La lettura tattile dei reperti originali e l’esplorazione delle schede a rilievo della guida permetteranno di approfondire il tema del mestiere dell’archeologo, attraverso una reale interazione tra i partecipanti sia dal punto di vista tattile che del racconto verbale.

Gratuito

Sabato 19 giugno de 10:30 à 12:30 Venerdì 18 giugno de 16:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Disabilità visiva

Attività inclusa nel biglietto di accesso al PArCo; posti limitati, prenotazione obbligatoria via mail a pa-colosseo.didattica@beniculturali.ii

Workshop

Caccia al tesoro alle pendici del Palatino
Ai bambini dai 6 ai 12 anni sono dedicate le cacce al tesoro alla scoperta del patrimonio del PArCo che permetteranno di conoscere, attraverso il gioco, la storia della nascita della città, la flora e la fauna del luogo, esplorando le pendici del Palatino.

Gratuito

Domenica 20 giugno de 16:45 à 18:30 Sabato 19 giugno de 16:45 à 18:30

Bambini, Famiglie

Attività inclusa nel biglietto di accesso al PArCo; posti limitati, prenotazione obbligatoria via mail a pa-colosseo.didattica@beniculturali.ii

Visita guidata

Lo scavo archeologico in corso sulla Vigna Barberini al Palatino
Con la guida di un archeologo è in programma l’apertura straordinaria dello scavo in corso sulla Vigna Barberini al Palatino, dove è stata rinvenuta una complessa struttura di età neroniana in cui va forse riconosciuta la cd. cenatio rotunda della Domus Aurea. Nella visita sarà possibile conoscere la storia di questo settore del Palatino e i risultati delle più recenti indagini archeologiche, toccando con mano il metodo di indagine stratigrafico.

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 10:30 à 11:30

Bambini, Famiglie, Adulti

Attività inclusa nel biglietto di accesso al PArCo; posti limitati, prenotazione obbligatoria via mail a pa-colosseo.didattica@beniculturali.ii

Lazio, Roma, Roma

ICA

Via di San Michele 22
00153 Roma

http://www.ic_archeo.beniculturali.it/

L’ICA è un istituto dotato di autonomia speciale che opera nell'ambito della Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Ministero della Cultura.

Svolge funzioni in materia di studio e di ricerca nel settore dell’archeologia. Nell’ambito di tali attività si occupa di linee di indirizzo, standard e misure di coordinamento e, in particolare, della predisposizione di linee guida, elaborate in accordo col Servizio II – Tutela dei beni archeologici della DG ABAP, in materia di salvaguardia, conservazione e tutela del patrimonio archeologico. Supporta e promuove, in collaborazione con il MAECI, l'archeologia italiana all'estero.

Conferenza

ARCHEOLOGIA E INCLUSIONE - 18 GIUGNO ORE 10.00/13.30
Missioni archeologiche italiane all'estero e comunità locali dei paesi ospitanti: interazioni, coinvolgimento, formazione.

Webinar su piattaforma ZOOM
previa prenotazione all’indirizzo:
ic-archeo@beniculturali.it

L’incontro sarà trasmesso in diretta
sulla pagina Facebook dell’ICA


PROGRAMMA

10.00 |SALUTI

ELENA CALANDRA, Istituto Centrale per l’Archeologia

PAOLO ANDREA BARTORELLI, Consigliere d’Ambasciata, capo dell’Ufficio VI – Cooperazione culturale in ambito multilaterale, missioni archeologiche, DGSP MAECI

MASSIMILIANO MARAZZI, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, Responsabile scientifico Centro Interistituzionale Euromediterraneo

Coordina:
ANNALISA FALCONE, Istituto Centrale per l’Archeologia

10.30 | INTERVENGONO

OLIVA MENOZZI, Università Gabriele D’Annunzio di Chieti Pescara, Progetto EuroTeCh a Cipro, in Libia ed Egitto

SILVIA FESTUCCIA, Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli, Progetto Archeologico Multidisciplinare Italo-Libanese a Maasser el-Shouf / Qalaat el-Hosn

FULVIA CILIBERTO, Università degli Studi del Molise, Progetto MAECI “Scavare a Betania: una archeologia a servizio della formazione professionale giovanile”

MARCELLO BARBANERA, Sapienza Università di Roma, Missione archeologica italiana a Elaiussa Sebaste: Proposta per un modello di interazione tra archeologia e società

MARCELLA FRANGIPANE, Accademia dei Lincei, Missione archeologica italiana nell’Anatolia Orientale (MAIAO)

CHRISTIAN GRECO, Direttore del Museo Egizio, Torino, Progetto UE Transforming the Egyptian Museum Cairo


13.00 I DISCUSSIONE

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 10:00 à 13:30 (Diretta Facebook)

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

STORIE DALLA SABBIA - LA LIBIA DI ANTONINO DI VITA (Università di Macerata)
Il film “Storie dalla sabbia. La Libia di Antonino Di Vita” prodotto dall’Università di Macerata - Centro di documentazione e ricerca sull’archeologia dell’Africa settentrionale “A. Di Vita” insieme a Fine Art Production, nell’ambito dei progetti cofinanziati dal MAECI e con la collaborazione del Department of Antiquities della Libia, vuole ripercorrere attraverso l’opera del fondatore della missione di Macerata in Libia, iniziata nel 1968 e proseguita ininterrottamente fino ad oggi (malgrado le difficoltà delle situazioni politiche che hanno attraversato il Paese), le ricerche, gli studi, i restauri monumentali (tra cui l’arco quadrifronte dei Severi a Leptis, il mausoleo punico ellenistico B, l’area sacro funeraria di Sidret el Balik e le tombe dipinte a Sabratha), le attività di formazione del personale tecnico-scientifico libico, e quelle di conservazione e valorizzazione di due siti archeologici tra i più importanti del Mediterraneo, inseriti nel patrimonio mondiale UNESCO (Leptis Magna e Sabratha). Progetto che vede anche la digitalizzazione e messa on line dell’archivio del Centro, ricco di decine di migliaia di foto d’epoca, disegni e documentazione sugli scavi italiani a partire dal 1923 ad oggi.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

CEFB - Progetto di archeologia e restauro del Tempio di Amehotep II Luxor (Egitto)
Dal 1997 il Centro di Egittologia Francesco Ballerini di Como (CEFB), diretto dal dott. Angelo Sesana, è impegnato nel progetto di indagine archeologica e restauro dell’area occupata dal Tempio di Milioni d’Anni di Amenhotep II (XVIII Dinastia), a Tebe Ovest - Luxor, in collaborazione con il Ministero del Turismo e delle Antichità Egiziane.
Durante le 23 campagne di scavo (1997-2019), accanto al team di lavoro italiano composto da archeologi, egittologi ed esperti di diverse discipline, hanno lavorato sul campo operai specializzati egiziani, tirocinanti nello studio dei materiali ed egittologi egiziani. Nel mese di ottobre 2019, nell’abito delle Giornate Italiane organizzate dall’Ambasciata Italiana a Luxor, il CEFB ha avuto modo di contribuire alla formazione di giovani archeologi egiziani nel corso di un seminario svoltosi all’Università di Luxor.

Since 1997, the Francesco Ballerini Centre for Egyptology (CEFB) of Como, directed by Dr. Angelo Sesana, has, in collaboration with the Ministry of Tourism and Egyptian Antiquities, been engaged in the archaeological investigation and restoration of the area occupied by the Temple of Millions of Years of Amenhotep II (18th Dynasty) in West Thebes-Luxor.
During the 23 field seasons (1997-2019) specialized Egyptian field workers, trainees in the study of materials and Egyptian egyptologists have worked alongside the Italian team of archaeologists, egyptologists and experts in various disciplines. In October 2019, as part of the “Italian Days“ organized by the Italian embassy in Luxor, the CEFB was able to contribute to the training of young Egyptian archaeologists during a seminar at the University of Luxor.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

DATI ARCHEOLOGICI E TELERILEVATI PER LO STUDIO DEI PAESAGGI MINERARI DELL'ANTICA ALBANIA (ISPC-CNR)
Il progetto dell'Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale - CNR prevede un approccio multimetodologico (survey, cartografia, remote sensing, GIS) per lo studio di aree minerarie antiche in Albania (distretto di Elbasan e Valle dello Shkumbin).
Nell’economia globale il sistema-minerario aveva stretti rapporti con le popolazioni locali, che gestivano, almeno fino ad una certa epoca, le miniere di estrazione. Al centro del progetto è il rapporto con la società con l’obiettivo primario di consentire o favorire un accesso non superficiale alla storia e al patrimonio culturale per gruppi sociali sempre più ampi.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE ARCHEOLOGICA ITALIANA IN AFGHANISTAN - ISMEO
Direttrice e responsabile del settore pre-islamico: Anna Filigenzi (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”); Vice-Direttrice e responsabile del settore islamico: Roberta Giunta (Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”).
Fondata da Giuseppe Tucci, la Missione Archeologica Italiana in Afghanistan opera nel Paese dal 1957, pur con un periodo di inattività ( 1979-2002) a causa delle note vicende politiche. La Missione è amministrata dall’ISMEO – Associazione Internazionale di Studi sul Mediterraneo e l’Oriente (https://www.ismeo.eu/) e, come tutti i progetti archeologici di ISMEO, è sostenuta dal Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale, DGSP, Ufficio VI, e gode di un contributo del Progetto MIUR “Studi e ricerche sulle culture dell’Asia e dell’Africa: tradizione e continuità, rivitalizzazione e divulgazione”; la Missione riceve inoltre il sostegno dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, cui essa deve anche il suo più ampio bacino di risorse umane.
La Missione ha indagato siti pre-islamici e islamici, ponendo in luce aspetti inediti della storia culturale dell’Afghanistan e la sua centralità nella creazione e diffusione pan-asiatica di modelli artistici. Per ragioni di sicurezza e d’intesa con il MAECI e con l’Ambasciata d’Italia a Kabul, negli ultimi anni la Missione ha adottato strategie di lavoro a distanza e, grazie a specifici accordi con l’Archaeology Institute of Afghanistan, collabora agli scavi di siti buddhisti nella zona di Kabul.
Impegnata nella conservazione non solo fisica dei beni archeologici e artistici, ma anche del loro valore di testimonianza storica, la Missione ne cura il restauro, la corretta documentazione e lo studio e ne promuove e condivide la conoscenza, anche attraverso risorse digitali online (http://ghazni.bradypus.net). Il più recente contributo alla formazione e allo sviluppo di competenze locali è la pubblicazione del manuale Fieldwork Guidelines for Archaeology Officers (in corso di stampa a Kabul), in inglese, dari e pashto, redatto in collaborazione con l’Archaeology Institute of Afghanistan e pensato come un funzionale e informativo vademecum, che, oltre ai principi basilari dello scavo, della documentazione, del restauro e degli aspetti legali connessi, affronta pragmaticamente i problemi specifici del contesto archeologico afghano.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MELKA KUNTURE - Missione archeologica italo-spagnola (Etiopia)
Melka Kunture è una vasta area archeologica con siti che documentano 2 milioni di anni di evoluzione umana fuori dall’ambiente di savana. A 2000 m di quota sull’altopiano etiopico, il clima è relativamente fresco e umido. La Missione archeologica italo-spagnola con scavi e ricerche di laboratorio indaga tutte le principali fasi dell’attività umana nella preistoria, dall’Olduvaiano, all’Acheuleano, al Middle Stone Age e al Late Stone Age, lavorando in sintonia con la popolazione locale.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

ITALIAN ARCHAEOLOGICAL MISSION IN SUDAN - Jebel Barkal
La Missione opera dal 1973 nel sito UNESCO dell’antica città di Napata e, da dieci anni, è diretta dal Prof. Emanuele Ciampini, docente di Egittologia dell'Università Ca' Foscari di Venezia. Il lavoro si avvale da sempre della collaborazione delle comunità locali, partecipi nello scavo, nella tutela e nella valorizzazione del patrimonio archeologico del sito. Durante l’anno di arresto dovuto alla pandemia, un impegno costante nella divulgazione scientifica ha continuato a garantire la continuità dei rapporti tra Italia e Sudan.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

PROGETTO ARCHEOLOGICO LIBANO SETTENTRIONALE (PALiS) - The Northern Lebanon Project (NoLeP)
PALiS/NoLeP ricostruisce l'insediamento regionale antico e il patrimonio archeologico di un’estesa porzione del Distretto di Koura attraverso una missione congiunta italo-libanese diretta dal dr. M. Iamoni (Università di Udine) e dalla dr.ssa M. Haider (Lebanese University – Third Branch Tripoli).

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

BUTRINT PROJECT (Albania)
Il Butrint Project (https://site.unibo.it/butrint/en), condotto da Università di Bologna e Istituto Archeologico di Tirana con il sostegno del MAECI e in accordo con il Ministero della Cultura Albanese, si fa portavoce dell’importanza dell’inclusione della comunità locale coinvolgendo gli studenti di archeologia, il personale e gli operai del Parco Archeologico provenienti dai villaggi vicini in percorsi formativi professionalizzanti nel campo del restauro e del rilevamento dei beni culturali con nuove tecnologie (Laser Scanning), ma anche promuovendo altre azioni che favoriscono la coscienza condivisa del valore delle proprie radici culturali.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE ARCHEOLOGICA ITALIANA NELLA PIANA DI ERBIL (regione del Kurdistan Iracheno)
La Missione Archeologica Italiana nella Piana di Erbil (MAIPE) dell’Università degli Studi di Milano è diretta dal Prof. Luca Peyronel con la vice-direzione della dott.ssa Agnese Vacca ed indaga i siti di Helawa e Aliawa ubicati nella zona sud-occidentale della piana di Erbil (Regione del Kurdistan iracheno). I due siti sono occupati a partire almeno da novemila anni fa e permettono di ricostruire la storia di questo territorio della Mesopotamia settentrionale, dai primi villaggi neolitici di agricoltori e allevatori fino al periodo islamico.
Lo scavo archeologico è gestito dai membri del team MAIPE in collaborazione con lo staff del Museo delle Civiltà di Erbil, che interviene sia nel momento di vera e propria attività sul campo, contribuendo a creare un contatto tra la componente straniera e gli abitanti del luogo, sia durante le attività di processazione del materiale archeologico, nello stesso museo. In questa sede vengono effettuate attività di studio e restauro dei materiali e organizzati da entrambe le componenti incontri e conferenze rivolte alla comunità locale, con il fine di creare una maggiore sensibilità rispetto al tema della tutela del patrimonio archeologico e culturale della regione.
Nel sito di Helawa, la trincea aperta sul declivio meridionale ha documentato una lunghissima e ininterrotta sequenza occupazionale, dal VII al IV mill. a.C. I livelli più antichi individuati risalgono ad un villaggio di agricoltori e allevatori dell’epoca di Halaf (fine VII-VI mill. a.C.). La successiva fase è relativa al periodo di Ubaid, databile tra fine VI e metà V mill. a.C., documentato da una struttura composta da vani cellulari associati ad una fornace per la cottura della ceramica. Nel Tardo Calcolitico 1-2 il sito si ingrandisce raggiungendo i dieci ettari e sviluppando una crescente complessità socio-economica. Un edificio tripartito distrutto da un incendio è attribuibile all’ultima fase del Tardo Calcolitico (inizi del IV mill. a.C.). Qui sono state ritrovate numerose cretule di argilla con impronte di sigilli a stampo, a testimoniare le attività di gestione amministrata dei prodotti conservati all’interno della struttura. Dopo un abbandono durato oltre due millenni, il sito viene rioccupato alla fine del Bronzo Medio per poco più di due secoli, come testimoniano un edificio costruito sulla sommità del mound e una struttura adibita alla trasformazione e immagazzinamento di derrate alimentari nell’Area D.
Il sito Aliawa raggiunge 25 ettari di estensione ed è formato da una collinetta principale di 2 ettari e da una città bassa occupata soprattutto nel Bronzo Medio-Tardo (2000-1200 a.C.) e nel periodo ellenistico, partico ed islamico. Lo scavo di una trincea stratigrafica sul versante meridionale del mound (2019) ha riportato alla luce una sequenza di imponenti edifici dell’età finale del Bronzo Antico, una serie di strutture del Bronzo Medio e Tardo e una occupazione dell’età del Ferro.
Le ricerche della MAIPE sono svolte sulla base dell’accordo con la Direzione Generale delle Antichità della Regione del Kurdistan d’Iraq e sono sostenute dall’Università degli Studi di Milano, dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (DGSP Uff. VI), dal Ministero dell’Università e della Ricerca (Programmi PRIN).

Al seguente link immagini da drone del sito: https://youtu.be/iZI5FuHIzlc

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

PROGETTO ARCHEOLOGICO ITALIANO A KÜLTEPE (Kayseri, Turchia)
Il Progetto Archeologico Italiano a Kültepe (PAIK) dell’Università degli Studi di Milano è diretto dal Prof. Luca Peyronel e rientra in un progetto di collaborazione internazionale avviato nel 2019 con l’Università di Ankara, che prevede ricerche archeologiche sul sito affidate alla componente italiana da parte della missione turca diretta dal Prof. Fikri Kulakoğlu. Oltre alle attività sul campo, l’accordo include lo studio dei materiali nei laboratori delle due università, progetti di didattica e formazione, programmi con scambio di studenti e docenti.
La missione congiunta ha un costante rapporto con la comunità locale che, da un lato partecipa direttamente allo scavo, dall’altro contribuisce alla valorizzazione del patrimonio archeologico della regione insieme a PAIK e Università di Ankara nella vicina città di Kayseri, attraverso iniziative culturali proposte in collaborazione con l’Università, le istituzioni, le scuole e le associazioni attive sul territorio.
Il sito di Kültepe, localizzato in Cappadocia, nella Provincia di Kayseri, è stato identificato con l’antica città di Kanesh/Nesha, capitale nel Bronzo Medio (prima metà del II millennio a.C.) di un principato anatolico. Agli inizi del XX sec. a.C. nel centro si stabilì una colonia/distretto commerciale mesopotamico (kārum), abitata da famiglie di mercanti provenienti da Assur, città assira nell’odierno Iraq del nord. Il sito è di eccezionale importanza soprattutto per il rinvenimento di decine di migliaia di tavolette cuneiformi (ca. 23.000 numeri di inventario) che testimoniano i fiorenti scambi commerciali tra la Mesopotamia settentrionale e l’Anatolia. Questi consistevano prevalentemente nella circolazione di metalli preziosi (oro e argento dall’Anatolia verso l’Assiria) e di tessili e stagno (dalla Assiria verso l’Anatolia). Gli scavi turchi degli ultimi anni hanno identificato inoltre una fase precedente l’epoca della colonia commerciale assira, con strutture pubbliche che testimoniano l’urbanizzazione della regione già durante il III millennio a.C.
Le ricerche condotte dalla missione italiana si concentrano in un’area cruciale dell’antico centro urbano, localizzata nella parte centro-meridionale del sito (Area 05 e 08), dove gli scavi turchi hanno identificato un complesso monumentale di edifici pubblici datati tra la fine del III e gli inizi del II mill. a.C., raccordati da una grande piazza pavimentata in pietra. Nel corso delle prime indagini della PAIK (2019-2020), volte a ricostruire nel dettaglio la sequenza occupazionale tra Bronzo Antico ed età del Ferro, sono state riportate alla luce una serie di strutture architettoniche relative soprattutto alle fasi del I mill. a.C., tra cui si distingue un edificio in pietra ben conservato al cui interno sono stati trovati diversi oggetti e vasellame ceramico e una sequenza di strutture databili agli inzi del II mill. a.C.
Le ricerche della PAIK sono sostenute dall’Università degli Studi di Milano, dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (DGSP Uff. VI), dal Ministero dell’Università e della Ricerca (programmi PRIN).

Al seguente link immagini da drone del sito: https://youtu.be/YAEbv_KXbgs

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

THIGNICA PROJECT - Flying over the Medjerda valley (Tunisia)
In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia 2021 il Thignica project presenta in anteprima il video Flying over the Medjerda valley. Le immagini raccontano le attività del team dell’Università di Sassari presso l’antica Thignica (Aïn Tounga in Tunisia), nella vallata del fiume Medjerda e il apporto di amicizia e interazione con le comunità locali per la tutela archeologica ed ecologica, la promozione del sito e la formazione, a partire dai bambini delle scuola primarie del territorio.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE DEL CENTRO DI ARCHEOLOGIA CRETESE - UNIVERSITÀ DI CATANIA (Creta)
La missione del CEARC che opera a Festòs e Haghia Triada (Creta) da diversi anni promuove una attiva inclusione delle comunità locali nella propria ricerca. Lo studio della tecnologia ceramica ha rappresentato, per es., un punto di incontro privilegiato tra i saperi minoici ricostruiti dai ricercatori italiani, e l’esperienza delle comunità di ceramisti del villaggio di Thrapsanò, a Creta, che operano secondo metodi tradizionali. I risultati sono presentati nel video.
Contemporaneamente, la missione collabora con la locale soprintendenza, contribuendo alla realizzazione della pannellistica di Haghia Triada ed alla creazione di contenuti multimediali per il Museo della Messara (si veda il video “Festòs protopalaziale, dal rilievo tradizionale al rilievo digitale”: https://www.youtube.com/watch?v=KMoMyHNvQys&t=12s).
La missione di Festòs opera dal 1977 a Haghia Triada in convenzione con la Scuola Archeologica Italiana di Atene, e dal 2014 partecipano al progetto con l’Università di Catania anche le università di Venezia (Ca’ Foscari), Genova, Udine, UniNettuno e il CNR-ISPC.

The mission of the CEARC working in Phaistos and Ayia Triada (Crete) since many years has promoted a deeper involvement of local communities in research activity. The study of pottery technology, e.g., has represented a privileged arena for a meeting between the reconstruction of Minoan technology by Italian researchers, and the expertise of contemporary jar makers of the Village of Thrapsano, who work following traditional methodologies. The results are presented in the video.
At the same time, the mission collaborates with the local Superintendency contributing to the realizations of panels for Ayia Triada and to the creation of multimedia products for the Museum of the Mesara (https://www.youtube.com/watch?v=KMoMyHNvQys&t=12).

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

PROGETTO ARCHEOLOGICO LIBANESE ITALIANO NELLA REGIONE DI TIRO (Libano)
Il Progetto Archeologico Libanese Italiano nella Regione di Tiro è una sinergia tra la Sapienza Università di Roma (Dott.ssa Marta D’Andrea), l’Università Libanese (Dott.ssa May Haider) e la Direzione Generale delle Antichità libanese (Dott. Ali Badawi) per la ricerca archeologica nelle aree di Shawakeer e Ras el-Ain, nella regione di Tiro e per la salvaguardia, la protezione e la promozione del patrimonio culturale attraverso le buone pratiche internazionali e il coinvolgimento attivo della comunità locale.

The Lebanese-Italian Archaeological Project in the Region of Tyre Project is a synergy between Sapienza University of Rome, the Lebanese University, and the Lebanese Directorate-General of Antiquities on archaeological research in a unique maritime landscape in the regions of Shawakeer and Ras el-Ain, in the region of Tyre. This is paired with conservation, protection, and promotion of cultural assets through international best practices and the engagement of the local community.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

ASKGATE - PROGETTO DI RICERCA INTERNAZIONALE ITALIA ISRAELE (Ashkelon, Israele)
Il progetto ASKGATE, diretto da Cecilia Luschi (DIDA - Università di Firenze), offre un'interpretazione dell'antica città di Ashkelon come porta sud della Terra Santa e propone un approccio al sito che può offrire risvolti turistici significativi se collegati alla ricerca attiva. Le diverse stratificazioni storiche che caratterizzano l'antico Tel vengono studiate da un gruppo italo israeliano e nell'occasione l'attività si apre a studenti di entrambe le nazioni per scoprire le radici mediterranee che fanno di Ashkelon un esempio della storia comune.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE ADULIS, ERITREA
La missione archeologica italo-eritrea nel sito dell’antica Adulis è attiva dal 2011. È diretta dalla Commission of Culture and Sport dell’Eritrea - Archaeological Heritage Research Branch, Asmara, e dal Centro Ricerche sul Deserto Orientale, Varese. Partners della missione sono l’Università Cattolica di Milano, il Politecnico di Milano, l’Università degli Studi dell’Insubria (Varese), l’Università degli Studi l’Orientale di Napoli.
Finalità della missione è valorizzare l’impatto della ricerca archeologica a lungo termine mediante la promozione dello sviluppo sostenibile in ambito locale, attuabile grazie al progetto di tutela e gestione del sito per mezzo della creazione del “Parco Archeologico Sostenibile di Adulis”.
Anche la ricerca archeologica è condotta con l’impiego prevalente di tecniche non invasive, quali le ricognizioni di superficie, le prospezioni geofisiche e l’osservazione da remoto. Le attività di restauro affiancano costantemente le operazioni di scavo.
Grande considerazione è dedicata allo studio e alla valorizzazione delle conoscenze tradizionali di gestione dell’acqua e dell’ambiente, al fine non solo di contribuire allo sviluppo locale, ma anche di promuovere la consapevolezza di una interdipendenza di fattori, con particolare attenzione alle sfide mondiali di siccità, impoverimento del suolo e sviluppo sostenibile.
Insieme ai docenti e archeologi italiani, operano sul campo archeologi eritrei e una quarantina di operai che abitano nei villaggi prossimi al sito archeologico. Durante questi primi dieci anni di attività della missione, è stato costantemente perseguito l’obiettivo della formazione degli operatori locali, in modo da assicurare la sostenibilità a lungo termine della gestione e tutela del patrimonio culturale e del paesaggio in cui esso è inserito. Ciò può essere garantito unicamente dal coinvolgimento della Comunità locale, erede del proprio paesaggio culturale e principale beneficiaria di uno sviluppo che pone al centro la qualità della vita.
La formazione in situ è affiancata da corsi in aula, dedicati non solo alla metodologia della ricerca archeologica, ma anche alla tutela, conservazione e gestione del patrimonio culturale. Nel 2020 il corso, tenuto presso la sede della Commission of Culture and Sport ad Asmara, ha visto la partecipazione di sessanta studenti, selezionati tra il personale della stessa Commission of Culture and Sport, del Museo Nazionale dell’Eritrea, del Museo di Massaua, dei dipartimenti amministrativi regionali.
L’archeologia può così offrire un contributo non solo per conoscere e capire le strategie insediative del passato, capaci di garantire la vita delle comunità antiche in contesti estremi, ma anche e soprattutto per una pianificazione sostenibile del paesaggio nel presente e nel futuro.
L’antica città-emporio di Adulis infatti, con le sue straordinarie architetture di pietra che si estendono su una superficie di quaranta ettari, dovette la sua prosperità non solo ai traffici delle merci di lusso che da qui transitavano tra Oceano Indiano e Mediterraneo, ma anche alla sapiente gestione delle risorse, in grado di assicurare il sostentamento dei suoi abitanti nel corso della sua lunga vita, tra il II millennio a.C. e il VII secolo d.C.
E’ infine doveroso ricordare l’instancabile impegno profuso da Alfredo Castiglioni, che ha dedicato gli ultimi anni della sua vita alla riscoperta di Adulis.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

A guardia del Mediterraneo. MISSIONE ARCHEOLOGICA A GOZO-RAS AL-WARDIJA
L’attività degli archeologi della Sapienza sull’isola di Gozo nell’arcipelago maltese risale agli anni ’60 del secolo scorso, quando la Missione Archeologica Italiana a Malta intraprese lo scavo sistematico presso il Santuario fenicio-punico di Ras il-Wardija, posto su un promontorio all’estremità sud-occidentale dell’isola.
La Missione delle Sapienza, grazie a una nuova convenzione con Heritage Malta, si propone di riprendere le indagini archeologiche nel sito e nell’area di pertinenza, e si pone come obiettivo la pubblicazione generale e definitiva del sito, completa di planimetrie dettagliate e ricostruttive e studio dei materiali.
L’approfondimento dello human landscape comprende anche un programma concordato con le autorità locali per la valorizzazione e la fruizione del sito. L’approccio della Missione è orientato verso un ampio coinvolgimento dei partners locali, primi tra tutti la Superintendence of Cultural Heritage, l’Istituto Italiano di Cultura a La Valletta, Il Museo archeologico di Gozo e l’Università di Malta, per perseguire uno sviluppo sostenibile secondo le linee guida di Horizon Europe, promuovendo la collaborazione internazionale, i partenariati e una politica di open science.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

Amasili House Project in Rosetta
La città di Rosetta (al-Rashid), nota soprattutto per il rinvenimento della famosa stele, è sede di numerosi edifici storici, tra i quali spicca il complesso architettonico ottomano di Casa Amasili. Su questo dal 2018 s’incentra un progetto di conservazione e valorizzazione da parte dell’Università di Padova, in concorso con il Ministero delle Antichità egiziano e l’American Research Center in Egitto, con lo scopo di creare un centro culturale e un’area espositiva dedicata all’archeologia del Delta occidentale del Nilo.

The city of Rosetta (al-Rashid), best known for the discovery of the famous stele, is home to numerous historical buildings, among which the Ottoman architectural complex of Amasili House stands out. This is the focus of a conservation and enhancement project by the University of Padua since 2018, in association with the Egyptian Ministry of Antiquities and the American Research Center in Egypt, with the aim to create a cultural center and an exhibition area dedicated to the archaeology of the western Nile Delta.

Michele Asolati, Mohamed Kenawi, Cristina Mondin

L'équipe è attiva anche presso Kom al-Ahmer e Kom Wasit, due importanti siti del Delta occidentale del Nilo.
https://youtu.be/Os0pnAsSTRk

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

Missione Archeologica ISMEO in Turkmenistan
Dal 1990 la Missione Archeologica italo-turkmena è impegnata nella regione del fiume Murghab (Turkmenistan meridionale) in numerosi progetti di ricerca. Tali progetti mirano allo studio del fenomeno urbano in relazione all’antico sistema idrico del conoide alluvionale del fiume tra la media età del Bronzo e l’inizio del Ferro (2400-900 a.C.), mediante lo studio della cartografia antica, lo scavo stratigrafico e la ricognizione di superficie.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

Progetto Multidisciplinare Archeologico Internazionale a Shahr-i Sokhta
Il progetto archeologico a Shahr-i Sokhta finanziato dall’Università del Salento è altresì supportato dal MAECI, dall’Iranian Center for Archaeological Research e dal Research Institute of Cultural Heritage and Tourism of the Islamic Republic of Iran. Il progetto, che ha come obiettivo quello di indagare le società complesse dell’Iran orientale tra la seconda metà del IV e l’intero III millennio a.C., affianco alle attività di scavo archeologico, si avvale di studi paleobotanici, archeo-zoologici, antropologici, paleogenetici e topografici.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

Missione Archeologica Italiana nel Kurdistan Iracheno
La Missione Archeologica Italiana nel Kurdistan Iracheno - Sapienza Università di Roma - opera nell’ambito della salvaguardia e valorizzazione dei beni culturali del Kurdistan iracheno dedicandosi allo scavo e studio del monumento sasanide di Narseh a Paikuli, alla conservazione dei suoi reperti presso lo Slemani Museum, e all’analisi della stratigrafia archeologica e della ceramica della Cittadella di Erbil. Le attività sono realizzate in sinergia con gli enti locali e prevedono la formazione sul campo di archeologi e funzionari.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

GERICO (Palestina) - Le indagini archeologiche della Sapienza Università di Roma
Tell es-Sultan/l’antica Gerico, grande scavo della Sapienza e missione archeologica italiana all’estero finanziata dal MAECI, è uno dei principali siti archeologici del Vicino Oriente, occupato per più di quattordici millenni e dopo cento anni di ricerche archeologiche è ancora ricco di monumenti e informazioni.
Tell es-Sultan ebbe un ruolo preminente nelle rotte del commercio interregionale dall’Anatolia all’Egitto, dal Mediterraneo al Mar Rosso e al Golfo Arabo-Persico.
Dal 1997 la Missione della Sapienza e del Dipartimento palestinese opera sul sito per una rinnovata conoscenza delle culture preclassiche del Vicino Oriente.

Missioni della Sapienza Università di Roma, dirette dal prof. Lorenzo Nigro, sono attive anche a
Betlemme (Palestina) https://youtu.be/Wx2SXlceZBg
e Khirbet al-Batrawy (Giordania) https://youtu.be/EqoNu4c_rdo

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

La Missione congiunta irano-italiana dell’Università di Bologna e dell’ISMEO nel Fars
Nel 2020 la Missione congiunta irano-italiana, supportata dall'Università di Bologna e dall'ISMEO, dall'Università di Shiraz, dal Research Institute for Cultural Heritage and Tourism-RICHT e dall'Iranian Centre for Archaeological Research-ICAR, grazie alla sua natura di missione congiunta e alla disponibilità del MAECI e dell’Ambasciata d’Italia a Tehran, ha potuto realizzare i suoi progetti nonostante l'impossibilità dei membri italiani di recarsi in Iran a causa della pandemia.
Grazie alla disponibilità di internet nel sito di Tol-e Ajori, il co-direttore italiano e i suoi collaboratori italiani hanno seguito i lavori, durati dal 15 ottobre 2020 al 19 marzo 2021, via Whatsapp, potendo dialogare con i colleghi iraniani sul campo. Contemporaneamente, una riunione quotidiana tra i membri delle due squadre, iraniana e italiana, ha permesso l'illustrazione dettagliata del lavoro svolto durante la giornata e la pianificazione del lavoro per il giorno successivo: un'esperienza unica e pionieristica di “scavo telematico“ che è stata l'unica soluzione possibile per permettere alla Missione Italiana di mantenere fede al proprio impegno, e che ha prodotto risultati di ottima attendibilità scientifica, anche e soprattutto per la serietà e competenza dei colleghi iraniani impegnati sul campo. La formula della “missione congiunta” ha dimostrato qui tutta la sua validità, perché l’inclusività e il coinvolgimento di archeologi iraniani e italiani in un progetto scientifico veramente condiviso durato dieci anni hanno permesso la crescita parallela dei componenti della missione indipendentemente dalla loro nazionalità, grazie alla quale la prosecuzione dell’attività nel 2020-21 ha potuto mantenere immutato l’approccio metodologico dello scavo.
Alla profonda interazione tra archeologi iraniani e italiani fa riscontro nei confronti della comunità locale un approccio mirante a superare le diffidenze dei proprietari dei terreni ricompresi nell’area attorno alla Terrazza di Persepoli sottoposta a vincolo archeologico. Nei confronti delle comunità locali la Missione Congiunta ha dall’inizio adottato una politica di inclusione, prospettando i grandi vantaggi di uno sviluppo economico legato al turismo sostenibile.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

Ricerche archeologiche dell'Università di Macerata
Dalla fin degli anni ‘60 e a partire dalle ricerche avviate dal Prof. A Di Vita, l’Università di Macerata ha sviluppato un’intensa attività di ricerca che si è resa fattiva con l’avvio di numerose missioni archeologiche soprattutto, in collaborazione con il MAECI, all’estero, in particolare in Libia, Grecia ed Albania.

Lo stretto rapporto e la collaborazione con le comunità locali è da sempre uno dei punti di forza della presenza maceratese nei luoghi che ospitano ancora le missioni di scavo.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

“Sul sentiero di Adriano“ - ricerche ad Hadrianopolis e nella valle del Drino
Le ricerche che del 2005 l’Università di Macerata conduce ad Hadrianopolis (Sofratikë) e nella valle del Drino, in Albania meridionale, sono integrate in un progetto di valorizzazione condiviso con le comunità locali del patrimonio archeologico ai fini dello sviluppo sostenibile.

Per questo, insieme al Piano del Parco, fin dal 2006 è nato il Festival “Sul Sentiero di Adriano”, giunto alla quarta edizione con l’obiettivo di rifunzionalizzare il teatro romano, restaurato e riconsegnato alla popolazione locale.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

Archeologia e inclusione - La testimonianza della dr. Georgia Karvunaki
“L’ argomento delle giornate europee di quest’anno, e in particolare le parole inclusione, comunità locali, interazioni, mi hanno spinta a voler presentare la mia testimonianza nei confronti del lavoro svolto dalla SAIA sul territorio greco. La mia testimonianza, non essendo un’archeologa, non riguarda gli scavi, le conferenze e i corsi di specializzazione, ma l’interazione della scuola con la comunità locale. La mia testimonianza naturalmente è una della tante...“ G. Karvunaki

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

Missione Archeologica in Albania “Progetto Durrës”
Dir. Sonia Antonelli (DiSPuTer, Università di Chieti-Pescara), co-dir. Elvana Metalla (Istituto di Archeologia di Tirana)
Il progetto di collaborazione italo-albanese ha come focus lo scavo nell'anfiteatro di Durrës. Sono state evidenziate significative fasi di epoca post-classica che consentono di ricostruire l’evoluzione di un settore della città dal VI secolo d.C. alla fine dell’età ottomana, attraverso la rifunzionalizzazione degli spazi a scopo artigianale, abitativo, funerario e cultuale. Alle indagini archeologiche si affiancano attività di survey geoarcheologiche e archeosismologiche.
Il contenuto digitale consiste in una videolezione di SONIA ANTONELLI (UNICH) e ELVANA METALLA (Istituto di Archeologia di Tirana) tenuta in data 30 novembre 2020, dal titolo “L'Anfiteatro di Durrës: archeologia della città per la città“, nell'ambito del ciclo di webinar: “Le ricerche archeologiche italo-albanesi. Ricerca, conservazione, sviluppo sostenibile” in collaborazione con l'Ambasciata d'Italia a Tirana, il Ministero della Cultura albanese, Assorestauro, l'Istituto di Archeologia di Tirana, l'Università di Chieti-Pescara, l'Università di Bologna, l'Università di Macerata e il CNR - Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

Missione Archeologica in Francia “Blies Survey Project”
Dir. Sonia Antonelli (DiSPuTer, Università di Chieti-Pescara), co-dir. Jean-Paul Petit (Conservateur en chef honoraire, ancien directeur du Parc Archéologique européen de Bliesbruck-Reinheim) e Andreas Stinsky (Kulturreferent des Saarpfalzkreises).
Il progetto si pone in continuità con le ricerche condotte nell’insediamento di Bliesbruck (Moselle) e ha come obiettivo lo studio del territorio con un approccio “globale” e diacronico, attraverso ricognizioni e indagini geofisiche e paleoambientali finalizzate alla ricostruzione del paesaggio nel suo divenire. Il territorio indagato ricade attualmente sul confine tra Francia e Germania. Il progetto beneficia di un ampio network di ricerca internazionale e interdisciplinare.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE IN INDONESIA - UNIVERSITA' DI NAPOLI “L'Orientale“
Nel 2020 un team dell’Università di Napoli “L’Orientale” e Universitas Indonesia ha effettuato il rilievo fotogrammetrico della barca di Punjulharjo (Central Java) del VII secolo d.C. Questa operazione rientra nell’ambito dell’Indonesian Boatbuilding Endangered Heritage Project, un progetto che mira a documentare le peculiarità della costruzione navale antica e contemporanea delle barche indonesiane e il loro contesto socio-culturale.

In 2020 a team from the University of Napoli “L'Orientale“ and Universitas Indonesia carried out a photogrammetric survey of a 7th century AD boat found in Punjulharjo, Central Java.
This fieldwork is part of the Indonesian Boatbuilding Endangered Heritage Project. The aim is to record the peculiarities of ancient and contemporary boats and boatbuilding practices in Indonesia and the related socio-cultural context.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

PROGETTO AOUAM (Marocco) - VALORIZZAZIONE DELLA MINIERA ANTICA
Il progetto Prospezioni archeologiche a Meknes per la ricostruzione dei contesti archeometallurgici punici del Maghreb, avviato nel 2012 con il bilaterale CNRST (Maroc)/CNR (Italia), diventa missione archeologica CNR-MAECI dal 2013, fondato su una rete di collaborazioni italiane e internazionali. Con l’accordo di collaborazione con la CMT proprietaria della miniera, dal 2016 si è avviata la valorizzazione del sito archeologico di Aouam e la creazione del “Centre du patrimoine minier d’Ighrem Aoussar à Tighza: Archèomine, Archèologie et Minèralogie” inaugurato il 17 giugno 2019.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE ITALO-EGIZIANA AD ASSUAN (EIMAWA Egyptian-Italian Mission at West Aswan)
La Missione italo-egiziana ad Assuan (EIMAWA Egyptian-Italian Mission at West Aswan) dell’Università degli Studi di Milano e del Ministero del Turismo e delle Antichità egiziane, diretta da Patrizia Piacentini e Abdelmanaem Said, opera nell'area desertica circostante il Mausoleo dell'Aga Khan. Circa 300 tombe databili tra il VI sec. a.C. e il IV sec. d.C. sono state mappate, e oltre trenta scavate con risultati significativi. La ricognizione topografica ha permesso di individuare molte altre sepolture scavate nella collina o sotterranee, su una superficie di circa 100.000 mq.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE ARCHEOLOGICA ITALIANA A MALTA RICERCHE A TAS-SILĠ
La Missione Archeologica Italiana a Malta nasce nel 1963 con l’obiettivo di indagare il santuario plurimillenario di Tas-Silġ (Marsaxlokk) unitamente ad altri siti dell’arcipelago (San Pawl Milqi - Burmarrad e Ras-il-Wardija nell’isola di Gozo).
Una nuova stagione di scavi è stata condotta a Tas-Silġ tra il 1996 e il 2011 in collaborazione con la Superintendence of Cultural Heritage e Heritage Malta. Le ricerche, sostenute dal Ministero degli Esteri Italiano e dalle varie Università afferenti alla Missione e attuate tramite le più recenti metodologie di analisi, sono ora rivolte allo studio del sito anche nel quadro degli sviluppi storico-culturali del Mediterraneo centrale dalla preistoria all’età bizantina.
In stretta collaborazione con le istituzioni maltesi, l’Università di Malta, l’Istituto Italiano di Cultura e l’Ambasciata Italiana, la Missione è impegnata nella disseminazione al pubblico dei risultati, tramite conferenze, workshops e open-day sul sito.

The Italian Archaeological Mission was established in 1963 with the aim of exploring the multimillennial sanctuary at Tas-Silġ (Marsaxlokk), as well as other sites in the archipelago (San Pawl Milqi - Burmarrad and Ras-il-Wardija - Gozo).
New fieldwork was undertaken at Tas-Silġ between 1996 and 2011 in synergy with the Superintendence of Cultural Heritage and Heritage Malta. Research activities, supported by the Italian Ministry of Foreign Affairs and the Universities collaborating on the Mission, are now mostly devoted to the study of the site in the framework of Central Mediterranean historic trajectories from Late Prehistory to the Byzantine period.
In tight collaboration with the Maltese institutions, the University of Malta, the Italian Cultural Institute and the Italian Embassy the research team is committed to the dissemination of results to the public through conferences, workshops and open days on the site.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

LA NUOVA VITA DEL TEATRO DEI DERVISCI DANZANTI (CIERA - Il Cairo)
Il Centro Italo-Egiziano per il Restauro e l’Archeologia (CIERA) opera, al Cairo, nell’area d’insediamento dei Dervisci Mevlevi, che raccoglie, in circa 10.000 mq, una stratificazione di epoche e di stili databili dal VII al XIX sec. d.C.

Il Centro è organizzato come cantiere-scuola, dove la concreta attività di recupero si intreccia costantemente con la ricerca archeologica, scientifica e tecnologica e con la formazione (teorica e pratica) delle varie figure impegnate nei processi di restauro: operai, tecnici, artigiani, professionisti.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

PROGETTO HUACAS - archeologia spaziale e applicazioni geofisiche nella regione Lambayeque (Perù)
In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, l’ICA condivide volentieri il materiale trasmesso dalla dott. Maria Ilaria Pannaccione Apa dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Direttrice del progetto HUACAS nell’ambito delle Missioni Archeologiche all’Estero – Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale (MAECI) .
Obiettivo è il monitoraggio periodico sistematico dei siti archeologici della regione Lambayeque (Perù) esposti a rischi naturali ed artificiali con l’uso di immagini ottiche ad alta risoluzione acquisite dal satellite PERUSAT-1 ed elaborazioni geofisiche.
Nel video un estratto della presentazione del progetto tenutasi in occasione della conferenza virtuale dell’11 settembre 2020 nell'ambito delle celebrazioni per i 99 anni del Museo Arqueológico Nacional Brüning.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

GLI SCAVI ITALIANI NEL QUADRO DELLA MISSIONE FRANCO-EGIZIANA AL RAMESSEUM, LUXOR, EGITTO
A partire dalla campagna di scavo del 2017, un team italiano (Tommaso Quirino, MiC-SABAP-MI; Anna Consonni, Museo Archeologico Nazionale di Firenze-Museo Egizio; Paolo Marini: Museo Egizio di Torino; Fiorenza Gulino, Mimosa Ravaglia e Flavio Redolfi Riva, archeologi professionisti) è stato associato alle ricerche della missione franco-egiziana sull’area occupata dal Ramesseum, diretta dal Dr. Christian Leblanc nell’ambito dalla Mission archéologique française de Thèbes-ouest (MAFTO), in partenariato con il Centre d’Étude et de Documentation sur l’Ancienne Égypte (CEDAE, Ministry of Tourism and Antiquities), l’Association pour la Sauvegarde du Ramesseum (ASR), il Centro di Egittologia Francesco Ballerini (CEFB). Agli archeologi italiani è stata affidata la ripresa degli scavi negli “annessi nord”, una serie di strutture in mattoni crudi, che coprono un’area di circa 12.000 m2 ed erano parte del complesso economico-amministrativo del Tempio.
Le ricerche si svolgono in stretta collaborazione con i funzionari del territorio e le maestranze locali, ma trattandosi di una missione congiunta, fanno parte dei diversi team di scavo anche alcuni egittologi e membri egiziani del CEDAE. Questi ultimi (fra cui Amany Abd el-Moneim Tantawy e Ossama Bassiouni el-Damanhouri) affiancano anche gli archeologi italiani, che hanno così potuto offrire ai colleghi egiziani specifica formazione relativa a: documentazione di scavo, applicazioni informatiche alla ricerca archeologica (GIS, fotogrammetria automatica), disegno archeologico.

Guarda la Conferenza dedicata agli scavi italiani, tenutasi presso il Museo Egizio di Torino al link https://www.youtube.com/watch?v=lPkl22GsCBc


Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE ARCHEOLOGICA DE “L’ORIENTALE” DI NAPOLI IN OMAN
La Missione è nata nel 2014 con lo scopo di procedere con lo studio delle comunità costiere e montane dell’Oman settentrionale in epoca storica, ovvero dalla fine del II millennio a.C. all’avvento dell’islam.

In particolare, affrontare lo studio delle comunità costiere note nelle fonti classiche come Ittiofagi e nelle fonti assire come Regno di Qade. La missione opera in accordo con le autorità locali anche per la disseminazione tra il grande pubblico e la formazione di esperti locali in campo archeologico e turistico.

The Mission was born in 2014 with the aim of proceeding with the study of the coastal and mountain communities of northern Oman in historical times, that is from the end of the second millennium BCE to the advent of Islam. In particular, address the study of coastal communities known in classical sources as Ichthyophagi and in Assyrian sources as Kingdom of Qade.

The mission works in agreement with the local authorities also for the dissemination among the local public and the training of local experts in the archaeological and tourism field.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE ARCHEOLOGICA ITALIANA IN ARABIA SAUDITA, DUMAT AL-JANDAL (antica Adummatu)
Dal 2011 la Missione archeologica italiana in Arabia Saudita, Dumat al-Jandal (antica Adummatu) collabora alla disseminazione della mostra “Roads of Arabia. Treasures from ancient Saudi Arabia”.

In particolare, tra il 2011 e il 2013 il team italiano ha collaborato alla realizzazione del documentario “Roads of Arabia” (https://www.youtube.com/watch?v=LTZxQqc1E1Y) prestando per lo Smithsonian Channel il proprio operato sia in fase di scavo, presso Dumat al-Jandal, che di prospezioni archeologiche condotte assieme alle autorità regionali del Jawf e con il coinvolgimento di operai ed esperti locali.

Dal 2013, la Missione collabora con le autorità locali per la gestione e conservazione del parco archeologico di Dumat al-Jandal, attraverso interventi di manutenzione annuali delle aree in corso di scavo, con il coinvolgimento e la formazione di operai ed esperti locali.

Al link che segue il video dei restauri https://youtu.be/jNVOnknVJTo

Since 2011 the Italian archaeological mission in Saudi Arabia, Dumat al-Jandal (ancient Adummatu) collaborates to the dissemination of the exhibit “Roads of Arabia. Treasures from ancient Saudi Arabia”. In particular, between 2011 and 2013 the Italian team collaborated to the making of the documentary “Roads of Arabia” (https://www.youtube.com/watch?v=LTZxQqc1E1Y) by filming for the Smithsonian Channel the excavation in Dumat al-Jandal and the fields surveys conducted by the archaeological project together with the al-Jawf Regional Authorities, by involving local workers and experts.

Since 2013, the Mission collaborates with local authorities for the management and conservation of the Dumat al-Jandal archaeological park, through annual maintenance interventions of the areas being excavated, with the involvement and training of local workers and experts.

At the following link the video of the restorations https://youtu.be/jNVOnknVJTo

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE ARCHEOLOGICA ITALIANA IN PAKISTAN (SWAT) Barikot project ISMEO/ Università di Venezia Ca' Foscari
L'antica Bazira/Barikot, città assediata da Alessandro Magno, con i suoi 3000 anni di sequenza archeologica ininterrotta, è un importante punto di riferimento della Valle dello Swat (Pakistan). Le indagini degli ultimi 30 anni hanno portato archeologi italiani e pakistani ad importanti risultati, tra cui la conservazione di gran parte dell'area archeologica. Il progetto archeologico prevede il coinvolgimento della comunità locale per mezzo di progetti educativi, sia in lingua urdu che pashto, in termini di riscoperta e conoscenza del proprio patrimonio culturale, in particolare per i giovani.
Il video dello scavo del tempio shahi (VIII-X secolo), rinvenuto sull'acropoli, è stato girato nell'autunno del 2020 da ragazzi della comunità torwali, una minoranza linguistica dello Swat, ed è in lingua pashto, parlata dalla maggioranza degli abitanti. Vi compaiono Luca M. Olivieri direttore dello scavo, Michele Minardi, archeologo e Malak Abrar Torwali, blogger e producer.

The ancient Bazira / Barikot, a city besieged by Alexander the Great, with its 3000 years of uninterrupted archaeological sequence, is an important landmark of the Swat Valley (Pakistan). The investigations of the last 30 years have led Italian and Pakistani archaeologists to important results, including the conservation of a large part of the archaeological area. The archaeological project foresees the involvement of the local community through educational projects, both in Urdu and Pashto, in terms of rediscovery and knowledge of their cultural heritage, especially for young people.
The video of the excavation of the shahi temple (8th-10th century), found on the acropolis, was shot in the autumn of 2020 by young people from the Torwali community, a linguistic minority of Swat, and is in Pashto language, spoken by the majority of the inhabitants. It includes Luca M. Olivieri, director of the excavation, Michele Minardi, archaeologist and Malak Abrar Torwali, blogger and producer.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

PROGETTO ARCHEOLOGICO MULTIDISCIPLINARE A MAASSER EL-SHOUF - QALAAT EL-HOSN
Il Progetto Archeologico Multidisciplinare a Maasser el-Shouf - Qalaat el-Hosn (MeSAP), diretto da Silvia Festuccia (Università degli Studi “Suor Orsola Benincasa“ di Napoli) e co-diretto da Myriam Ziadé (Direzione Generale delle Antichità del Libano), è stato individuato dall'Istituto Centrale per l’ Archeologia come progetto pilota, con l'obiettivo di sviluppare sistemi standardizzati correlati alle metodologie archeologiche tradizionali, alle tecniche non invasive, alle attività di pre-conservazione e ai metodi di rilevamento e di documentazione archeologica per la ricerca archeologica italiana all'estero.

Il progetto, intrapreso nel 2018, ha l’obiettivo di studiare l’occupazione umana delle montagne meridionali del Libano dall'età del Bronzo al periodo Ottomano.

Il sito di Qalaat el-Hosn (1200 slm) si trova circa 1 km a ovest del villaggio di Maasser el-Shouf, sulla catena montuosa sud-occidentale del Libano e occupa una posizione importante nell'Alto Shouf.

I risultati delle prime indagini hanno permesso di identificare l'insediamento di Qalaat el-Hosn in cui è stata rilevata la presenza di un tempio, aree di estrazione e lavorazione e numerose tombe scavate nella roccia. L'analisi preliminare delle strutture e dei materiali suggerisce che l’occupazione più intensa del sito sia attribuibile al periodo Romano, dal I secolo a.C. al II secolo d.C. Alcuni frammenti di ceramica del Tardo Bronzo attestano la presenza di una precedente frequentazione del sito.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE ARCHEOLOGICA IN EGITTO : NEFERHOTEP PROJECT A LUXOR
Collaborazione tra archeologi e antropologi Italiani (Università G.d’Annunzio di Chieti-Pescara: Oliva Menozzi del Centro di Ateneo di Archeometria e Microanalisi e Ruggero d’Anastasio del Museo Universitario di Chieti), egittologi Argentini (Università di Buenos Aires: Violeta Pereyra) e Brasiliani (Museo Archeologico di Rio De Janeiro: Antonio Brancaglion), ispettori Egiziani (Antiquity Department-West Bank: Ezz Elnabye) e restauratori Tedeschi (Team di Restauratori della ProCon di Colonia: Cristhina Verbeek).

Il progetto prevede documentazione e restauro delle 6 tombe del complesso funerario con rilievo e documentazione 3D di tutto l'ampio complesso architettonico rupestre.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE ARCHEOLOGICA A CIRENE E LAMLUDA IN LIBIA
Progetto in collaborazione tra il Department of Antiquities di Cirene e l'Università di Chieti (Oliva Menozzi, Eugenio Di Valerio e Maria Giorgia Di Antonio).

Il progetto è molto articolato e prevede varie attività, sia sul campo, sia di remote monitoring che di training a distanza e in presenza di tecnici libici indicati dal dipartimento.

Le tematiche vanno dallo studio e allestimento di statue e rilievi nel Museo delle Sculture di Cirene, che conserva un patrimonio scultoreo di enorme valore artistico e culturale; a GIS e studio della Necropoli di Cirene; scavi a campione di alcune tipologie di tombe; scansione con Laser Scanner 3D e mappatura diagnostica.; studio e Scavo dei santuari rupestri; mappatura della chora, costellata di gsur (fortificazioni), fattorie e villaggi rurali regolarmente distribuiti lungo i principali percorsi della viabilità locale e lungo il limes romano e bizantino; scavo di un villaggio rurale a Lamludah posto lungo il limes.

Il training tra il 2012 ed il 2020 è stato fondamentale per costituire un team congiunto di monitoraggio della chora di Cirene e per approfondire tematiche specifiche, su richiesta del Diaprtimento, come il GIS, il restauro dei lapidei, il management del sito, la definizione delle buffer zones e l'organizzazione. Per rendere maggiormente effettivo il training si è costituito un consorzio di diverse missioni che hanno collaborato con la missione: Missione di Urbino (Oscar Mei), Roma 3 (Luisa Musso) , Chieti (Oliva Menozzi) e Missione a Giarabub (Vincenzo d'Ercole). Il training ha avuto luogo tra 2016 e 2019 con diversi corsi che si sono svolti a Roma, Chieti, Urbino e Pompei.

Gratuito

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

MISSIONE ARCHEOLOGICA A CIPRO : MPM PROJECT, archeologia del territorio e archeologia subacquea
Progetto in collaborazione tra IL CAAM dell’Università G.d’Annunzio di Chieti-Pescara (Oliva Menozzi), il Department of Antiquities of Cyprus, il Museo Archeologico di Limassol (Yannis Violaris) e il Cyprus Institute (Sorin Hermon).

Il progetto prevede attività di survey intensivo, remote sensing, GIS, prospezioni geo-archeologiche non invasive, scavo archeologico, analisi archeometriche, ricognizioni subacquee, GIS.

Il progetto si incentra su un transetto che parte dalle pendici dei Trodos nel distretto orientale di Limassol, sino alle foci deli fiumi Moni e Pyrgos in un interessante contesto geo-morfologico e minerario.

Gratuito

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Parco archeologico di Ostia antica

717 Viale dei Romagnoli
00119 Roma

https://www.ostiaantica.beniculturali.it/it/home/

Il Parco archeologico di Ostia antica comprende l'antica città di Ostia, prima colonia romana fondata alla foce del Tevere, il sito archeologico dei Porti imperiali di Claudio e Traiano nel Comune di Fiumicino, l'area archeologica della necropoli di Porto all'Isola Sacra, le basiliche paleocristiane di Sant'Ippolito, di Pianabella, la torre medievale chiamata Tor Boacciana, il Castello rinascimentale di papa Giulio II e la chiesetta di Sant'Ercolano. Queste aree raccontano la storia del rapporto di Roma con il fiume e il mare dal IV secolo a.C. a oggi.

Porte aperte

Frammenti di storie: faccia a faccia con gli antichi ostiensi
Una lezione di antropologia fisica con l'antropologa del Parco Paola Francesca Rossi, che mostrerà con esempi tratti dalle collezioni ostiensi quante informazioni si possano ricavare dalle ossa dei nostri antenati.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

Opérateur :

Paola Francesca Rossi / Dario Daffara

-Aménageur :

Parco archeologico di Ostia antica

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 16:00 à 18:00

Adulti

Workshop

Occhio ai colori
Un laboratorio didattico per famiglie con bambini in età scolare (6-11 anni), nel quale i piccoli artisti potranno cimentarsi nella produzione di un piccolo affresco romano, da portare a casa come ricordo.

Il laboratorio si svolge nell'area dei Porti imperiali di Claudio e Traiano (Fiumicino) - Prenotazione obbligatoria.

Gratuito

Sabato 19 giugno de 11:00 à 13:00 et de 16:00 à 18:00

Famiglie

Workshop

Cercasi scheletro!
Laboratorio didattico per famiglie con bambini in età scolare (6-11 anni), che prevede lo scavo simulato di un modello di scheletro.

Il laboratorio si svolge nell'area dei Porti imperiali di Claudio e Traiano (Fiumicino) - Prenotazione obbligatoria.

Gratuito

Sabato 19 giugno de 11:00 à 13:00 et de 16:00 à 18:00

Famiglie

Workshop

Caccia al mosaico
Un laboratorio didattico per famiglie con bambini in età scolare (6-11 anni), nel quale due squadre si sfideranno per trovare il più bel mosaico di Ostia.

Prenotazione obbligatoria.

12.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 20 giugno de 11:00 à 13:00

Famiglie

Lazio, Roma, Roma

Area archeologica di Settecamini - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Via di Casal Bianco angolo Via Tiburtina, chiesetta di fronte “Al Casaletto” bistrot
00131 Roma RM

La borgata di Settecamini custodisce Via Tiburtina antica che attraversa due aree archeologiche prossime alla via Tiburtina moderna.

La strada, allora come oggi, da Roma conduceva a Tivoli. Proseguendo per la costa adriatica, come tutti gli assi viari, la via Tiburtina ha avuto una funzione inclusiva che, come un nastro, ha raccordato nel tempo molteplici realtà : luoghi di culto, case, tombe, strutture produttive e commerciali, punti di ristoro e di accoglienza.

Settecamini oggi è un quartiere vivace, una delle più antiche borgate romane in cui passato e presente convivono dinamicamente custodendo e rinnovando le tradizioni e storia della città eterna.

Visita guidata

Visita guidata all'area archeologica di Settecamini cd. della “Grande Corte”
Al bivio tra Via di Casal Bianco e via Tiburtina a Settecamini, alle spalle di una piccola chiesa settecentesca, c’è un’area archeologica di proprietà della Sovrintendenza Capitolina. Qui è ben visibile l’antica via Tiburtina che entra in un edificio con un grande cortile.

La visita all’area sarà l’occasione in cui La Cooperativa Conto alla Rovescia presenterà ai visitatori le schede archeologiche elaborate in linguaggio lineare. Le schede sono testi che descrivono il bene archeologico con parole comprensibili, organizzate in modo chiaro. L'obiettivo è quello di rendere il sapere scientifico-archeologico accessibile alla maggior parte delle persone, fornendo diversi livelli di lettura.

Prenotazione obbligatoria allo 060608.

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 10:00 à 11:30

Qualunque pubblico

Visita guidata

Visita guidata all'area archeologica di Settecamini, IX miglio
In occasione delle Giornate europee dell’archeologia la visita all’area archeologica del IX miglio sarà affiancata da una passeggiata patrimoniale inedita, curata dal dott. Mario Pentassuglio, cittadino di Settecamini e membro del comitato di quartiere.

Prenotazione obbligatoria allo 060608.

Gratuito

Sabato 19 giugno de 18:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Il Criptoportico di Colle Oppio

Viale del Monte Oppio
00184 Roma RM

A due passi dal Colosseo, nel cuore di Colle Oppio, si celano i resti di un edificio di epoca imperiale dalla ricchissima decorazione musiva.

Contenuto digitale

Visita virtuale al Criptoportico del Colle Oppio

Gratuito

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Guidonia Montecelio

Click & Discover

Via della Rocca, 1
00010 Montecelio RM

https://www.clickanddiscover.it/

“Click & Discover” è nato all’indomani dell’emergere della pandemia legata al virus SARS-CoV-2 come risposta all’impossibilità di spostamento dalla propria abitazione, con una conseguente inaccessibilità ai luoghi della cultura, dovuta alle necessarie misure di distanziamento fisico.

Il principale punto di forza del progetto è quello di coniugare, da un lato, la fruibilità del patrimonio culturale attraverso l’esperienza immersiva del Virtual Tour e delle ricostruzioni 3D e, dall’altro, la promozione del territorio in vista di un rilancio del settore turistico nel futuro post-pandemico.

Contenuto digitale

Lancio del sito web
In occasione delle Giornate Europee dell'Archeologia verrà lanciato il sito web www.clickanddiscover.it.

“Click & Discover” è nato all’indomani dell’emergere della pandemia legata al virus SARS-CoV-2 come risposta all’impossibilità di spostamento dalla propria abitazione, con una conseguente inaccessibilità ai luoghi della cultura, dovuta alle necessarie misure di distanziamento fisico. Il principale punto di forza del progetto è quello di coniugare, da un lato, la fruibilità del patrimonio culturale attraverso l’esperienza immersiva del Virtual Tour e delle ricostruzioni 3D e, dall’altro, la promozione del territorio in vista di un rilancio del settore turistico nel futuro post-pandemico.

La necessità di un simile progetto nasce dalla volontà di valorizzare e rendere ancora più accessibile il vasto patrimonio culturale del territorio. Monumenti, edifici ed aree a carattere storico-archeologico, poli culturali e luoghi di culto saranno visitabili grazie alle più moderne tecnologie, con approfondimenti, didascalie e contenuti ricostruiti in computer grafica 3D che saranno visualizzabili direttamente dal proprio pc o dispositivo mobile.

Altro punto di forza della proposta è costituito dalla grande accessibilità e inclusività garantita dalle piattaforme impiegate, totalmente gratuite e semplici da utilizzare per qualsiasi tipo di utente.
Inoltre, il prodotto è costantemente aggiornabile e migliorabile tramite il continuo inserimento di nuovi contenuti multimediali come virtual tour e ricostruzioni in computer grafica.

Gratuito

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Medie, Superiori

Lazio, Roma, Roma

I camminamenti delle Mura Aureliane

Via Campania
00187 Roma RM

Realizzate alla fine del III secolo d.C. per fare fronte alle nuove esigenze difensive della città, le Mura Aureliane ancora oggi costituiscono un elemento caratteristico del paesaggio urbano di Roma.

Di recente, la Sovrintendenza Capitolina ha operato la riqualificazione dei tratti di camminamenti lungo via Campania e viale Pretoriano.

Si tratta di spazi che saranno aperti al pubblico, per passeggiate dal panorama inedito. Scoprite di più con questa visita guidata virtuale a cura dei nostri archeologi!

Contenuto digitale

Visita Guidata sulle Mura Aureliane

Gratuito

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

La via Appia Antica

via Appia Antica

La storia della via Appia Antica raccontata da chi l'ha progettata e costruita agli inizi del IV secolo a.C., il censore Appio Claudio Cieco.

Contenuto digitale

Visita guidata virtuale sull'Appia Antica

Gratuito

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

La Privata Traiani Domus

Piazza del Tempio di Diana
00153 Roma RM

Durante il suo regno (249-251), l'imperatore Decio fece erigere sull'Aventino, divenuto in età imperiale un quartiere aristocratico, un edificio termale.

Le strutture preesistenti, databili alla prima metà del II secolo d.C., sono state da alcuni attribuite all'abitazione dell'imperatore Traiano, che le fonti collocavano sul colle.

Contenuto digitale

Visita guidata virtuale alla Privata Traiani Domus

Gratuito

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

L'insula dell'Ara Coeli

Piazza dell'Ara Coeli
00186 Roma

Tra il Vittoriano e la scalinata dell'Ara Coeli sono visibili i resti di un'insula, ossia di una casa d'affitto romana, la forma di abitazione più comune nella Roma imperiale.

I resti visibili sono solo una parte di un complesso architettonico che si estendeva alle pendici del Campidoglio.

Contenuto digitale

Visita guidata virtuale all'insula dell'Ara Coeli

Gratuito

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Il sepolcreto della via Ostiense

Via Ostiense, 195
00146 Roma RM

Il Sepolcreto costituisce oggi l’unico settore visibile di una vasta necropoli che fiancheggiava l’antica via, rinvenuta durante lavori stradali nel 1917, anche se già parzialmente nota da alcuni ritrovamenti del XVIII-XIX secolo.

Si tratta di un contesto archeologico che si presentava in uno straordinario stato conservativo, utilizzato continuativamente dal II secolo a.C. al IV d.C., con un’ampia varietà di edifici sepolcrali che attestano il passaggio dal rito dell’incinerazione a quello dell’inumazione. La tipologia di edificio più frequente è quella dei colombari per la deposizione di urne cinerarie, dotati di stucchi, affreschi e pavimenti a mosaico.

Contenuto digitale

Visita guidata virtuale al sepolcreto della via Ostiense

Gratuito

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Acquedotto Vergine - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Via Pietralata-angolo via di Vigna Mangani
00162 Roma RM

In Via di Pietralata, a ridosso del corso dell’Aniene, corre uno dei pochi tratti di Acquedotto Vergine costruito fuori terra.

La potente infrastruttura, realizzata poco più di 2000 anni fa, è ancora funzionante e porta l’acqua anche alla fontana di Trevi.

Il tempo e i numerosi interventi di manutenzione hanno trasformato l’aspetto dell’acquedotto antico fino a farlo sembrare un muro.

Visita guidata

Visita guidata all'acquedotto Vergine
La visita sarà l’occasione per far (ri)conoscere ai cittadini una magnifica infrastruttura e la perizia tecnica affinata dai romani nel campo idraulico. Si rifletterà insieme sul paesaggio antico e sui progetti in continua evoluzione.

Prenotazione obbligatoria allo 060608.

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 17:30 à 18:30

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Museo della villa di Massenzio - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Via Appia Antica, 153
00043 Roma RM

Tra il secondo ed il terzo miglio della via Appia antica si estende una delle aree archeologiche più belle della campagna romana, la villa dell’imperatore Massenzio, lo sfortunato avversario di Costantino il Grande nella battaglia di Ponte Milvio del 312 d.C. Il complesso archeologico, è costituito da tre edifici principali il palazzo, un circo ed un mausoleo dinastico.

Il monumento più noto di tutto il complesso è il circo per le corse dei carri, l’unico dei circhi romani ancora ben conservato in tutte le sue componenti architettoniche.

Il mausoleo dinastico, allineato lungo la via Appia, era un edificio a pianta circolare, chiuso all’interno di un quadriportico. Si può visitare la camera sepolcrale, nella quale fu certamente sepolto il figlio di Massenzio, Romolo Augusto.

Visita guidata

Visita guidata al Museo della villa di Massenzio
Prenotazione obbligatoria allo 060608.

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 10:30 à 11:30

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Museo delle Mura Aureliane - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Via di Porta San Sebastiano 18
00183 Roma RM

La Porta Appia è una delle più imponenti tra le porte che si aprono nella cinta delle Mura Aureliane, aperta in corrispondenza della via Appia. Il suo nome cambiò nel corso del Medioevo in Porta S. Sebastiano, in memoria del martire cristiano sepolto nella catacomba fuori le mura.

Tra il 1940 e il 1943 la Porta fu oggetto di importanti lavori di restauro diretti dall’arch. Luigi Moretti e finalizzati alla sua trasformazione in studio-abitazione per il Gerarca Fascista Ettore Muti.

Il Museo delle Mura, qui ospitato, offre ai visitatori un itinerario sulle fasi costruttive delle Mura di Roma, raccontata attraverso plastici, calchi e pannelli tattili.

Visita guidata

Visita guidata al Museo delle Mura
La visita comprende una suggestiva passeggiata sul tratto di camminamento che si dirige verso la via Cristoforo Colombo.

Dalla terrazza, che sovrasta una delle due torri, si può godere di una magnifica vista.

Prenotazione obbligatoria allo 060608.

Gratuito

Sabato 19 giugno de 11:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Soprintendenza Speciale di Roma - Area Archeologica di Gabii

Prenestina Nuova
00132 Roma RM

https://www.soprintendenzaspecialeroma.it/schede/area-archeologica-di-gabii_3005/

Gabii era un'importante città del Latium vetus, posta al XII miglio della via Prenestina, che collegava Roma a Præneste. Oggi parte dell'abitato, abbandonato nel corso del medioevo, è stato acquisito dal Demanio dello Stato e assegnato in uso alla Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma.Nell’ambito del programma Gabiinsieme - per una valorizzazione dell’area archeologica di Gabii - promosso da Municipio Roma VI delle Torri, Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma, Dipartimento di Storia, Patrimonio Culturale, Formazione e società dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, per le GIORNATE EUROPEE DELL'ARCHEOLOGIA. Visita guidata, narrazioni sceniche, laboratori di archeologia sperimentale

Visita guidata

visita guidata con ARPAE
a cura del Laboratorio ARPAE (Archeologia dei Paesaggi Urbani) dell'Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, in collaborazione con l'Associazione Culturale Arkekairos

Gratuito

Domenica 20 giugno de 10:00 à 11:00 et de 11:00 à 12:00

Famiglie

Dimostrazione

Gabii eroica laboratori con La Legio Secunda Parthica
un laboratorio di archeologia sperimentale e attività di rievocazione storica a cura della Legio Secunda Parthica Severiana - Cerealia Festival

Gratuito

Domenica 20 giugno de 10:00 à 18:00

Bambini

Visita guidata

Gabii EROICA
visita guidata con archeologo con ausilio di auricolari monouso wireless e narrazioni sceniche nei pressi dei ritrovamenti archeologici più significativi con Paola Sarcina e Gerardo Dino Ruggiero. A cura di Music Theatre International e Adv Collina della Pace - Cerealia Festival

Gratuito

Domenica 20 giugno de 16:00 à 18:00

Famiglie

Lazio, Roma, Roma

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Piazzale di Villa Giulia 9
00196 Roma RM

www.museoetru.it

Villa Giulia, costruita da papa Giulio III tra il 1550 e il 1555, rappresenta uno splendido esempio di villa rinascimentale, sorta come residenza suburbana, analogamente ad altri complessi cinquecenteschi di Roma e dintorni.

Al progetto e alla realizzazione parteciparono i più grandi artisti dell’epoca: Giorgio Vasari, Jacopo Barozzi da Vignola e Bartolomeo Ammannati. Dal 1889 accoglie il Museo di Villa Giulia che, nato come Museo delle Antichità preromane, in particolare falische, si può oggi definire il più rappresentativo Museo Etrusco, ricco di testimonianze provenienti dall'Etruria Meridionale, ovvero dal territorio compreso tra il Tevere ed il mare Tirreno (alto Lazio).

Contenuto digitale

La phiale di Pyrgi per le Giornate Europee dell'Archeologia
In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, l'iniziativa nata nel 2009 sotto l’egida del Ministero della Cultura francese per mezzo dell'Inrap, Institut National de Recherches Archéologiques Préventives (INRAP), e in seguito estesa ai Paesi europei, #ETRU presenta un video di approfondimento su un’opera molto importante della collezione museale: la phiale con lo sterminio dei Proci. Un vaso rituale attribuito al Pittore di Brygos e dipinto nella tecnica a figure rosse, offerto in dono alle divinità nel Santuario meridionale di Pyrgi, il porto dell'antica Caere.

Il video-racconto, costruito e narrato da Maria Paola Guidobaldi, conservatrice delle collezioni e responsabile anche della sezione Cerveteri-Pyrgi del museo, nell’illustrare caratteristiche e significati complessi e profondi dell’opera nel suo specifico e plurisecolare contesto di rinvenimento, pone in evidenza anche quanto articolato, variegato e stratificato sia il lavoro scientifico che è alla base di ogni ricerca archeologica, a conclusione e a valle del quale ogni frammento è in grado di raccontare le piccole e grandi storie in esso racchiuse.

Il video sarà disponibile a partire dalle ore 12 di venerdì 18 giugno sul canale YouTube Etruschannel https://youtube.com/c/Etruschannel
Si ringrazia Oreste Baldini per la partecipazione.

Gratuito

Adulti

Circuito di scoperta

Piccole storie al museo
E' l'inizio di una storia, anzi di tante “Piccole storie al museo“ dedicate ai piccoli visitatori. Ecco che arrivano all’ETRU le favole che raccontano il mondo degli etruschi.

Sabato 19 giugno alle ore 10.30 e alle ore 12.00, in occasione delle Giornate Europee dell'Archeologia, i più piccoli sono invitati a scoprire con i loro occhi le meraviglie del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia.
Attraverso letture dal vivo e libri illustrati i piccoli scopriranno miti e storie antiche seduti davanti alle vetrine del Museo.

Attività a cura dei Servizi Educativi adatta ai bambini di età compresa tra 5 e 10 anni.
Gruppo max di 7 bambini

Prenotazioni all'indirizzo mail mn-etru.didattica@beniculturali.it

Attività compresa nel biglietto d'ingresso gratuito per i bambini.

Gratuito

Sabato 19 giugno de 10:30 à 11:30 et de 12:00 à 13:00

Bambini

Lazio, Roma, Roma

L'Ufficio Scavi di Centocelle - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Ufficio scavi SDO
Via Orazio Pierozzi, 38
00172 Roma RM

Nel cuore del quartiere Casilino, l'ufficio custodisce i materiali archeologici provenienti dagli scavi del pianoro di Centocelle.

Visita guidata

Visita guidata al magazzino degli scavi di Centocelle
La visita, articolata a tappe, darà modo ai visitatori di approcciare gli aspetti legati alla conservazione del materiale dopo lo scavo e, attraverso l’esposizione di alcuni reperti, di conoscere la vita quotidiana degli abitanti delle ville antiche portate alla luce dalla Sovrintendenza Capitolina a partire dagli anni Novanta.

Prenotazione allo 060608.

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 17:15 à 18:15

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Il Sepolcreto Ostiense - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Via Ostiense, di fronte al civ. 195
Ingresso da Parco Schuster, presso la Basilica di San Paolo fuori le mura
00146 Roma RM

Il sepolcreto della via Ostiense è l’unica parte oggi visitabile di una vasta necropoli romana rinvenuta nel 1917, durante lavori stradali presso la basilica di S. Paolo.

Le tombe, prevalentemente della tipologia “a colombario” e dotate di stucchi, affreschi dipinti e pavimenti a mosaico, mostrano una continuità di uso dal I secolo a.C. al IV secolo d.C., documentando il passaggio tra il rito funerario dell’incinerazione e quello dell’inumazione.

I sepolcri costituiscono un’importante testimonianza della popolazione che abitava questo settore della città. Le numerose iscrizioni funerarie rinvenute nell’area ci parlano di un ceto medio di artigiani e mercanti, spesso di origine servile, con nomi orientali o greci.

Visita guidata

Visita guidata al Sepolcreto della via Ostiense
A cura di Marina Marcelli e Cristina Carta.

Prenotazione obbligatoria allo 060608.

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 10:30 à 11:30 et de 12:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Rome

Ancient Theaters for Our Mediterranean Future: Scaena Mediterranea

Via Ficulnea 26, Rome, 00137

https://ride.mediper.eu

The event will take place ONLINE, in the framework of the Virtual Marathon of the Anna Lindh Foundation. The event will be broadcast on the Facebook page of Mediterranean Perspectives: https://www.facebook.com/prospettive.mediterranee

Conferenza

Ancient Theaters for Our Mediterranean Future: Scaena Mediterranea
The annual Italian event of the “Ancient Theaters for Our Mediterranean Future: Scaena Mediterranea“ French-Italian initiative will be an opportunity to enhance our common Greek-Roman historical and archaeological heritage, a fundamental resource for Euro-Mediterranean dialogue and cooperation between the Euro-Med collective identities. Through our ancient theaters’ initiative, we also intend to make local communities aware of their respective territories’ material and immaterial values.
The aim of this specific event is to coordinate with the partners the initiative's activities by better structuring the cooperation with the partners, in particular with the French Foreign Ministry and the new Head of the Anna Lindh Foundation in France.

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 10:00 à 11:30

Adulti

Lazio, Roma, Roma

I cd. Trofei di Mario

Piazza Vittorio Emanuele, ingresso lato Via Carlo Alberto del giardino Nicola Calipari
00185 Roma RM

L’imperatore Alessandro Severo fece costruire sull’Esquilino un grandioso ninfeo ricco di vasche ricolme d’acqua, di statue e gruppi marmorei : la sua posizione su uno dei punti più alti della città lo rendevano visibile da vari punti di Roma e il suono prodotto dall’acqua che lo caratterizzava riempiva tutta la zona circostante.
Ma la sua funzione non era solo di “arredo” della città : il ninfeo era infatti un “castellum aquae”, cioè un punto di distribuzione dell’acqua agli edifici imperiali, ai cittadini che ne facevano richiesta e agli edifici pubblici.

Oggi rimangono gli imponenti resti all’interno del giardino Nicola Calipari a Piazza Vittorio, ma del nome dell’imperatore che li edificò nessuno si ricorda perché per tutti i romani quelli sono i ruderi dei Trofei di Mario.

Visita guidata

Il trionfo dell’acqua : il ninfeo di Alessandro Severo all’Esquilino - Visita guidata
Durante la visita guidata si avrà modo di comprendere la topografia della zona in cui il monumento si trova e di chiarire come esso vi fu strategicamente inserito e i suoi rapporti con le strutture antiche circostanti, di ammirarne l’aspetto originario, di capirne la complessa struttura ed il suo funzionamento, ricostruito grazie agli studi di Leonardo Lombardi, di scoprire la sua storia a partire dalla fine dell’impero romano fino ad arrivare al suo stato attuale e di comprendere il perché della sua moderna denominazione.

Prenotazione obbligatoria allo 060608.

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 16:00 à 17:00 Sabato 19 giugno de 10:00 à 11:00 Domenica 20 giugno de 11:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Museo delle Civiltà

Piazza Guglielmo Marconi, 14
00144 Roma

museocivilta.beniculturali.it

Il Museo delle Civiltà è istituto dotato di autonomia speciale del Ministero della Cultura (MiC).
Istituito nel 2016, è attualmente diretto da Loretta Paderni, su delega del Direttore generale Massimo Osanna.

Raccoglie le collezioni dei seguenti musei:

- museo preistorico etnografico “Luigi Pigorini”;
- museo delle arti e tradizioni popolari “Lamberto Loria”;
- museo dell’alto Medioevo “Alessandra Vaccaro”;
- museo d’arte orientale “Giuseppe Tucci”;
- museo italo africano “Ilaria Alpi” (ex Museo Coloniale).

La nascita del Museo delle Civiltà si inserisce nella visione di grandi musei internazionali incentrati sull’uomo e le sue culture, per la valorizzazione di patrimoni e testimonianze delle diverse identità e memorie.

Lazio, Roma, Roma

Villa di Livia... a Prima Porta

126, via della Villa di Livi
00188, Roma

https://www.soprintendenzaspecialeroma.it/schede/villa-di-livia_3027/

Gli imponenti resti della Villa di Livia Drusilla, moglie di Ottaviano Augusto, emergono lungo l'antica Via Flaminia, in posizione dominante la valle del Tevere, presso Prima Porta; la villa è denominata dalle fonti “ad gallinas albas“ in ricordo di uno straordinario evento beneaugurale occorso alla giovane Livia, appena divenuta moglie di Ottaviano.

Il viale d'accesso, pavimentato, immette negli ambienti privati (visibili i cubicula di Livia e dell'imperatore, l'atrio e il piccolo giardino interno) e nella zona di rappresentanza che si affaccia sul peristilio, con ampi ambienti riccamente decorati. Una grande terrazza porticata con giardino ornava il lato orientale della residenza, affacciata sulla valle del Tevere. Nel settore nord si trova un ben organizzato complesso termale.

Visita guidata

La Villa dell'imperatri8ce Livia Drusilla “ad gallinas albas“, a Prima Porta
Visita guidata teatralizzata, condotta dall'archeologa Daniela Muscianese Claudiani, con interventi degli attori Sara Franchetti e Marco Masiello, Appuntamento alla biglietteria della Villa il giorno 20 giugno 2021 alle 10.15.

Attività offerta gratuitamente con prenotazione obbligatoria formello@archeoclubitalia.org. Uso di auricolari. Distanziamento. Max 24 persone.

Gratuito

Domenica 20 giugno de 10:15 à 12:30

Qualunque pubblico

accesso persone con mobilità ridotta




Lazio, Roma, Roma

Parco Archeologico dell’Appia Antica | Trekking archeologico alla scoperta del IV miglio della via Appia Antica

via Appia Antica, 222​
00178, Roma

https://www.parcoarcheologicoappiaantica.it/

Il Parco Archeologico dell’Appia Antica è un Istituto del Ministero della Cultura che esercita le proprie competenze nell’ambito della tutela, della conservazione e della valorizzazione al fine di promuovere l’ambito territoriale attraversato dall'antica via Appia con il suo patrimonio culturale, materiale e immateriale, archeologico, monumentale e paesaggistico.

Il Parco ha in consegna un ampio tratto dell’antica via Appia con i monumenti sui lati, e i siti di Cecilia Metella e Castrum Caetani, Capo di Bove, Villa dei Quintili e Santa Maria Nova, il Parco delle Tombe della via Latina, il complesso degli Acquedotti, la Villa dei Sette Bassi, l’Antiquarium di Lucrezia Romana.

Circuito di scoperta

Trekking archeologico
A piedi lungo la via Appia Antica tra III e IV miglio della via Appia Antica accompagnati dalla dott.ssa Maria Teresa Di Sarcina del Servizio Educativo del PAAA.

Partenza e ritorno presso il complesso di Capo di Bove sulla via Appia Antica. Durata prevista circa 2 ore. Si consiglia di indossare scarpe comode, di munirsi di acqua e di un cappello.

Appuntamento alle ore 9.00 presso l'ingresso di Capo di Bove in via Appia Antica 222​.
Per la visita dell'area esterna del Complesso di Capo di Bove non è richiesto il biglietto.
Numero massimo partecipanti: 15, con prenotazione tramite mail a pa-appia.servizioeducativo@beniculturali.it.

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 09:00 à 11:00 (Prenotare scrivendo a pa-appia.servizioeducativo@beniculturali.it)

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Parco Archeologico dell’Appia Antica | Alla scoperta dell'Antiquarium della Villa dei Quintili

Via Appia Nuova 1092
00178 Roma

https://www.parcoarcheologicoappiaantica.it/

Il Parco Archeologico dell’Appia Antica è un Istituto del Ministero della Cultura che esercita le proprie competenze nell’ambito della tutela, della conservazione e della valorizzazione al fine di promuovere l’ambito territoriale attraversato dall'antica via Appia con il suo patrimonio culturale, materiale e immateriale, archeologico, monumentale e paesaggistico.

Il Parco ha in consegna un ampio tratto dell’antica via Appia con i monumenti sui lati, e i siti di Cecilia Metella e Castrum Caetani, Capo di Bove, Villa dei Quintili e Santa Maria Nova, il Parco delle Tombe della via Latina, il complesso degli Acquedotti, la Villa dei Sette Bassi, l’Antiquarium di Lucrezia Romana.

Visita guidata

Alla scoperta dell'Antiquarium della Villa dei Quintili
Visita guidata all'Antiquarium e introduzione all'area archeologica della Villa a cura della dott.ssa Nadia Fagiani del Servizio Educativo del Parco Archeologico dell'Appia Antica.

Numero massimo partecipanti per ciascuna visita: 10 (le prenotazioni saranno effettuate il giorno stesso in ordine di arrivo fino a esaurimento posti)

Per partecipare è necessario possederela Mia Appia Card

12.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 20 giugno de 10:00 à 11:00 Domenica 20 giugno de 16:00 à 17:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Monte Porzio Catone

Parco Archeologico Culturale di Tuscolo

Strada Provinciale 73b
00040, Ardea, Roma

www.tuscolo.org

Il Parco Archeologico Culturale di Tuscolo, situato a pochi km da Roma, è il cuore storico e culturale dei Castelli Romani, dove natura, storia e archeologia si fondono in uno scenario unico.

Nell’area si conservano i resti dell’antica città latina di Tusculum, fondata secondo la leggenda da Telegono, mitico figlio di Ulisse e della Maga Circe. Le tracce archeologiche di diverse epoche storiche testimoniano le vicende dell’importante città latina, dalla sua origine preromana fino alla distruzione nel 1191.

Un percorso visita si snoda oggi lungo i resti degli edifici dell’antico foro fino a raggiungere il teatro romano, certamente il monumento più emblematico ed identitario dell’area archeologica.

Degustazione

Le Vinalia Tuscolane
Varrone ricorda che sulle porte di Tusculum era scritto che non si portasse in città il vino nuovo, prima di aver proclamato le Vinalia, le antiche celebrazioni della comunità tuscolana dedicate al vino nuovo, a Venere e a Giove.

Sabato 19 e Domenica 20 Giugno presso il Parco Archeologico del Tuscolo celebreremo questa nuova ripartenza con delle nuove Vinalia. Una festa per stare insieme, degustare il vino e scoprire le bellezze antiche e moderne di Tuscolo.

Alle ore 18 sia sabato che domenica una visita guidata tematica all’area archeologica con degustazione finale presso l’antico teatro di Tuscolo.
“L’Enoica Battaglia del Lago Regillo“ vuole infatti raccontare l’antica battaglia che ha cambiato le sorti di Roma e del mondo intero, attraverso l'assaggio dei vini di quattro produttori che oggi lavorano nella zona dell’antico Lago. Un modo per rievocare in maniera pacifica e divertente la famosa battaglia del Lago Regillo.

Necessaria la prenotazione
prenotazioni@tuscolo.org
3914225048

10.00 €

Domenica 20 giugno de 18:00 à 19:30 Sabato 19 giugno de 18:00 à 19:30

Adulti

Lazio, Roma, Formello

Archeoclub d'Italia Sede di Formello

3, piazza Ferrucci
00060 Formello

https://www.archeoclubformello.it

Tra arte e storia: Andrea Mantegna e Tivoli. Archeoclub d'Italia Sede di Formello....

La Sede di Formello di Archeoclub d'Italia presente una videoconferenza su temi di archeologia e storia dell'arte, tenuta dal dott. Alessandro La Porta, archeologo.

Lo studio, che nel 2020 è stato pubblicato sul Bullettino della Commissione archeologica comunale di Roma, col titolo “Andrea Mantegna e Tivoli. Alcune note di topografia tiburtina tra l'età romana e la seconda metà del '400“, muove dalla conoscenza diretta dei monumenti dell'agro tiburtino e dal confronto con gli affreschi di Mantegna nel Palazzo Ducale di Mantova; basato su ricerche interdisciplinari, si focalizza sulla topografia antica della città, ipotizzando come Mantegna possa avere appreso i particolari presenti nel dipinto, fino a non escludere una visione diretta dei manufatti ancora visibili alla sua epoca.

Contenuto digitale

Tra arte e storia: Andrea Mantegna e Tivoli
Videoconferenza interdisciplinare su temi archeologici e storico-artistici: movendo dal confronto tra alcuni particolari dell'affresco del Palazzo ducale di Mantova e la topografia tiburtina, si indaga sulla eventuale conoscenza diretta dei luoghi da parte del pittore. On line venerdì 18, sabato 19, domenica 20. Accesso gratuito.

Durata h 1.20.

Gratuito

Domenica 20 giugno de 10:00 à 19:00 Sabato 19 giugno de 10:00 à 19:00 Venerdì 18 giugno de 10:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Parco Archeologico dell’Appia Antica | Alla scoperta del Mausoleo di Cecilia Metella e del Castello dei Caetani

via Appia Antica 161
00179 Roma

www.parcoarcheologicoappiaantica.it

Il Parco Archeologico dell’Appia Antica è un Istituto del Ministero della Cultura che esercita le proprie competenze nell’ambito della tutela, della conservazione e della valorizzazione al fine di promuovere l’ambito territoriale attraversato dall'antica via Appia con il suo patrimonio culturale, materiale e immateriale, archeologico, monumentale e paesaggistico.

Il Parco ha in consegna un ampio tratto dell’antica via Appia con i monumenti sui lati, e i siti di Cecilia Metella e Castrum Caetani, Capo di Bove, Villa dei Quintili e Santa Maria Nova, il Parco delle Tombe della via Latina, il complesso degli Acquedotti, la Villa dei Sette Bassi, l’Antiquarium di Lucrezia Romana.

Visita guidata

Alla scoperta del Mausoleo di Cecilia Metella e del Castello dei Caetani
Accompagnati da Stefano Roascio, funzionario archeologo responsabile del monumento, sarete guidati in un viaggio nella storia, dall’eruzione del Vulcano Laziale sino al medioevo.

Appuntamento alle 11.30 e alle 17.30, all’ingresso su via Appia Antica 161.

Il gruppo non potrà superare le 20 persone e sarà formato senza prenotazione in base all’ordine di arrivo. Per partecipare è necessario avere la Mia Appia Card.

12.00 €

Domenica 20 giugno de 11:30 à 12:30 et de 17:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Drugstore Museum

via Portuense, 317
00149 Roma

www.soprintendenzaspecialeroma.it

Un mix tra archeologia e contemporaneità declinato in un modello gestionale pubblico e partecipato. Il Drugstore Museum e il Circuito Necropoli Portuense, che è parte del patrimonio della Soprintendenza Speciale di Roma che si articola in un percorso territoriale pensato per la periferia storica del quadrante Ovest della città di Roma. Il fulcro del percorso è rappresentato dal Drugstore Museum che si pone, proprio per la sua storia, come un luogo di contaminazione tra antico e moderno con una vocazione per la valorizzazione della cultura materiale e immateriale contemporanea, attraverso le arti applicate, il design, le produzioni industriali del XX secolo, il patrimonio demoetnoantropologico. Il Drugstore Museum si trova nel piano commerciale dello stabile al 317 di Via Portuense

Visita guidata

Drugstore Archaeological Experience
Tavole, trowel, pennelli, testi antichi, frammenti: benvenuti nel laboratorio dell’archeologo. Come si svolge il lavoro di uno specialista del passato? In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, la Soprintendenza Speciale di Roma diretta da Daniela Porro, promuove tra le varie iniziative digitali e in presenza, “Drugstore Archaeological Experience”. Una occasione unica per trascorre una giornata nel laboratorio dell’archeologo con visita guidata alla Necropoli Portuense, il tutto presso il Drugstore Museum di via Portuense 317 a Roma.

L’appuntamento è per domenica 20 giugno insieme al responsabile del Drugstore Museum, Alessio De Cristofaro, e in collaborazione con l’Associazione Sinopie. Nel laboratorio dell’archeologo si sveleranno i retroscena di una professione affascinante e ricca di sorprese. Si susseguiranno due turni di visita al mattino, rispettivamente alle 10.30 e alle 12.00 e due turni nel pomeriggio, alle 16.00 e alle 17.30, l’ingresso è gratuito, ma la prenotazione è obbligatoria scrivendo a:
ss-abap-rm.urp@beniculturali.it e/o alessio.decristofaro@beniculturali.it

Gratuito

Domenica 20 giugno de 10:00 à 11:00 et de 12:00 à 13:00Domenica 20 giugno de 16:00 à 17:00 et de 17:30 à 18:30

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Lazio, Roma, Roma

Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio

piazza dei Cinquecento, 67 - 00185 Roma

www.soprintendenzaspecialeroma.it

La Soprintendenza Speciale di Roma, diretta da Daniela Porro, è un istituto del Ministero della Cultura dotato di autonomia amministrativa, contabile, scientifica e organizzativa. La Soprintendenza Speciale, frutto della riorganizzazione del Ministero ai sensi del D.M. n. 44 del 23/01/2016 e s.m.i., si occupa della tutela e della valorizzazione dello straordinario patrimonio storico, architettonico, artistico e paesaggistico della città eterna. La competenza si estende a siti di grande importanza aperti al pubblico come le Terme di Caracalla, l'area di Santa Croce in Gerusalemme, Villa di Livia e Arco di Malborghetto. Luoghi unici, come l'area archeologica di Gabii, la Fonte di Anna Perenna, il Museo la Polledrara di Cecanibbio e la Basilica sotterranea di Porta Maggiore

Contenuto digitale

Il cielo sopra Gabii
Il cielo sopra Gabii è l’evento digitale promosso dalla Soprintendenza Speciale di Roma in occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia 2021. Sabato 19 giugno alle ore 12.30 sarà mostrato in anteprima il video da drone effettuato sull’Area Archeologica di Gabii a ottobre 2020 e resterà disponibile sul canale Youtube della Soprintendenza Speciale di Roma.
Il video, frutto di una collaborazione tra la Soprintendenza Speciale di Roma (arch. Chiara Andreotti – dott. Rocco Bochicchio) e il Laboratorio di Archeologia dei Paesaggi Urbani (prof. Marco Fabbri) dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, realizzato dalla Poleis Soc. Coop. Arl e montato da Piervincenzo Nardese, mostra l’antica città latina e le sue vestigia in tutta la sua straordinaria bellezza: il santuario di Giunone Gabina (e l’équipe del Museo del Louvre al lavoro), il “Foro Hamilton”, l’area urbana (scavi università del Michigan), le terme, la chiesa di San Primitivo, le mura, il santuario orientale e la “regia” spiccano in un paesaggio che conserva praticamente intatte le tradizionali caratteristiche del suburbio romano, altrove ormai perdute.
Per informazioni sulle attività di valorizzazione dell’Area Archeologica di Gabii, attualmente in corso grazie al programma Gabiinsieme: https://www.soprintendenzaspecialeroma.it/eventi/gabiinsieme-tra-mito-archeologia-e-paesaggio-sulle-tracce-del-sublime_175/

Gratuito

Sabato 19 giugno de 12:15 à 12:30

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

Sguardi di Storia, il video racconto del Marmorarius
Eutropos ha una tecnica davvero raffinata. Intaglia, decora, cesella e in molti si rivolgono alle sue capacità da artigiano. Eutropos è un Marmorarius ed è il protagonista del terzo video-racconto Sguardi di Storia, realizzato dalla Soprintendenza Speciale di Roma e dalla Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.
Il ciclo di video-racconti è incentrato sui personaggi del Mausoleo di Sant’Elena e delle adiacenti Catacombe dei Santi Marcellino e Pietro. In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, il racconto del Marmorarius sarà l’evento digitale proposto per venerdì 18 giugno. Disponibile dalle ore 12.30 sul canale Youtube della Soprintendenza e sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/soprintendenzaspecialeroma
https://www.facebook.com/marcellinoepietro

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 12:00 à 12:15

Qualunque pubblico

Contenuto digitale

Ritratto d’archeologo da ascoltare, ii podcast Soprintendenza Speciale Roma
Le Giornate Europee dell’Archeologia sono l’occasione giusta per presentare un nuovo canale social della Soprintendenza Speciale di Roma ed è tutto da ascoltare.
Ritratto d’archeologo in versione podcast, curato dal Servizio Educativo, segna il debutto su Spotify. L’evento digitale realizzato per le JEA prende il via venerdì 18 giugno alle ore 9.00 con il ritratto di Rodolfo Lanciani. Si prosegue sabato 19 giugno con il racconto di Salvatore Aurigemma, Soprintendente a Roma negli anni ’40, che si trovò ad affrontare prima l’opera di difesa e poi di ricostruzione dei beni culturali dai danni della Seconda Guerra Mondiale. E infine, domenica 20 giugno sarà protagonista Gianfilippo Carettoni che ha legato il suo nome al Museo Archeologico di Cassino e per tutta la sua lunga carriera, ha messo al primo posto la tutela del patrimonio archeologico romano.

Gratuito

Domenica 20 giugno de 09:00 à 09:30 Sabato 19 giugno de 09:00 à 09:30 Venerdì 18 giugno de 09:00 à 09:30

Qualunque pubblico

Lazio, Viterbo, Tuscania

Tuscania

Via del Comune, 1

https://www.facebook.com/gruppoarcheologicotuscania

Anche a Tuscania verranno celebrate le Giornate Europee dell'Archeologia 2021, un evento di livello internazionale.

Esposizione

Presentazione della collezione “ETruSHIRT“
Presentazione della collezione “ETruSHIRT“, magliette dedicate agli etruschi a cura del Gruppo Archeologico Città di Tuscania in collaborazione con Atipico, alle ore 18.00 al Bar Centrale.

Gratuito

Venerdì 18 giugno de 18:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Degustazione

“Frammenti di storia“
“Frammenti di storia“ apericena presso il Caffè del Duomo alle ore 20.00 poi a seguire passeggiata per il Centro Storico di Tuscania. (Solo su prenotazione)

15.00 €

Sabato 19 giugno de 20:00 à 23:00

Qualunque pubblico

Visita guidata

Museo Archeologico Nazionale di Tuscania
Visita al Museo Archeologico Nazionale di Tuscania alle ore 10.00. (Solo su prenotazione)

Gratuito

Domenica 20 giugno de 10:00 à 12:00

Qualunque pubblico