Stampa il programma

Select your region or print the program.

57 risultati
Abruzzo, Chieti, Chieti

Museo Archeologico Nazionale "la Civitella"

Via Giuseppe Salvatore Pianell, 1
66100 Chieti

www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=316&nome=museo-archeologico-nazionale-la-civitella

Il Museo si trova sull’altura della Civitella, l’acropoli dell’antica Teate Marrucinorum, dove sono stati rinvenuti i resti dei frontoni fittili di tre templi di Età Repubblicana. Nello stesso sito è visitabile anche l’Anfiteatro romano.
Le collezioni comprendono reperti dal Paleolitico all’Alto Medioevo e illustrano la storia dell’antica Teate e del territorio abitato dai Marrucini.
Il percorso è articolato in tre sezioni: “L’inizio della storia urbana” espone materiali dalle aree sacre di Teate, in particolare i frontoni dei templi di Età Repubblicana; “La terra dei Marrucini” presenta materiali dall’area marrucina, tra cui la statuetta bronzea conosciuta come la Dea Madre di Rapino; “Da Roma a ieri” raccoglie reperti dalla città romana. Tra questi spicca il mausoleo di Lusius Storax.

Visita guidata

“Il passato…in persona” - visita guidata animata
Visita guidata animata a cura dell'Associazione Mnemosyne, per scoprire le collezioni del Museo “la Civitella“ insieme a storie e racconti dell'antica Teate dalla viva voce dei suoi protagonisti.
Contributo per l’attività: €6,00 a persona (gratuito per i bambini)
Prenotazione obbligatoria al n. 338/4425880 anche via WhatsApp

6.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 17:00 à 17:45 et de 18:00 à 18:45

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Workshop

Storie dalla Terra - Detective al Museo - Dall'argilla al vaso: laboratori per bambini e famiglie
Laboratori per bambini e famiglie a cura dell'Associazione Mnemosyne:
- “Storie dalla Terra”: simulazione di uno scavo archeologico
- “Detective al Museo”: catalogazione dei reperti archeologici
- “Dall’argilla al vaso”: realizzazione di un vaso preistorico
Attività gratuite, su prenotazione al n. 338/4425880 anche via WhatsApp. È necessaria la presenza di almeno un adulto accompagnatore.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 16:00 à 19:00

Bambini, Famiglie

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

i minori dovranno essere accompagnati da almeno un genitore, i gruppi scolastici da un professore ogni 15 alunni

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Abruzzo, Chieti, Chieti

Museo Archeologico Nazionale d'Abruzzo, Villa Frigerj

3, Via Costanzi
66100 Chieti

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it

Il museo espone la più importante raccolta archeologica abruzzese, seguendo criteri espositivi che privilegiano gli aspetti etnici e topografici per un arco temporale che abbraccia le fasi protostoriche fino a quelle alto-medievali. Al piano terra si contempla il Guerriero di Capestrano, un capolavoro del VI secolo a.C., insieme ad altre significative sculture preromane. Qui è inoltre presente una ricca sezione numismatica e l’ottocentesca collezione Pansa, con oggetti eterogenei. Al primo piano sono esposti i reperti dai più rilevanti contesti archeologici abruzzesi, dai Vestini, ai Peligni, ai Marrucini, ai Carricini. La scalinata monumentale ricongiunge il percorso con i manufatti dei Sabini, dei Frentani, degli Equi e dei Marsi al piano inferiore.

Workshop

Alla scoperta del mestiere dell'archeologo: lo scavo stratigrafico
Laboratorio gratuito per adulti e bambini per vivere l'esperienza di uno scavo archeologico con veri reperti e mettere in pratica metodi e procedure della ricerca sul campo. E' gradita prenotazione

Gratuito

Sabato 15 giugno de 16:00 à 17:00

Qualunque pubblico

Abruzzo, Chieti, Chieti

Area archeologica delle Terme Romane di Chieti

Via delle Terme Romane
66100 Chieti

https://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_ass

Le terme di Teate, un'oasi di storia nella Chieti moderna, furono edificate su terrazzamenti del pendio orientale del colle che ospitava la città antica, già dal II sec. a.C. dotata di edifici sacri monumentali, divenuta municipium dei Marrucini dopo la guerra sociale (90-88 a.C.).
Alimentato da sorgenti e cisterne, come quella costituita da nove grandi ambienti voltati, l’edificio termale si sviluppa lungo un asse centrale che allinea una grande sala, pavimentata a mosaico decorato con figure marine, con gli ambienti per i bagni freddi, mentre la presenza di suspensurae e tubuli individua i locali per i bagni tiepidi e caldi, tutti un tempo riccamente decorati da mosaici, da tessere in pasta vitrea e da marmi d’importazione

Visita guidata

Visita guidata
La visita intende illustrare la collocazione urbana, la struttura, il funzionamento e l'apparato decorativo dell'impianto termale dell'antica Teate Marrucinorum, in vista del progetto di scavo, restauro e valorizzazione che sarà attuato nell'area archeologica.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 11:00 à 13:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Il sito presenta un percorso sterrato e una scalinata inaccessibile ai portatori di handicap su sedie a rotelle

Abruzzo, Chieti, San Salvo

Museo Civico "Porta della Terra"

Parco Archeologico del Quadrilatero
Piazza San Vitale
66050 San Salvo

http://www.costieradeitrabocchi.it

Da oltre venti anni la a sinergia tra il Comune e l’allora Soprintendenza Archeologica ha consentito di svelare un passato ricco di testimonianze antiche e medievali sino allora sconosciute nel centro storico di San Salvo. La scoperta dell’Acquedotto Romano Ipogeo nel 2001, la progettazione della riqualificazione di Piazza San Vitale nel 2002 e la realizzazione dei lavori sono culminate nel 2006 nella costituzione del Parco archeologico del Quadrilatero, che coincide con il nucleo originario della città ed è un sistema di beni culturali offerti alla fruizione pubblica, tra i quali spiccano sette siti d’interesse storico ed archeologico. Da allora il Parco promuove la conoscenza del proprio patrimonio storico-archeologico ed organizza attività sui beni culturali in generale.

Conferenza

conferenza “Dall'archeologia preventiva alla musealizzazione: l'esempio di San Salvo“
L'evento si svolge in collaborazione tra il Comune di San Salvo, la Fondazione per l’Arte, l’Archeologia e la Cultura del Vastese, l'Istituto d’Istruzione Italia Nostra del Vastese, Parsifal Società Cooperativa di Vasto e l' Istituto d’Istruzione Superiore “Raffaele Mattioli” di San Salvo. Vengono proposte una conferenza, con Interventi di Amalia Faustoferri e Davide Aquilano, un circuito di scoperta, una visita guidata.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 18:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Abruzzo, L'Aquila, L'Aquila

Museo Nazionale d'Abruzzo

via Tancredi da Pentima, snc
67100 L'Aquila

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=63&nome=munda-museo-nazionale-dabruzzo

Da quando la sede storica, il Castello Cinquecentesco dell’Aquila, è stata gravemente danneggiata dal terremoto, le collezioni del museo sono ospitate nel complesso dell’ex mattatoio comunale dell’Aquila.
Tra i materiali esposti figurano reperti archeologici provenienti dai centri italici e romani della conca aquilana. Le collezioni museali documentano dal Medioevo abruzzese fino al Seicento napoletano, con rarissime e preziose icone dipinte duecentesche, numerose sculture in legno, smaglianti pitture su fondo d’oro zecchino. Spiccano i dipinti di Andrea Delitio, le sculture lignee di Giovanni di Biasuccio e Silvestro dell’Aquila, ed emerge l’originalissima personalità di Saturnino Gatti, tra le figure di primo piano del Rinascimento italiano.

Workshop

Ercole e le sue fatiche
Laboratorio per bambini dedicato alle avventure di Ercole e alla collezione di ex voto del MuNDA. Attraverso il racconto i bambini approfondiranno la figura dell'eroe per poi reinterpretarla.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 16:00 à 17

Bambini

Abruzzo, L'Aquila, Sulmona

Palazzo dell'Annunziata

Corso Ovidio
67039 Sulmona

http://www.giostrasulmona.it/

Il Convegno “Futuro anteriore. Archeologia preventiva, tutela e trasformazione del territorio: perché, cosa e come fare“ intende coinvolgere, nella sede della mostra dallo stesso titolo, in un dibattito concreto e stimolante funzionari archeologi e architetti, collaboratori archeologi impegnati nelle redazioni delle VIArch, nell'effettuazione dei saggi preventivi e nell'assistenza archeologica ai lavori, amministratori degli enti pubblici territoriali e Imprese per confrontarsi sui benefici e sui problemi generati dall'attuale legislazione in materia, valutandone concretamente i risvolti applicativi.

Conferenza

Futuro anteriore. Archeologia preventiva, tutela e trasformazione del territorio. Perché, cosa e come fare
Il convegno intende porre l'attenzione sulla legislazione, sulle metodiche, sulle opportunità e sulle criticità dell'archeologia preventiva in Italia, illustrando casi concreti in ambito abruzzese, da parte degli addetti ai lavori, comunicando al pubblico le finalità di tutela e di ricerca che tali pratiche assumono, proponendo coinvolgimenti e adesioni allo spirito delle iniziative.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 18:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

L'accesso al Palazzo per persone con disabilità motoria è possibile dal retro, in via del Conservatorio

Abruzzo, L'Aquila, Sulmona

Sala della "Domus di Arianna" al Museo Archeologico di Sulmona

Palazzo dell'Annunziata, Corso Ovidio
67039 Sulmona

http://www.visit-sulmona.it

La Sala della Domus di Arianna è il risultato di un intervento di scavo, restauro e valorizzazione compiuto negli anno Novanta del Novecento per la sistemazione del rinnovato Museo Archeologico al Palazzo dell'Annunziata, nel centro storico di Sulmona, che conserva le tracce del municipium romano di Sulmo. Espone i resti di parte di una domus della prima età imperiale, con mosaici pavimentali in bianco e nero e frammenti ricomposti della decorazione pittorica parietale, con la megolagrafia della sacra unione tra Dioniso e Arianna, da cui prende il nome la sala museale.

Visita guidata

“I luoghi e le scoperte dell'archeologia preventiva: il futuro anteriore a Sulmona“
Visita guidata con richiamo agli interventi di archeologia preventiva condotti nella sala di Arianna e nel centro storico di Sulmona, sede del municipium romano di Sulmo, patria di Ovidio.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 11:00 à 13:00 et de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

visita guidata

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Per le persone con sedie a rotelle, ingresso dalla parte posteriore del Palazzo (via del Conservatorio)

Abruzzo, L'Aquila, Cansano

Parco Archeologico di Ocriticum

parco Archeologico: località Polmare, Tavuto, Pantano
Museo - via XX Settembre
67030 Cansano

http://www.visit-sulmona.it

Il Parco Archeologico di Ocriticum, nel territorio comunale di Cansano (AQ) è nato da un intervento di archeologia preventiva condotto alla fine degli anni Novanta del Novecento e da un progetto speciale del Ministero per i Beni Culturali che ha permesso la conduzione di attività di scavo stratigrafico estensivo, restauro, valorizzazione e musealizzazione nel sito di un grande santuario italico - romano strutturato su terrazzamenti, con tre edifici templari relativi al culto di Ercole, Giove, Cerere e Venere che hanno rivelato anche due grandi depositi votivi con materiali databili tra IV sec.a.C. e II sec.d.C. Il nome antico del sito è riemerso su una iscrizione funeraria di età imperiale romana.

Visita guidata

“I luoghi e le scoperte dell'archeologia preventiva: il futuro anteriore di Ocriticum“
La visita guidata intende illustrare le motivazioni, i metodi e i risultati degli interventi di archeologia preventiva e di scavo archeologico sistematico condotti sul sito di Ocriticum che, posto lungo un'importante arteria viaria antica e alla base del rilievo che ospita il centro fortificato di Colle Mitra, conserva le tracce di un abitato, di un importante santuario, di necropoli e di una grande calcara vissuti tra l'età arcaica e i primi secoli del periodo imperiale, nell'ambito di un paesaggio suggestivo e incontaminato.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Il percorso è allestito su un sentiero sterrato

Abruzzo, L'Aquila, Massa d'Albe

Parco Archeologico di Alba Fucens

Via Alba Funces
67050 Massa d'Albe

“Alba Fucens per bambini“ è un incontro tra le strade e gli edifici dell’antica colonia di Alba Fucens, fondata nel 303 a.C.: si propongono una passeggiata archeologica e un laboratorio di archeologia per bambini.

Workshop

Alba Fucens per bambini: passeggiata archeologica e laboratorio di archeologia
Durante la passeggiata archeologica, i racconti della vita dei bambini di allora, delle loro giornate e dei giochi conducono i bambini di oggi in una dimensione nuova, in cui la storia diviene un momento di incontro e di conoscenza. Il laboratorio di archeologia per bambini fa in modo che a contatto con il lavoro degli archeologi, con la terra che racchiude i reperti e li restituisce grazie a un paziente lavoro di scavo, i bambini possano divenire protagonisti, all’interno dell’area archeologica, di una esperienza unica e coinvolgente.
Passeggiata e laboratorio sono a cura della Coop. Limes

Gratuito

Domenica 16 giugno de 15:00 à 16:45 et de 17:00 à 18:00 (ore 15.00: passeggiata archeologica; ore 17.00: laboratorio per bambini)

Bambini

Scuole :

Elementari

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

I percorsi dell'area archeologica sono sterrati

Abruzzo, L'Aquila, Ortucchio

Le grotte della preistoria

Le grotte della preistoria
67050 Ortucchio

Lungo le sponde del lago Fucino, prosciugato nella seconda metà dell’Ottocento, gli uomini, fin dal Paleolitico, hanno frequentato le grotte poste sulle pendici delle montagne circostanti.

Visita guidata

Passeggiata archeologica : “Le grotte della preistoria”
La passeggiata, in un ambiente naturale di grande fascino, conduce a Grotta Maritza, La Punta, dei Porci e di Forfora, scavate dagli anni Cinquanta del Novecento.
L’itinerario ripercorre i luoghi, la vita e le differenti modalità di adattamento nel corso dei millenni.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 09:30 à 13:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva

i sentieri non sono accessibili a disabili

Abruzzo, L'Aquila, Avezzano

Villa Romana

Via Tiburtina Valeria km 112,500 (presso Centro Commerciale “I Marsi”)
67051 Avezzano

http://www.beniculturali.it/

Prima della realizzazione del centro commerciale, gli scavi archeologici preventivi hanno riportato alla luce una grande villa, posta nel territorio di competenza della vicina città romana di Alba Fucens.
L’intervento di valorizzazione ha consentito di rendere visitabile l’area e di muoversi tra gli spazi di un’abitazione di campagna, dove si svolgevano attività legate alla produzione dell’olio e del vino, come suggeriscono le vasche rinvenute nel portico.
Un mosaico a tessere bianco-nere, con al centro una Vittoria alata in corsa su una biga, decora una delle stanze affacciate sull’atrio con impluvium, la vasca che raccoglieva le acque dal tetto.

Visita guidata

Prima del centro commerciale: la villa romana di Avezzano
La visita permette di apprezzare la struttura e le decorazioni pavimentali di una grande villa di età romana, che testimonia le diverse modalità di occupazione del territorio succedutesi nel tempo.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:30 à 13:00 et de 15:30 à 18:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Abruzzo, L'Aquila, Celano

Laboratorio di restauro

Via Circumfucense
67043 Celano

“Lavori in corso”: il laboratorio di restauro è il luogo nel quale arrivano i reperti degli scavi archeologici; qui incomincia un percorso che li restituirà a nuova vita, grazie all’intervento dei restauratori.

Porte aperte

“Lavori in corso”, visita al laboratorio di restauro
La visita permette di conoscere le varie fasi dei lavori e avere un contatto diretto con le attività che precedono l’esposizione: dalla pulitura dei singoli frammenti alla loro ricomposizione.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 13:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Abruzzo, L'Aquila, Celano

Castello Piccolomini - Collezione Torlonia e Museo d'Arte Sacra della Marsica

Largo Cavalieri di Vittorio Veneto, s.n.c.
67043 Celano

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=62&nome=castello-piccolomini-collezione-torlonia

Il massiccio e imponente castello Piccolomini, con le sue caratteristiche quattro torri angolari, domina la piana del Fucino, occupata fino alla seconda metà dell '800 da un lago. Oltre al camminamento esterno, è possibile visitare il Museo d'Arte Sacra della Marsica e la Collezione Torlonia, una raccolta archeologica con reperti provenienti dal prosciugamento del lago.
L'ingresso al museo è a pagamento, mentre tutte le attività previste per le Giornate dell'Archeologia 2019 sono gratuite.

Visita guidata

Il lago scomparso
Visita guidata alla Collezione Torlonia. I visitatori potranno vedere i reperti archeologici ritrovati durante il prosciugamento del lago Fucino. Per un pubblico dai 14 anni in su.
A cura della Coop Limes (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Sabato 15 giugno de 18:00 à 19:00

Adulti

Conferenza

Racconti dalle acque. Storie di laghi e di archeologi subacquei
Breve incontro dedicato all’ archeologia subacquea, rivolto a un pubblico sia di adulti che di bambini. A cura della dott.ssa Marina M.S. Nuovo - Polo Museale dell’Abruzzo (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Sabato 15 giugno de 16:00 à 17:30

Qualunque pubblico

Workshop

Archeologi per un giorno
L'attività è rivolta a bambini dai 5 ai 10 anni e consiste nella simulazione di uno scavo archeologico stratigrafico. I bambini, divertendosi, potranno scoprire che cos'è un'unità stratigrafica e quali sono gli strumenti che adopera un archeologo durante lo scavo. A cura della Coop Limes (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 11:30

Bambini

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Abruzzo, L'Aquila, Celano

MUSE' - Nuovo museo Paludi di Celano - Centro di restauro

Località Paludi, 1
67043 Celano

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/

Si tratta di una struttura polifunzionale sorta nei pressi dell'area archeologica Le Paludi. Gli scavi, effettuati dal 1985 al 1998, hanno portato alla luce un insediamento del III millennio a.C., costruito sulle rive dell'antico lago Fucino. Oltre alla collezione archeologica, che comprende reperti dall'Età del Bronzo all'età romana, la struttura ospita laboratori di restauro e di antropologia, una sala conferenze e depositi antisismici.
L'ingresso al museo è a pagamento, mentre le attività per le Giornate dell'archeologia 2019 sono gratuite.

Circuito di scoperta

Il lavoro dell'archeologo: dallo scavo al museo
L'attività prevede la visita ai laboratori di restauro e al deposito archeologico - in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell’Abruzzo (con esclusione della città dell’Aquila e dei comuni del Cratere) - e la visita guidata al museo, a cura della Coop Limes (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 12:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Abruzzo, L'Aquila, Massa d'Albe

Chiesa di San Pietro in Albe/ Tempio di Apollo

Chiesa di San Pietro in Albe, Alba Fucens, s.n.c.
67050 Massa d'Albe

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=323&nome=chiesa-di-san-pietro-in-albe

La chiesa di San Pietro in Albe si erge sul colle di San Pietro, una delle tre colline che circondano Alba Fucens, la città romana fondata nel 304 a.C. ai piedi del monte Velino, presso l’antico lago del Fucino. Originariamente l'edificio era destinato al culto del dio Apollo, ma a partire dalla metà del VI sec. d.C. l'antico tempio romano, eretto nel III sec. a.C., fu trasformato in chiesa cristiana. Il tempio, di cui si conservano tre lati, aveva un portico con quattro colonne. Della fase paleocristiana rimangono labili tracce, tra cui i frammenti di rilievi esposti nel Museo d'Arte Sacra della Marsica, a Celano (AQ). All'interno sono presenti l'ambone e l’iconostasi duecenteschi, con mosaici colorati e intarsi in porfido rosso e verde.
Ingresso e attività gratuiti.

Visita guidata

Antiche pietre narrano…
Visita al tempio di Apollo/chiesa di San Pietro in Albe alla ricerca di antichi graffiti incisi sui massicci blocchi in calcare che compongono le mura dell'edificio. Attività rivolta sia ad adulti che bambini. A cura della dott.ssa Marina M.S. Nuovo - Polo Museale dell’Abruzzo - e in collaborazione con la Coop Limes (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:30 à 12:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Abruzzo, Pescara, Castiglione a Casauria

Abbazia di San Clemente a Casauria

via di S. Clemente
65020 Castiglione a Casauria

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=742&nome=abbazia-di-san-clemente-a-casauria

L'abbazia benedettina di San Clemente a Casauria sorge lungo l'antico percorso della Via Claudio-Valeria, a ridosso del fiume Pescara, in un luogo strategico dal punto di vista politico-militare.
Secondo il Chronicon Casauriensis, manoscritto della seconda metà del XII secolo, la fondazione risale all'anno 871 d.C. Delle varie strutture che componevano l'abbazia, oggi si conserva principalmente la chiesa, con elementi di straordinaria bellezza come il pulpito e il cero pasquale, lungo la navata principale, e il ciborio, sul fondo dell'abside. Oltre alla chiesa è possibile visitare l'Antiquarium “P.L. Calore“, in cui sono esposti reperti di età romana provenienti dalle aree circostanti ed elementi architettonici pertinenti alle fasi più antiche dell'abbazia.
Ingresso e attività gratuiti.

Visita guidata

Monumenta: cippi ed epigrafi funerarie di età romana
Visita guidata all’Antiquarium “P.L. Calore” a cura della dott.ssa Marina M.S. Nuovo - Polo Museale dell’Abruzzo. L'attenzione sarà rivolta soprattutto ai cippi e alle epigrafi funerarie di età romana presenti nell'Antiquarium. L'attività è destinata a un pubblico sia di adulti che di bambini (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Domenica 16 giugno de 12:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Conferenza

Monumenta: architetture e costumi funerari di un centro dell’Italia romana
Breve incontro di archeologia a cura della dott.ssa Stefania Tuccinardi (Università degli Studi di Napoli “Federico II”), rivolto a un pubblico sia di adulti che di bambini. Si scopriranno i riti e le credenze religiose in uso durante l'età romana (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:30 à 11:30

Qualunque pubblico

Abruzzo, Teramo, Teramo

Area archeologica Madonna delle Grazie

Località Madonna delle Grazie
64100 Teramo

http://www.teramoculturale.it

Il complesso privato intra moenia della città romana di Intermania Pratetut(t)iorum, con ricche pavimentazioni tardo repubblicane a disegno geometrico, testimonia e racconta livelli culturali davvero straordinari per una comunità di provincia, conquistata dai Romani agli inizi del III sec. a. C. L’abitato antico, capoluogo dei Pretuzii, continuerà a vivere fino a quando, appena dopo la Guerra Sociale, sarà strutturato il municipium romano secondo le regole ippodamee . Tra II e I a. C. vanno inquadrate cronologicamente le pavimentazioni realizzate con battuto di cocciopesto (opus signinum) con raffinati disegni geometrici.

Visita guidata

Apertura straordinaria - incontro “Restauro e fruizione del sito: parliamone insieme”
L'incontro intende descrivere i prossimi, imminenti, lavori di restauro e del nuovo progetto di fruizione finanziato dal MiBAC, proponendosi di stimolare commenti e dibattito finale.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 15:30 à 20:00 et de 18:00 à 20:00 (apertura ore 15.30-20.00; conferenza ore 18.00)

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Il percorso di visita è attrezzato con una passerella adatta ai portatori di handicap motorio

Abruzzo, Teramo, Campli

Parco Archeologico della necropoli di Campovalano

Piazzale S. Gabriele, Campovalano
64012 Campli

http://turismo.provincia.teramo.it

La necropoli di Campovalano, comune di Campli, è localizzata nella fascia pedemontana della Provincia di Teramo, alle pendici dei “Monti Gemelli”su un ampio terrazzo alluvionale frequentato dalla media età del Bronzo (XVI-XV sec. a. C.).
La necropoli dell’età del ferro-romana (IX sec. a. C. - II d. C.), l’insediamento abitativo dell’età del Bronzo medio di Coccioli (XV-XIV sec. a. C.), il complesso religioso medievale, fanno di Campovalano uno dei siti archeologici più importanti d’Abruzzo e del centro Italia, in un paesaggio storico ancora pressoché integro. In questo luogo, è ancora possibile leggere il racconto delle Genti che popolarono l’Italia antica a partire dal II millennio a. C.

Porte aperte

Campli, necropoli di Campovalano, ore 15.00-20.00: apertura straordinaria del Parco archeologico della necropoli pretuzia.
Le aperture straordinarie prevedono visite guidate e il racconto del rito funerario intorno alla ricostruzione di una sepoltura di alto rango sociale: “la tomba di un capo”
Période(s) archéologique(s) :

Preistoria, Protostoria, Antichità

Gratuito

Sabato 15 giugno de 15:00 à 20:00

Domenica 16 giugno de 08:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

I disabili motori devono essere accompagnati

Abruzzo, Teramo, Campli

Museo Archeologico Nazionale di Campli

Piazza San Francesco, 1
64012 Campli

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=67&nome=museo-archeologico-nazionale-di-campli

ll museo ha sede in alcuni ambienti dell'antico convento di San Francesco fondato verso la fine del XIII secolo.
Avviato dal soprintendente Valerio Cianfarani per ospitare i prestigiosi reperti della necropoli di Campovalano provenienti dalle campagne di scavo iniziate nel 1967, il museo venne inaugurato nel 1989. Il percorso espositivo è interamente dedicato ai più importanti corredi della necropoli frequentata dall’età del ferro fino all’età ellenistica. Nella Sezione antropologica, i resti ossei analizzati offrono preziose informazioni sul sesso, le malattie, i traumi, le malformazioni e l’età della morte. Nello spazio dedicato alle “novità” è il ricco corredo di una giovane aristocratica composto di numerosi e raffinati gioielli.

Visita guidata

Archeologi all'opera
Visita guidata per adulti e laboratorio di simulazione di scavo archeologico

Gratuito

Domenica 16 giugno de 16 à 17

Bambini, Famiglie, Adulti

Calabria, Catanzaro, Roccelletta di Borgia

Museo e Parco archeologico nazionale di Scolacium

via Scylletion, 1
88021 Roccelletta di Borgia

http://musei.calabria.beniculturali.it/

Il Parco racconta la storia di Skylletion, città della Magna Grecia, che divenne una prospera colonia romana, Scolacium.
Il sito è immerso in un uliveto secolare che costituisce il polmone verde della provincia di Catanzaro. Poco noto è l’insediamento greco mentre della città romana, nota come Colonia Minervia Nervia Augusta Scolacium, si conservano i resti del Foro, del Teatro e dell'Anfiteatro. All’interno del parco è possibile visitare Il Museo archeologico nazionale, dove sono esposti i risultati delle campagne di scavo con un allestimento che ripercorre la storia della città attraverso l’esposizione di reperti che documentano la vita antica sotto ogni aspetto.

Porte aperte

Caccia al Tesoro Archeologica
Scoprite i tesori del parco attraverso un'innovativa caccia al tesoro con codici QR.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità, Medio Evo

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 20:00

de

Qualunque pubblico

Workshop

Io Sono Ambiente
Workshop di educazione ambientale a cura del reparto dei Carabinieri della Biodiversità di Catanzaro

Gratuito

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 20:00

de

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Spettacolo

“MEDEA: Variazioni sul Mito”.
Una produzione originale a cura del Teatro di Calabria con brani tratti
dall'omonima tragedia di Euripide e da “Lunga notte di Medea” di Corrado Alvaro.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 18:30 à 20:00

de

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Workshop

Disegno dal Vero
Obiettivo del workshop è quello di avviare i partecipanti alla pratica del disegno dal vero.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 10:00 à 16:00

Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Workshop

Gears- Workshop condotto da Michele Giangrande
Durante il workshop gli allievi, guidati dall'artista realizzeranno degli ingranaggi che allestiranno nell'uliveto del Parco Archeologico. L'installazione resterà in loco fino all'inaugurazione dell'opera permanente che lo stesso Giangrande donerà e collocherà all'interno del Museo nel mese di luglio.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 18:00

de

Qualunque pubblico

Workshop

#scolaciumphotocontest
Archeo Talent: fai la tua foto, tagga il museo e pubblica sulla pagina. Chi riceverà più like?

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Workshop

Impronte d'Artista
Armatevi di matite, colori, pennelli e lasciate il vostro punto di vista artistico del parco e del museo. Le vostre opere realizzate saranno esposte durante tutta la manifestazione.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 20:00

Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Visita guidata

ArkeoTrekking
Passeggiata Naturalistica con l'agronomo alla scoperta della biodiversità del Parco.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 18:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Workshop

Bellezza d'altri tempi
Come si truccavano gli antichi? Un viaggio nel tempo attraverso la realizzazione del trucco usato dagli antichi romani.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 17:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Porte aperte

Non aprite quella porta: alla scoperta dei depositi del Museo di Scolacium
Visita guidata nei depositi con l'archeologo che vi farà scoprire i tesori nascosti dell'archeologia.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità, Medio Evo

Opérateur :

2

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 11:00 et de 11:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Dimostrazione

Laboratorio di ceramica: conosco dunque creo!
Dimostrazione della lavorazione della ceramica al tornio.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Dimostrazione

Archeologi per un giorno
Laboratorio di didattica archeologica: scavo archeologico simulato. Al termine di questi laboratori verrà rilasciato l'attestato di “Piccolo archeologo“.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 11:00

Bambini, Famiglie, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Esposizione

Mostra itinerario
Un percorso tra acqua e fuoco a Scolacium. Tutto il Museo partecipa alla mostra didattica: all'interno delle vetrine sono segnalati alcuni manufatti che spesso sfuggono all'occhio del visitatore, indicati con una goccia blu (acqua) e una fiamma rossa (fuoco).

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Visita guidata

Ritorno al passato: a spasso con gli antichi romani
Visita guidata teatralizzata nel Museo. Le guide si caleranno nell'atmosfera dell'antica Roma e vi condurranno attraverso la storia della città di Scolacium.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 17:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Dimostrazione

Laboratorio di tessitura
Giocando tessendo: ieri come oggi, a cura del Centro ricerca arte tessile.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 16:00 à 18:00

Bambini, Famiglie, Qualunque pubblico

accesso persone con mobilità ridotta

Calabria, Cosenza, Cassano allo Ionio

Parco Archeologico di Sibari (Parco del Cavallo)

Strada statale 106 Jonica, Km 24
87011 Cassano allo Ionio

http://musei.calabria.beniculturali.it/musei?mid=333&nome=parco-archeologico-di-sibari

Il sito archeologico di Sibari è ubicato sulla costa Ionica della Calabria a breve distanza dalla foce del Fiume Crati. Questa parte del territorio calabro, nota topograficamente come sibaritide vide il sorgere, lo sviluppo e l'espansione e poi il declino della grande polis di Sibari; qui furono impiantati, in epoche successive alla distruzione della città greca, sovrapponendosi in parte alle sue rovine, prima il centro ellenistico di Thurii e poi quello romano di Copia.

Questa eccezionale stratificazione fa di Sibari uno dei siti più estesi ed importanti del Mediterraneo di età arcaica e classica.


La vita del sito ha inizio nel 720 a.C. con la fondazione della colonia achea di Sibari; si interrompe nel 510 a.C. con la distruzione della città da parte dei crotonesi; ricomincia nel

Visita guidata

Visite Guidate
Scopriamo insieme le città di Sibari, Thurii e Copia

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 09:00 à 13:00 et de 15:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Dimostrazione

Laboratori
Archeologo per un giorno: simulazione di scavo; laboratorio di ceramica.

ArcheoSelfie: #JNASybarisContest
Scatta un selfie nel Parco, tagga e pubblica su Instagram e Facebook
Instagram: museodellasibaritide
Facebook: Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide
Chi riceverà più like?

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 09:00 à 13:00 et de 15:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Calabria, Crotone, Crotone

Museo Archeologico Nazionale di Crotone

via Risorgimento, 11
88900 Crotone

musei.calabria.beniculturali.it/musei?mid=82&nome=museo-archeologico-nazionale-di-crotone

Situato presso uno dei bastioni della cinta muraria cinquecentesca nel cuore storico della città, il Museo propone un percorso espositivo articolato su due piani. Al piano terreno il visitatore è guidato, secondo un criterio cronologico, a scoprire le principali tappe storiche dell’antica città greca di Kroton, a partire dai rapporti con le comunità indigene preesistenti al momento della fondazione (ultimi decenni dell’VIII secolo a.C.) attraverso la storia dei suoi atleti, medici e filosofi. Mentre il secondo piano offre una panoramica sugli insediamenti del territorio, legati a tradizioni mitiche e culti fondamentali per la polis, e sui principali santuari della città, con particolare riguardo per il santuario della dea Hera Lacinia presso Capo Colonna con i suoi preziosi ex-voto.

Workshop

Frammenti di archeologia
I partecipanti saranno coinvolti in una lezione frontale di archeologia, utile all’apprendimento delle fasi che scandiscono uno scavo archeologico e la sua interpretazione finale.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 12:00 et de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Calabria, Crotone, Crotone

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna

via Hera Lacinia
88900 Crotone

musei.calabria.beniculturali.it/musei?mid=83&nome=museo-e-parco-archeologico-nazionale-di-capo-colon

Il sito archeologico di Capo Colonna è da sempre legato alla storia di Crotone. Durante l’epoca greca era denominato promontorio Lacinio e vi trovava sede un grande santuario dedicato alla dea Hera, la cui notorietà e ricchezza sono ricordate nelle fonti letterarie. Oggi il sito è noto e visitato soprattutto per l’unica colona superstite del grande tempio dedicato alla dea. All’ingresso del Parco Archeologico si trova il Museo, inaugurato nel 2006. Esso propone un percorso espositivo articolato in tre sezioni: la prima è riservata all’abitato sorto sul promontorio in età romana; la seconda sezione illustra il santuario di Hera Lacinia; la terza e ultima è una sezione di archeologia sottomarina nella quale sono presenti una serie di rinvenimenti avvenuti nel mare circostante il promontorio.

Esposizione

ArcheoFoto
La comunità locale è invitata a partecipare ad una “gara di fotografia”, al termine della quale saranno scelte tre foto da esporre in una mostra allestita all'interno del museo che prevede l’esposizione di immagini storiche, ma anche recenti, del parco e di tutte le realtà che esso comprende.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 17:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Workshop

Archeologi per un giorno
In base al numero dei partecipanti saranno create 2/3 squadre, che dovranno cimentarsi in tre prove, mediante le quali saranno introdotti alle attività che determinano e seguono il rinvenimento di un reperto archeologico.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 12:00 et de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Calabria, Reggio di Calabria, Bova Marina

Parco archeologico Archeoderi

Contrada San Pasquale
89035 Bova Marina

http://www.comune.bovamarina.rc.it

Manifestazione per la Valorizzazione e Promozione del Parco, il quale offre ai visitatori resti di edifici di epoca romana e resti di una Sinagoga del IV sec dC con magnifici mosaici dell'Aula della Preghiera. L'antiquarium espone, inoltre, reperti che vanno dalla Protostoria al periodo Romano.

Visita guidata

Passeggiando nel Parco Archeoderi
Visita guidata nel Parco e nell'Antiquarium Archeoderi.

4.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 09:00 à 14:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Conferenza

Scorci di vita quotidiana nel mondo antico attraverso i reperti del Parco Archeologico Archeoderi
Conversazione informale nelle sale dell'Antiquarium prendendo come spunti i reperti esposti nelle vetrine.

4.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 09:00 à 14:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva

Esposizione

Come eravamo... in immagini e versi
Mostra fotografica sulla Calabria del 1900 con versi tratti da Testi Classici.

4.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 09:00 à 14:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva

Calabria, Reggio di Calabria, Locri

Musei e Parco Archeologico di Locri

Contrada Marasà
89044 Locri

http://www.locriantica.it

Manifestazione per la Valorizzazione e Promozione del Parco Archeologico e dei Musei (Museo del Periodo Greco, Museo del Periodo Romano e Museo del Territorio). Il Parco ha un'estensione di circa 300 ettari. Sono visitabili alcune aree sacre, il quartiere dei ceramisti, il teatro greco-romano.

Visita guidata

Nel Parco Archeologico di Locri tra Miti, Immagini ed Archeologia
Passeggiata nel Parco Archeologico dove saranno esposte sagome di vasi greci che saranno spunto di racconti di miti e leggende.

4.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 19:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Calabria, Vibo Valentia, Vibo Valentia

Museo Archeologico Nazionale "Vito Capialbi"

Castello Normanno-Svevo, via Antica Monteleone
89900 Vibo Valentia

https://www.beniculturali.it/mibac/opencms/MiBAC/sito-MiBAC/Luogo/MibacUnif/Luoghi-della-Cultura/vis

Il Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”, è collocato all’interno del suggestivo castello medievale di Vibo Valentia, in una posizione panoramica. Nell’edificio medievale sono esposti i reperti provenienti dalla storica collezione Capialbi, con vasi attici e monete, i numerosi rinvenimenti effettuati nella città. Spiccano, al piano superiore, le armi da parata donate dall’aristocrazia ipponiate ad Hades, uniche in Magna Grecia; le numerose statuette dedicate a Persefone e Demetra nel santuario di località Cofino. Al piano inferiore, sono esposti i reperti delle necropoli, con il più antico testo orfico rinvenuto, inciso in sedici versi su una laminetta aurea. Poi la statuaria romana con il busto di Agrippa, generale di Ottaviano, che aveva posto il suo quartier generale nella città.

Workshop

Caccia al tesoro
Cerca all’interno del museo gli indizi nascosti e ricomponi il puzzle di Persefone.

Gratuito

Giovedi 13 giunio de 10:00 à 11:00

Bambini

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Spettacolo

A teatro con gli antichi greci
Il dramma è un’eredità importante del passato, assistiamo alla rappresentazione teatrale del mito di Persefone.

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno de 11:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità mentale

Visita guidata

Conosci la tua storia accompagnato dagli antichi dei.
Delle guide speciali vi accompagneranno nelle sale del museo

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno de 09:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Sono presenti rampe di accesso per le sedie a rotelle. Esistono didascalie in braille e reperti da toccare.

Workshop

Disegna il mito
Bambini, impugnate matite e pennelli e disegnate insieme a noi il mito di Persefone, i migliori disegni saranno premiati nel contest di Vibo Comics che si terrà il 15 e 16 giugno presso Palazzo Gagliardi.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 09:00 à 13:00

Bambini

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Workshop

#archeovv photo contest
Fotografa i reperti del museo ed usa il nostro hashtag #archeovv , chi otterrà più like?

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno de 09:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Campania, Napoli, Ercolano

Parco Archeologico di Ercolano

Corso Resina, 187
80056 Ercolano

ercolano.beniculturali.it

Il Parco Archeologico sorge ad Ercolano, una piccola città costiera della Campania, a metà strada sulla via litoranea che collega Napoli a Pompei ed alle città di Nocera, Stabia e Sorrento.

La città fu sommersa da un fiume di fango vulcanico - ceneri frammiste ad acqua - rapido ed ardente che, solidificandosi, determinò un fenomeno di conservazione assolutamente originale e privo di confronti a Pompei, restituendoci reperti organici (vegetali, stoffe, arredi e parti di edifici in legno) ma anche i piani superiori degli edifici e con essi un'idea precisa dei volumi e delle tecniche di costruzione, permettendo di ricostruire la storia della casa romana attraverso quasi tre secoli, dal II secolo a.C. fino all'eruzione del 79.

Dimostrazione

Close-up, cantieri aperti

13.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 14 giugno de 11:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Dimostrazione

Laboratori di oreficeria

13.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 10:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Visita guidata

Visita al Teatro Antico di Ercolano

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 10:00 à 12:00

Adulti

Campania, Salerno, Capaccio

Parco Archeologico di Paestum

via Magna Grecia, 919
84047 Paestum

www.paestum.museum

Il Parco Archeologico di Paestum, con il museo e l'area archeologica, testimonia la storia della città magno-greca di Poseidonia-Paestum e del suo territorio in epoca greca, lucana e romana. Nell'area archeologica è possibile ammirare tre templi dorici magnificamente conservati; mentre, nel museo, spiccano per importanza la celeberrima Tomba del Tuffatore, il corredo dell'Heroon, le numerose lastre dipinte e i pregiati vasi figurati di produzione pestana.

Dimostrazione

Paestum viva: suoni e musica dell'antichità
Venite a scoprire gli strumenti musicali, prototipi, ricostruzioni e reperti etnografici della Preistoria, dell’antichità Egizia, Greca, Etrusca e Romana – tra cui quelli raffigurati sui reperti esposti nel Museo di Paestum.

Viaggeremo insieme dalla preistoria (con pietre sonore, fischietti di semi, in canna, in osso, il flauto di osso d’aquila, trombe e sonagliere di conchiglie, sonagli, raschiatori, legni sonori, archi musicali) agli strumenti dell’antichità: i cymbala, i crotala, i tympana, i sistri, i flauti, gli auloi e la mitica cithara.
Un incontro per tutta la famiglia in cui bambini e ragazzi potranno sperimentare gli antichi strumenti sonori per scoprire le proprie attitudini mentre adulti ed anziani potranno verificare i poteri terapeutici degli antichi suoni.

Il laboratorio è a cura di Walter Maioli e Melissa Costanzi del Il Centro del Suono

Gratuito

Domenica 16 giugno de 11:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Visita guidata

FamilyLabPaestum
Come trascorrevano le loro giornate gli abitanti dell’antica Poseidonia-Paestum?
La storia della città comincia con i templi o prima ancora della loro costruzione?
Quali miti, culti e leggende questo sito ha custodito sfidando i secoli?
Siete pronti a conoscere le risposte e magari, a porci tante altre domande?
Vi aspettiamo per partecipare al nostro FamilyLab!
Cosa vi aspetta? Un viaggio adatto a tutta la famiglia alla scoperta dell’antica storia della città di Paestum!
L’iniziativa dura 1 ora durante la quale le persone saranno guidate lungo un breve itinerario a tema a cui seguirà un laboratorio creativo: e sarà qui che adulti, bambini e ragazzi potranno liberare la propria creatività realizzando disegni o sculture. Ogni data avrà un tema diverso che accompagnerà la visita e il laboratorio: pian piano si potrà conoscere Paestum e la vita dei suoi abitanti nel corso dei secoli.

3.00 €

Domenica 16 giugno de 11:30 à 13:00 et de 16:30 à 18:00

Famiglie

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

Il Museo dietro le quinte
Il Parco Archeologico di Paestum mette in scena lo spettacolo dei reperti archeologici: ogni giorno sarà possibile visitare i depositi con l’iniziativa “Il Museo dietro le quinte”.
Ogni pomeriggio, il museo si arricchisce di un nuovo percorso di visita che, in forma stabile, entra a far parte dell’offerta culturale del Parco.

Con le visite ai depositi, il visitatore prenderà parte a un’esperienza davvero unica: il racconto di una tomba lucana e del suo corredo saranno l’occasione per comprendere cosa si nasconde dietro un “bel vaso” esposto in una vetrina del museo.

Un dietro le quinte fatto di persone, professionalità, scelte ed emozioni, viaggi in giro per il mondo, recuperi da parte delle forze dell’ordine e molto altro ancora. L’appuntamento è al museo, ogni pomeriggio!

1.00 €

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 17:00 à 18:00 et de 18:00 à 19:00

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 15:00 à 16:00 et de 16:00 à 17:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità mentale

Visita guidata

Un tuffo nel blu
Ogni terza domenica del mese, e su prenotazione negli altri giorni, sarà possibile partecipare alle visite didattiche “Un tuffo nel blu”, dedicate a famiglie e scuole con bambini e ragazzi speciali con disturbi dello spettro autistico, ma in generale rivolte a tutti.
Il percorso di visita partirà dai depositi del Museo, recentemente resi accessibili, e continuerà nelle sale espositive dove, ponendo l’attenzione su alcuni tra i reperti più belli e significativi dell’antica Poseidonia, si cercherà di ricostruire la storia e la cultura della città più importante della Magna Grecia.

1.00 €

Domenica 16 giugno de 10:00 à 11:00

Famiglie

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità mentale

Il percorso è dedicato ai bambini e ragazzi con disturbo dello spettro autistico

Emilia-Romagna, Bologna, Monterenzio

Monte Bibele, Parco in Rete dell'Alta Valle Idice

Via Torre Arabella
40050 Monterenzio

montebibele.eu

L'area di interesse archeologico-naturalistico di Monte Bibele custodisce le testimonianze della presenza di Etruschi e Celti nell'Appennino Bolognese, alleati contro i Romani per difendere un territorio strategico e ricco di risorse.
L'area archeologico-naturalistica è parte integrante del Parco in Rete dell'Alta Valle Idice, un progetto di ricerca e tutela del paesaggio culturale gestito dall'associazione di promozione sociale Arc.A Monte Bibele, che organizza progetti, percorsi, laboratori e iniziative di importante valore culturale.

Visita guidata

Visita al Parco delle Api e del Miele
Visita al Parco delle Api e del Miele (Via Idice 299, Monterenzio)
A cura di Mielizia/Conapi.

de

Emilia-Romagna, Bologna, Marzabotto

Museo Nazionale Etrusco "Pompeo Aria" e Area Archeologica di Kainua

Via Porrettana Sud 13,
52100 Marzabotto

www.polomusealeemiliaromagna.beniculturali.it

L’area archeologica consente di rivivere l’atmosfera di un’antica città fatta di case, strade, templi, officine. Sui resti di un abitato del VI sec. a.C. gli Etruschi fondarono intorno al 500 a.C. Kainua, “la (città) nuova”, con un rituale religioso di cui restano diverse tracce archeologiche.

Kainua prosperò grazie alla posizione strategica lungo il fiume Reno, importante via commerciale tra la Toscana e la pianura Padana. Fu abbandonata alla metà del IV sec. a.C. in seguito alla calata dei Celti in Italia.
L’impianto urbano è orientato secondo i punti cardinali. Il settore nord-orientale ospitava i santuari di Tinia e Uni, le principali divinità etrusche. Importanti edifici sacri erano anche sull’acropoli. Fuori città sorgevano le necropoli, di cui restano numerose sepolture.

Conferenza

In cantiere! Visita agli scavi del santuario urbano
Prof.ssa Elisabetta Govi, prof. Andrea Gaucci - Università di Bologna
Si rinnova l’appuntamento con l’archeologia dal vivo! L’Università apre le porte del proprio cantiere per illustrare le tecniche dello scavo archeologico,
tra consolidate certezze e nuove tecnologie. La visita sarà preceduta da una presentazione in occasione della quale saranno presentate le recenti scoperte nel santuario urbano, tra cui una rara sepoltura di bambino.

2.99 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 14 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Dimostrazione

Dal tornio al museo: laboratori di ceramica antica per adulti e bambini
Dott.ssa Carlotta Trevisanello, Dott.ssa Anna Serra - Università di Bologna
Cavare l’argilla, farla decantare, tornire, cuocere, decorare: quanto lavoro per produrre un piccolo oggetto in terracotta! Sai distinguere un vaso per bere da uno per cucinare? Sei in grado di riconoscerne la forma a partire da un frammento? Gli archeologi ci guidano alla scoperta della ceramica antica di Kainua.
I partecipanti potranno toccare con mano cocci e coccetti che tanto appassionano gli studiosi!

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Spettacolo

Marzabotto 1889: alle origini dell’archeologia di Kainua
Ing. G. Mantovani – Gruppo Archeologico Bolognese
L’epopea degli scavi ottocenteschi promossi dai Conti Aria e diretti da celebri accademici quali Giovanni Gozzadini ed Edoardo Brizio rivive in una gustosa pièce teatrale presentata dalla compagnia “Cantine Teatrali Babele”. Lo spettacolo sarà proiettato nell’aula “Sergio Sani”, seguirà un tour dell’area archeologica alla scoperta degli interventi ottocenteschi.

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Emilia-Romagna, Ferrara, Ferrara

Museo Archeologico Nazionale di Ferrara

Via XX Settembre 122, 44100 Ferrara

www.archeoferrara.beniculturali.it

Il Museo è di eccezionale rilevanza sia per quanto riguarda il contenitore (un palazzo rinascimentale ritenuto il capolavoro di Biagio Rossetti) che per il contenuto, gli straordinari reperti che costituivano i quasi 4000 corredi funerari della necropoli etrusca di Spina. Il Palazzo è completato da un grande giardino neorinascimentale,caratterizzato al centro da un labirinto di tipologia classica. Al piano terra sono visitabili la sala con l’affresco del Garofalo,le sale dedicate alle grandi imbarcazioni monossili, all’abitato di Spina, ai votivi e alle testimonianze epigrafiche della città. Il piano nobile propone nel suo sviluppo di 23 sale,culminanti nello splendido Salone delle Carte Geografiche, una scelta di corredi funerari caratterizzati da vasi attici di straordinaria qualità.

Conferenza

Alla ricerca del giardino perduto. Risultati delle indagini archeologiche e paleobotaniche nel giardino del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara
Introduzione Paola Desantis
Ricerche archeologiche Maurizio Molinari
Ricerche paleobotaniche Marco Marchesini e Silvia Marvelli
Visita al giardino e al nuovo percorso botanico a cura deli allievi del Liceo Scientifico A. Roiti

6.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 14 giugno de 16:30 à 17:30

Qualunque pubblico

Scuole :

Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

ELOGIO DEI DEPOSITI. LA SPINA CHE NON SI VEDE.
Visita ai depositi di materiale archeologico nel sottotetto del Museo e nei laboratori di restauro
a cura del Direttore del Museo Paola Desantis

6.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 10:00 à 11:30

Qualunque pubblico

Scuole :

Medie, Superiori

Dimostrazione

LABORATORIO DIDATTICO E VISITA GUIDATA per bambini e famiglie
a cura di “Le macchine celibi”

6.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 15:30 à 17:30

Bambini, Famiglie, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Emilia-Romagna, Modena, Modena

Galleria Estense

Largo Porta Sant'Agostino, 337
41121 Modena

www.gallerie-estensi.beniculturali.it

Lo Specchio di Celestino. Archeologia etrusca a Modena nella prima metà dell’Ottocento.
La Galleria Estense di Modena ospita una mostra che documenta la presenza etrusca nel territorio modenese.
L’esposizione si concentra sul piccolo sepolcreto etrusco ritrovato nel 1841 nei campi di Galassina di Castelvetro (MO), databile, in base ai materiali finora conosciuti, tra la fine del VI e il V secolo a.C.
Qui, i proprietari di un fondo, in occasione di lavori agricoli, rinvennero i resti di quattro tombe etrusche a incinerazione, il cui ricco corredo, tra i più pregevoli di età etrusca nel territorio modenese, venne acquistato da Francesco IV Asburgo-Este, duca di Modena, affinché arricchisse la sua collezione di antichità e il Museo Estense.

Esposizione

Lo specchio di Celestino. Archeologia etrusca a Modena nella prima metà dell'Ottocento
Il percorso espositivo presenta i pezzi più importanti del corredo funebre, riferibile a una defunta, della Tomba I della Galassina, ovvero della sepoltura più ricca, e anche più nota, esposti al Museo Civico Archeologico di Modena fino a fine maggio 2018, e ora ritornati nella collezione estense, unitamente a opere archeologiche provenienti dal medesimo contesto sepolcrale, sino a oggi inedite.
Dell’intero corredo della Tomba I, gli oggetti più conosciuti e studiati sono lo specchio e la cista a cordoni (recipiente a forma cilindrica), oltre al bacile.
Il resto degli oggetti venne comunemente ritenuto disperso, fino a quando, un attento riscontro inventariale e un esame dei depositi della Galleria Estense di Modena hanno permesso di riconoscere con buona certezza altri reperti provenienti dalla Tomba I, come il manico di strigile (strumento per detergere il corpo dopo il bagno), uno dei tre vaghi di collana (elemento, vuoto all’interno, formato da due semisfere saldate) a forma di testina in pasta vitrea e due frammenti pertinenti al balsamario in pasta vitrea.
Tale riscontro ha permesso di ricostruire l’unitarietà del corredo acquistato da Francesco IV, e ha fornito la possibilità di un suo studio finalmente completo.
Una serie di pannelli didattici consentirà al visitatore di approfondire il contesto di rinvenimento dello specchio della Galassina, nei diversi aspetti culturali, artistici e collezionistici a esso legati.

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 10:00 à 18:00

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 08:30 à 19:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità uditiva

Emilia-Romagna, Piacenza, Travo

Parco Archeologico Villaggio Neolitico S.Andrea,Travo

Strada al Mulino
29020 Travo

www.archeotravo.com

Il Parco Archeologico “Villaggio Neolitico” di Travo nasce nel 2006 per la tutela e la valorizzazione del sito archeologico di S.Andrea, che presenta una fitta rete di strutture riconducibili ad un abitato di epoca neolitica, conservate al livello della fondazione ed a vista. I resti hanno permesso la ricostruzione in scala reale di alcuni degli edifici messi in luce durante le campagne di scavo iniziate negli anni ‘80 ed ancora in corso. Le capanne sono allestiti con copie di manufatti ritrovati in sito e frutto di attività di archeologia ricostruttiva e sperimentale in ambito tecnologico. Nei mesi di apertura vengono svolti percorsi di visita, attività per le scuole ed eventi per il pubblico inerenti l’Archeologia, la Storia, il Mito, spettacoli di Living History, Museum Theatre e cinema

Workshop

Playstorica 2019
L’orologio si sposta indietro di millenni per rivivere attraverso delle attività di edutainment, la Preistoria. Piccoli e grandi saranno coinvolti in giochi di gruppo, individuali e su App (progetto Gamification), in gare di tiro con l’arco preistorico, in laboratori manuali e di travestimento storico. Truccabimbi e punto ristoro. Per il programma completo consulta il sito www.archeotravo.com Ingresso 10 euro dai 5 anni.

10.00 €

Domenica 16 giugno de 10:00 à 18:00

Bambini, Famiglie, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva

Percorsi asfaltati e pannellistica in braille

Emilia-Romagna, Piacenza, Lugagnano Val d'Arda

Area Archeologica e Antiquarium di Veleia

Strada Provinciale 14,
29018 Lugagnano Val D’Arda

www.polomusealeemiliaromagna.beniculturali.it

ll municipium di Veleia fu fondato nel II sec. a.C. dai Romani su un preesistente centro indigeno, nel territorio della tribù ligure dei Veleates da cui prende nome.
Nel 1760 Filippo I di Borbone Duca di Parma avviò gli scavi a seguito del rinvenimento casuale della Tabula Alimentaria, grande iscrizione in bronzo recante un provvedimento di sussidio alle fasce indigenti voluto dall’imperatore Traiano.
La piazza del foro costituisce il fulcro dell’area archeologica. È circondata su tre lati da un portico e chiusa sul quarto dalla basilica.
A monte del foro sorgevano i quartieri di abitazione, un edificio termale e un grande invaso idrico erroneamente ricostruito in forma di anfiteatro.
L’antiquarium accoglie reperti che illustrano i momenti più significativi della storia di Veleia.

Conferenza

Anfiteatro o cisterna? Ricerche oltre il visibile
Prof.ssa Rita Deiana, dott. Eugenio Tamburrino – Università di Padova

Non tutto è come appare: andare oltre il visibile per comprendere la controversa funzione di questo singolare monumento veleiate. Gli studiosi dell’Università di Padova ne ripercorrono la storia e presentano i risultati delle prospezioni geofisiche.
Al termine della presentazione i relatori accompagneranno i partecipanti in un tour del cosidetto anfiteatro.

2.00 €

Venerdì 14 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Conferenza

Veleia racconta: tra conservazione della memoria storica e valorizzazione partecipata
Dott. Simone Carini, dott. Eugenio Tamburrino – Associazione CulturUP!
Qual è il valore di un sito archeologico e quali significati può assumere? L’associazione culturale CulturUP! presenta il progetto Veleia Racconta, una ricerca etnografica e partecipata che intende far scoprire Veleia al di là dell’archeologia, quale realtà viva, presente nella memoria e nel vissuto della gente del luogo. Il pubblico diventa finalmente protagonista!

2.00 €

Sabato 15 giugno de 16:00 à 17:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Dimostrazione

Dieta sana o grandi abbuffate? Cibi e ricette nell’impero romano
Dott.ssa Cristina Mezzadri – Associazione Culturale Augusta Veleiatium
Quali erano i piatti più amati dagli antichi romani? Cos’è il garum? L’Associazione Culturale Augusta Veleiatium guida alla scoperta dei piaceri della tavola nel mondo romano. I partecipanti potranno osservare, manipolare e odorare gli ingredienti più diffusi nella cucina dell’epoca.
Al termine della presentazione grandi e piccini potranno cimentarsi nella preparazione del moretum, una ricetta antica, semplice e sana.

2.00 €

Domenica 16 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Friul-Venezia Giulia, Udine, Aquileia

Museo Archeologico Nazionale di Aquileia

Via Roma, 1
33051 Aquileia

www.museoarcheologicoaquileia.beniculturali.it

In occasione delle Giornate dell'Archeologia 2019, il Museo Archeologico Nazionale propone un calendario di attività dedicate a tutti gli appassionati di archeologia.

Si comincia sabato 15 giugno con l'iniziativa #iovadoalmuseo, che prevede l'ingresso gratuito agli spazi espositivi della collezione permanente.
Nella stessa giornata è in programma un evento collettivo, un flashmob nel giardino storico del museo per commemorare i 2200 anni dalla fondazione della città romana.

Domenica 16 giugno invece sono in corso di programmazione attività educative e percorsi tematici che affronteranno diversi aspetti dell'affascinante mestiere dell'archeologo.

A presto un aggiornamento con ulteriori dettagli.

Porte aperte

#iovadoalmuseo
Sabato 15 Giugno ritorna l'iniziativa Mibac #iovadoalmuseo.
L'ingresso sarà gratuito per tutti gli appassionati di archeologia e coloro che vorranno riscoprire le vestigia dell'antica città di Aquileia attraverso i meravigliosi reperti archeologici custoditi nel suo storico museo.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 19:00 (Chiusura biglietteria alle ore 18.00)

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità mentale

Dal 30 maggio è attivo un percorso tattile e di audiodescrizione fruibile da persone non vedenti e ipovedenti.
Su richiesta è inoltre possibile realizzare percorsi speciali per persone con disabilità sensitive e cognitive scrivendo a museoarcheoaquileia@beniculturali.it

Lazio, Latina, FORMIA

AREA ARCHEOLOGICA DI CAPOSELE - FORMIA

AREA ARCHEOLOGICA DI CAPOSELE - Porto Caposele - 04023 FORMIA - LT- ITALIA

Giornate dell'Archeologia a Formia - Sarà possibile visitare:.1 postazione con Allestimento di un Cantiere di Scavo Archeologico, dove un archeologo accreditato presso la Soprintendenza mostrerà le metodologie di scavo, sul campo, e gli strumenti impiegati nel corso delle indagini archeologiche;
NOVITA’
- N.1 Allestimento di materiali archeologici Inediti provenienti dal territorio di Formia, in collaborazione con la Soprintendenza SA-BAP Lazio, che, per la Prima Volta in Assoluto, saranno esposti al pubblico in vetrine allestite all’uopo, all’interno di uno dei fornici dell’area Archeologica Caposele. I materiali saranno illustrati da un archeologo professionista. Si tratta di un allestimento provvisorio.

Visita guidata

FORMIA-GIORNATE DELL'ARCHEOLOGIA
Durante le Giornate dell'Archeologia vengono proposte una serie di iniziative straordinarie con lo scopo di divulgare e promuovere le attività dell’archeologo e dei professionisti impegnati nelle indagini archeologiche e nella tutela del Patrimonio Culturale, con particolare riferimento al territorio di Formia.
Tale evento nasce in Francia dall’Istituto Nazionale per l’Archeologia Preventiva e si configura come una occasione ideale per divulgare al pubblico, in maniera corretta, le attività dell’Archeologo, dell’Antropologo, del Rilevatore e di tutte le figure professionali che si occupano della Tutela del Patrimonio Storico-Archeologico.
In particolare i visitatori potranno vivere l’esperienza di un cantiere di scavo archeologico, vedere e toccare con mano reperti ossei, seguiti dall’Antropologo, vedere e praticare un rilievo archeologico con moderne tecniche 3D.

Gratuito

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 13:00 et de 14:30 à 19:00 (VISITE GUIDATE OGNI ORA)

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 13:00 et de 14:30 à 19:00 (Sabato)

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Lazio, Rieti, Colli sul Velino

Sala della Parrocchia di Santa Maria Maddalena a Colli sul Velino (RI)

Via Principe di Piemonte n. 46

Viene presentato al pubblico il sito protostorico perilacustre di Paduli nel territorio di Colli sul Velino con un convegno dal titolo “Vivere sulle rive del lago“. Nella stessa occasione saranno esposti per la prima volta i materiali archeologici rinvenuti nel sito durante le campagne di scavo condotte dalla Sapienza - Università di Roma.

Conferenza

Vivere sulle rive del Lago, il sito protostorico di loc. Paduli
Durante la giornata sarà illustrato al pubblico l'insediamento di Paduli attraverso il quale sarà possibile far luce sulla frequentazione in età protostorica della piana di Rieti e capire lo stretto rapporto con l'acqua e l'evoluzione della vita intorno ai laghi di Ventina, Lungo, Ripasottile e Piediluco. Sarà fatto il punto sulle ricerche e saranno presentate le novità della campagna di scavo 2018.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 09:30 à 17:00 (sabato 15 giugno 2019)

Adulti

Lazio, Roma, Roma

Parco archeologico del Colosseo

Piazza Santa Maria Nova 53
00186 Roma

https://parcocolosseo.it/

Il Parco archeologico del Colosseo è stato creato nel 2017 come istituto ad autonomia speciale per la tutela e la valorizzazione dell’area archeologica centrale di Roma. Il Parco include un patrimonio archeologico, storico e paesaggistico di eccezionale valore culturale, con aree e monumenti di competenza statale (Colosseo, Domus Aurea, Arco di Costantino, Meta Sudans, Foro romano e Palatino), in consegna a Roma Capitale (Circo Massimo, Fori imperiali) e di proprietà di Enti ecclesiastici. La mission del Parco si declina attraverso la cura e valorizzazione del patrimonio e una costante educazione alla memoria. Per le Giornate dell'archeologia 2019 il Parco offre una serie di attività speciali: laboratori, visite didattiche, dimostrazioni di archeologia sperimentale, cacce al tesoro.

Dimostrazione

Dimostrazioni di archeologia sperimentale
Sul Palatino presso il santuario della Magna Mater un archeometra specializzato eseguirà dimostrazioni di scheggiatura della selce in prossimità dell'area dalla quale provengono le schegge del Paleolitico esposte nel Museo. Presso le Scalae Caci una seconda postazione di archeologia sperimentale approfondirà la protostoria e il villaggio dell'età del Ferro che qui sorgeva. Nel Foro Romano un archeologo ceramista illustrerà le diverse classi ceramiche, dalla Roma dei re all'età imperiale. Le attività sono incluse nel biglietto di accesso al Parco.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 13:00

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 15:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva

I materiali dei dimostratori saranno esplorabili tattilmente dai non vedenti. Postazione di archeologia sperimentale al Foro Romano accessibile con sedia a rotelle dall'ingresso di Largo della Salara Vecchia.

Visita guidata

Visita guidata al roseto del Palatino
Specialisti botanici illustreranno il rinnovato roseto situato sul Palatino presso gli Horti Farnesiani, con visite guidate in Italiano gratuite, incluse nel biglietto di accesso al Parco.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 16:00 à 18:00 (senza prenotazione)

Qualunque pubblico

Circuito di scoperta

Caccia al tesoro alle pendici del Palatino
Una caccia al tesoro per bambini permetterà di scoprire le pendici meridionali del Palatino e il suo patrimonio archeologico e naturalistico. L'attività è inclusa nel biglietto di accesso al Parco (gratuito per i bambini). Sabato e domenica pomeriggio sarà disponibile la traduzione in Inglese.

Gratuito

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 12:00 et de 16:00 à 18:00 (con prenotazione)

Bambini, Famiglie, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie

Accessibilità

Disabilità uditiva

La caccia al tesoro di domenica 16 (ore 10-12) sarà accompagnata da personale del Parco che utilizzerà la Lingua dei Segni Italiana per permetterne la fruizione da parte dei non udenti.

Workshop

Laboratori didattici sul Palatino
La Vigna Barberini, splendida terrazza sul Palatino, ospiterà laboratori didattici per bambini gratuiti sulla tecnica dell'affresco e sulle lucerne. Le attività sono incluse nel biglietto di accesso al Parco (gratuito per i bambini).

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:30 à 11:30

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 15:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie

Lazio, Roma, Roma

Parco archeologico di Ostia antica

717, Viale dei Romagnoli
00119 Roma

https://www.parcoarcheologicostiantica.it/

Il Parco archeologico di Ostia antica, nato nel 2016, riunisce siti di grande valore culturale e paesaggistico. L'attrazione principale è l'antica città di Ostia, colonia romana estesa su circa 80 ettari di superficie, con l'annesso Museo Ostiense che raccoglie capolavori statuari dall'età repubblicana alla tarda antichità. Fuori dagli scavi è visitabile il Castello di Giulio II, realizzato tra XV e XVI secolo su un'ansa del Tevere come postazione difensiva e dogana dello Stato Pontificio.

Inoltre sono visitabili i Porti imperiali di Claudio e Traiano, uno straordinario complesso di moli e magazzini di età imperiale attualmente nel comune di Fiumicino. Nei pressi merita una visita la Necropoli di Isola Sacra, con le sue eccezionali tombe dipinte.

Porte aperte

Cantieri aperti: le Terme del Buticoso
I visitatori potranno eccezionalmente visitare un cantiere di restauro all'interno dell'area archeologica di Ostia antica: si tratta delle terme del Buticoso, un tipico esempio di piccolo impianto termale (balneum) che conserva un'interessante decorazione pittorica e musiva, oggetto degli attuali interventi di restauro. La visita guidata è gratuita, per l'accesso al Parco occorre pagare il normale biglietto d'ingresso.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 12:00 et de 15:00 à 17:00 (Visita guidata gratuita, su prenotazione scrivendo a: pa-oant.comunicazione@beniculturali.it)

Qualunque pubblico

Porte aperte

Archivi aperti: l'archivio fotografico e l'archivio disegni
Il personale del Parco aprirà le porte dell'archivio fotografico, un tesoro che racchiude migliaia di scatti realizzati dagli inizi del Novecento a oggi nei vari siti che compongono il Parco archeologico. Nella stessa giornata sarà possibile ammirare i disegni che generazioni di architetti hanno dedicato ai monumenti di Ostia. La visita guidata è gratuita, per l'accesso al Parco occorre pagare il normale biglietto d'ingresso.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità, Medio Evo, Era moderna, Era contemporanea

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 12:00 (Visita guidata gratuita, su prenotazione scrivendo a: pa-oant.archiviofotografico@beniculturali.it)

Qualunque pubblico

Visita guidata

Visita guidata in lingua dei segni italiana (LIS)
Il Parco archeologico è lieto di offrire una visita guidata alle bellezze dell'antica città di Ostia, realizzata in lingua dei segni italiana per un gruppo di circa 20 persone. La visita sarà condotta dalla Dott.ssa Federica Lamonaca e sarà gratuita; per l'accesso al Parco occorrerà pagare il normale biglietto d'ingresso.

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 12:00 (Visita guidata gratuita, su prenotazione scrivendo a: federica.lamonaca@gmail.com)

Qualunque pubblico

Accessibilità

Disabilità uditiva

Visita in lingua dei segni italiana

Visita guidata

I culti orientali a Ostia antica
I visitatori saranno accompagnati da personale qualificato del Parco alla scoperta dei culti orientali diffusi a Ostia in età imperiale. Sarà un'occasione per conoscere divinità come la Grande Madre Cibele, il dio Attis e l'affascinante figura del dio Mitra, legato alla propaganda imperiale romana. La visita gratuita (si paga solo il normale biglietto d'ingresso al Parco), della durata di due ore circa, sarà condotta dall'archeologa Giovanna Arciprete.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 12:00 (Prenotazione obbligatoria all'indirizzo: pa-oant.servizieducativi@beniculturali.it)

Qualunque pubblico

Visita guidata

Visita guidata: Alla scoperta dei Porti Imperiali
Domenica mattina sarà possibile visitare l'area archeologica dei Porti imperiali di Claudio e di Traiano, nel Comune di Fiumicino, accompagnati dall'équipe dell'Università di Huelva che attualmente studia le strutture portuali antiche, in particolare il Molo della Lanterna. Gli archeologi illustreranno le ultime scoperte e le nuove ipotesi ricostruttive di questa importante infrastruttura portuale.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 11:00 à 12:30 (Durata 1h e 30 minuti)

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Istituto Centrale per l'Archeologia - Complesso Monumentale del San Michele

Via di San Michele 22,
00153 Roma

http://www.ic_archeo.beniculturali.it

L’Istituto Centrale per l'Archeologia svolge funzioni in materia di studio e di ricerca nel settore dell’archeologia, intesa nella sua accezione più ampia. Supporta la Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio del Ministero per i beni e le attività culturali, nella definizione di linee guida, standard di documentazione, archeologia preventiva e tutela del patrimonio culturale. Incentiva l'editoria archeologica e la diffusione dei dati territoriali in formato open attraverso la progettazione di piattaforme geografiche digitali.
Per le Giornate dell'archeologia 2019, l'ICA organizza incontri di approfondimento, workshop, dimostrazioni di archeologia sperimentale sia in sede che in altri istituti e musei partner del progetto.

Conferenza

Filippo Coarelli parla dell'archeologia oggi. Un'intervista con Cinzia dal Maso. Modera Elena Calandra

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 11:00 à 13:00

Adulti

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Lazio, Roma, Roma

Istituto Centrale per l'Archeologia - con Fondazione Marco Besso, CNR-ISMA e Museo dell'Agro Veientano

Largo di Torre Argentina 11
00186 Roma

http://www.ic_archeo.beniculturali.it

L’Istituto Centrale per l'Archeologia svolge funzioni in materia di studio e di ricerca nel settore dell’archeologia, intesa nella sua accezione più ampia. Supporta la Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio del Ministero per i beni e le attività culturali, nella definizione di linee guida, standard di documentazione, archeologia preventiva e tutela del patrimonio culturale. Incentiva l'editoria archeologica e la diffusione dei dati territoriali in formato open attraverso la progettazione di piattaforme geografiche digitali.
Per le Giornate dell'archeologia 2019, l'ICA organizza incontri di approfondimento, workshop, dimostrazioni di archeologia sperimentale, in collaborazione con altri istituti musei partner del progetto.

Conferenza

Symposion. L'arte del bere insieme: vino e pratiche conviviali tra passato e presente
Riflessioni e confronto tra esperti del settore sui modelli di autorappresentazione delle élites attraverso l'analisi di uno degli indicatori più noti del prestigio e del potere: il vino. Un viaggio tra Oriente, Grecia, mondo italico e romano. Parallelismi tra pratiche antiche e fortuna moderna di un simbolo della vita individuale e sociale, occasione per affermare l'identità del gruppo che si riunisce a convito, metafora della società e della vita.
L'inziativa fa parte dell'evento “Symposion“ che proseguirà al Museo dell'Agro Veientano sabato 15 e domenica 16 giugno.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 15:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Degustazione

Vino antico e moderno
La Fondazione Marco Besso offrirà, al termine dell'incontro di studi “Symposion“, una degustazione di vini kosher abbinandovi una dimostrazione sperimentale sulla preparazione del vino antico

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 18:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Capena

Area archeologica e antiquarium di Lucus Feroniae e Villa dei Volusii

Via Tiberina, Km 18,500 - 00060 Capena (RM)

https://www.beniculturali.it/mibac/opencms/MiBAC/sito-MiBAC/Luogo/MibacUnif/Luoghi-della-Cultura/vis

Laboratori di archeologia sperimentale e visite guidate a Lucus Feroniae e Villa dei Volusii.

Lazio, Roma, Formello

Museo dell'Agro Veientano - con Istituto Centrale per l'Archeologia e CNR-ISMA

Palazzo Chigi, Piazza San Lorenzo snc
00060 Formello

www.comune.formello.rm.it/museo

La manifestazione “Symposion -In Veio Veritas“, organizzata in collaborazione con ICA (Istituto Centrale per l'Archeologia del MIBAC) e CNR-ISMA, si svolge nei giorni 14-16 giugno 2019, di il 14 presso la Fondazione Marco Besso a Roma e il 15 e 16 a Formello/Veio. Il 15 giugno scopriremo come si preparava il vino in antichità e in particolare a Veio, grazie a interventi di esperti, una visita dedicata al museo e un workshop di preparazione del vino etrusco. Segue degustazione, sdraiati su una kline. Il 16 giugno, come il giorno precedente in collaborazione con l'Azienda agricola Terre del Veio, indaghiamo sulla produzione attuale veiente e visiteremo la Tomba dei Leoni Ruggenti, situata nelle vicinanze.

Conferenza

Symposion-In Veio veritas
Presentazioni e interventi - visita guidata tematica - workshop preparazione vino - degustazione

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Accesso con ascensore per superare dislivelli

Visita guidata

Symposon - in Veio veritas
Visita guidata alla Tomba dei Leoni Ruggenti, Veio con partenza dal Museo dell'Agro Veientano, Formello. Visita a azienda produttore “Terre del Veio“ con degustazione

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Lazio, Viterbo, Tarquinia

Passeggiata alla necropoli dei Monterozzi a Tarquinia

SP43, 01016 Tarquinia VT

Il personale della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale accompagnerà i visitatori alla scoperta del mito e della storia della civiltà etrusca.

L’iniziativa permetterà al pubblico di visitare in via straordinaria le più importanti tombe monumentali arricchite dalle pitture del periodo iniziale della necropoli.

Visita guidata

I TUMULI DELLA DOGANACCIA E DELLE PANTERE
Una passeggiata nella necropoli dei Monterozzi a Tarquinia per riscoprire il mito e la storia della civiltà etrusca.

Il punto di ritrovo per iniziare la visita è all'ingresso della necropoli alle 15.00.

La prenotazione è obbligatoria:
sabap-rm-met.tarquinia@beniculturali.it

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Liguria, Genova, Sestri Levante

MuSel - Museo Archeologico e della città di Sestri Levante

Corso Colombo, 50
16039 Sestri Levante

www.sestri-levante.net/il-musel/

Con un allestimento innovativo ed emozionante, il MuSel propone una varietà di reperti: dalle più antiche testimonianze del Paleolitico e dell’Età dei metalli, passando per l’Età romana e il Medioevo, fino alle più recenti testimonianze della città nel secolo scorso.
Un’ampia offerta culturale arricchita da una novità unica nel suo genere: il Cippo del Monte Ramaceto. Ritrovato nel 2015 poco sotto la cima del Monte, il Cippo confinario di epoca romana, documenta la presenza del latifondo imperiale nell’organizzazione del paesaggio rurale del Tigullio. Unico in tutta Italia, e tra i pochi documentati altrove, il cippo ha richiamato da subito fascino e curiosità nei confronti della cittadina e soprattutto dei visitatori di Palazzo Fascie.

Workshop

Io ero così
Archeoquiz con gioco a squadre organizzato tra le sale del museo e la mostra “Voi grandi siete tutti uguali!“ per comprendere la vita dei bambini dalla preistoria all'età moderna.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:30 à 12:30

Bambini, Famiglie

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Liguria, Imperia, Ventimiglia

Biblioteca Aprosiana

10 Via Garibaldi 18039 Ventimiglia

http://www.comune.ventimiglia.it/servizi/Menu/dinamica.aspx?idSezione=616&idArea=16612&idCat=18983&I

La Biblioteca civica Aprosiana, fondata a Ventimiglia da Angelico Aprosio nel 1648, è una delle più antiche biblioteche pubbliche italiane. Attualmente costituisce un punto di riferimento facilmente accessibile e consultabile, addirittura un nodo parauniversitario di studio e di interscambio culturale del quale è ormai impossibile fare a meno al fine di percorrere inesplorate strade nel “grande mare“ di quella letteratura, soprattutto barocca, di cui l'Aprosiana costituisce davvero una sorta di “insigne monumento“.

Conferenza

de

Liguria, Imperia, Ventimiglia

Museo Preistorico dei Balzi Rossi

9, via Balzi Rossi
18039 Ventimiglia

http://www.musei.liguria.beniculturali.it/musei?mid=403&nome=museo-preistorico-dei-balzi-rossi-e-zon

Le Grotte dei Balzi Rossi costituiscono uno dei monumenti più rappresentativi della preistoria dell’Uomo in Europa.

Le grotte si aprono ai piedi di una imponente parete rocciosa di calcare dolomitico del Giurassico e sono divise in due gruppi dalla linea ferroviaria. Le ricerche ai Balzi Rossi, avviate già nella prima metà dell’800, perdurano da due secoli. La loro ubicazione sul confine italo-francese ha fatto si che le indagini venissero condotte da equipe scientifiche a livello internazionale. Oggi sono attivi tre gruppi di ricerca che operano sul Riparo Mochi, sul Riparo Bombrini e sulla Grotta del Principe.

Porte aperte

Riparo Bombrini scavo aperto
È possibile visitare lo scavo archeologico in corso del Riparo Bombrini, che sta indagando i livelli di frequentazione
Période(s) archéologique(s) :

Preistoria

Opérateur :

Fabio Negrino

-Aménageur :

Fabio Negrino

4.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno de 10:00 à 13:00 et de 14:00 à 17:00

Bambini, Famiglie, Adulti

Liguria, Imperia, Ventimiglia

Area archeologica di Nervia

134, Corso Genova
18039 Ventimiglia

http://www.musei.liguria.beniculturali.it/musei?mid=5031&nome=area-archeologica-di-nervia

L’area archeologica in località Nervia custodisce i resti della città romana di Albintimilium, centro marittimo ed agricolo sorto in tarda età repubblicana lungo la Via Julia Augusta, sui resti di un primitivo stanziamento di cultura ligure chiamato Albium Intemelium e considerato nell’organizzazione augustea come l’ultima città amministrativamente italica. Conserva tracce delle antiche mura, delle strade e di alcuni monumenti pubblici e privati.

In particolare, sono visitabili i resti delle Terme ed il Teatro, datato tra II e III sec. d.C, che costituisce l’esempio meglio conservato di tale tipo di edificio pubblico in Liguria ed uno dei più notevoli di tutta l’Italia Settentrionale.

A supporto della visita esiste un antiquarium, nel quale è esposta una ricca selezione di reperti.

Liguria, La Spezia, La Spezia

Museo del Castello San Giorgio

Via XXVII Marzo
19121 La Spezia

http://museodelcastello.spezianet.it

Le collezioni civiche archeologiche sono ospitate all'interno del Castello San Giorgio, il monumento maggiormente rappresentativo della vicenda storica della città della Spezia, con numerose fasi di edificazione documentate a partire perlomeno dalla seconda metà del XIV secolo. All'interno, un percorso cronologico ci accompagna dalle statue stele dell'età dei metalli, al periodo romano fino all'alto medioevo.

Dimostrazione

Viaggio alla fine della nostra Preistoria: l'età dei metalli e gli antichi Liguri
L'attività si propone di far sperimentare direttamente ai bambini le antiche tecniche di lavorazione delle diverse materie prime naturali, spiegando le conquiste tecnologiche dell’uomo nella Preistoria con la manipolazione di riproduzioni fedeli di utensili di uso quotidiano. Nel laboratorio “Nella fucina del fabbro preistorico” si conoscerà l’intera catena operativa di lavorazione dei metalli dell’età del Rame e si realizzeranno originalissimi ciondoli “a doppia spirale”.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 16:30 à 18:00

Bambini, Famiglie

Lombardia, Brescia, Capo di Ponte

MUPRE - Museo Nazionale della Preistoria della Valle Camonica

7, Via San Martino,
25044 Capo di Ponte

www.mupre.capodiponte.beniculturali.it

Il MUPRE si trova a Capo di Ponte (BS), al centro dei percorsi di visita al Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri (loc. Naquane) e del Parco Archeologico Nazionale dei Massi di Cemmo.
Al Piano Terra il Museo espone oltre 50 tra stele e massi-menhir istoriati provenienti dai santuari megalitici dell’età del Rame (IV-III millennio a.C.). Si tratta di reperti di particolare fascino e suggestione che rendono la Valle partecipe dell’esteso fenomeno del megalitismo europeo. Al secondo piano il museo espone numerosi reperti inquadrabili in un lungo arco di tempo che dalla fine del Paleolitico Superiore giunge fino alla Romanizzazione. Il percorso espositivo, articolato in 3 sezioni, integra il ricco patrimonio di immagini incise sulle rocce.

Circuito di scoperta

Dallo Scavo al Museo
L’iniziativa “Dallo Scavo al Museo”, promossa dal MUPRE e dall’Università degli Studi di Pavia, offre l’occasione di conoscere l’attività di scavo archeologico e di studio delle rocce incise attraverso la visita del cantiere di scavo nel sito di Dos dell’Arca, già indagato nel 1962 da Emmanuel Anati e ripreso nel 2018 dall’Università. Dopo la visita allo scavo, ci si trasferirà al MUPRE per scoprire quali sono i materiali provenienti dal sito. Attraverso la loro analisi si potranno ricostruire i modi di vita delle comunità antiche e le relazioni commerciali e culturali che la Valle Camonica ha intrecciato con le altre comunità dell’Italia settentrionale.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 16:00 à 18:00

Famiglie, Adulti

Lombardia, Sondrio, Teglio

Palazzo Besta

8, via Fabio Besta
23036 Teglio

http://musei.lombardia.beniculturali.it/musei/palazzo-besta/

Palazzo Besta è uno splendido esempio di palazzo rinascimentale: i suoi interni sono decorati con cicli di affreschi a soggetto biblico, mitologico e storico risalenti al Cinquecento. Sono presenti anche quattro caratteristiche stüe valtellinesi. Il piano terreno ospita l’Antiquarium Tellinum, una significativa raccolta di stele incise dell’Età del Rame rinvenute nel territorio valtellinese.

Esposizione

Anteprima del nuovo allestimento archeologico
In questa occasione verrà presentata al pubblico l'anteprima del nuovo allestimento dell'Antiquarium tellinum, dove è custodita la collezione di stele preistoriche conservate in Palazzo Besta. Alle 15.30 è anche prevista una conferenza itinerante, corredata da rendering e preview dei contenuti, della grafica e dell'architettura dei nuovi pannelli informativi e apparati didascalici in fase di realizzazione.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 15:30 à 16:30

Bambini, Famiglie, Adulti

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

L'Antiquarium tellinum risulta accessibile ma non sono previste visite nella lingua dei segni francese (LSF).

Porte aperte

Allestimento partecipato...vieni a votare la nuova veste dei pannelli!
In questa occasione sarà possibile visitare gratuitamente la sezione dell'Antiquarium tellinum: il visitatore potrà votare la grafica dei pannelli preferita, tra quelle attualmente in fase di studio!
Période(s) archéologique(s) :

Preistoria

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 10:00 à 13:00 et de 14:00 à 17:00

Domenica 16 giugno de 08:30 à 13:30

Bambini, Famiglie, Adulti

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

L'Antiquarium tellinum risulta accessibile ma non sono previste visite nella lingua dei segni francese (LSF).

Toscana, Firenze, Firenze

Gallerie degli Uffizi. Auditorium Vasari

Piazzale degli Uffizi, 6 50122 Firenze

https://www.uffizi.it/

Le Gallerie degli Uffizi dal 2014 riuniscono tre straordinari complessi museali che nell’insieme raccolgono il nucleo delle collezioni d’arte e prezioso artigianato, di libri e di botanica delle famiglie Medici, Asburgo Lorena e Savoia: un’autentica raccolta di tesori dall’Antichità al XX secolo che hanno fatto grande, nel tempo, il nome degli Uffizi, di Palazzo Pitti e del Giardino di Boboli; tre siti museali riuniti e collegati tra loro, fin dal Rinascimento, attraverso la geniale costruzione del Corridoio Vasariano, e che insieme costituiscono un polo culturale tra i più importanti e visitati al mondo.

Visita guidata

Visite guidate alla mostra “Tutti gli uomini dell'imperatore“
Le visite guidate mirano ad illustrare ad un pubblico vasto un interessante nucleo di iscrizioni latine appartenenti al patrimonio delle Gallerie degli Uffizi. Anche grazie alle recenti acquisizioni, durante la visita sarà possibile mostrare la vita della casa imperiale a cavallo tra i Principati di Traiano e di Adriano, i due imperatori di origine spagnola che regnarono in un’epoca ritenuta tra le più felici di Roma.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:30 à 12:30 et de 15:30 à 17:30 (orario inizio visita: 10,30; 11,30; 15,30; 16,30)

Domenica 16 giugno de 10:30 à 12:30 (orario inizio visita: 10,30; 11,30)

Qualunque pubblico

Esposizione

“Tutti gli uomini dell'imperatore“
Questo progetto nasce dalla volontà di valorizzare un nucleo di iscrizioni latine appartenenti al patrimonio delle Gallerie degli Uffizi che, anche grazie a nuove acquisizioni, consente di osservare da un punto di vista privilegiato la vita della casa imperiale in un’epoca considerata tra le più felici di Roma, l’età d’oro compresa tra i Principati di Traiano e Adriano.

Gratuito

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 18:00 00:00

Qualunque pubblico

Conferenza

“Un nuovo addetto all'officium admissionis: Tito Elio Proculo, liberto adrianeo“
La dr.ssa Novella Lapini si occuperà di ricostruire la figura di T. Elio Proculo, liberto adrianeo omaggiato dalla moglie Chreste nel cinerario recentemente acquisito dalle Gallerie degli Uffizi. La sua appartenenza alla familia Caesaris dell’imperatore Adriano ne data la morte entro la metà del II d.C., mentre la qualifica di adiutor ab ammissione consente di collocarlo nello staff dell’officium admissionis, il potente ufficio palatino che si occupava di regolare l’accesso all’aula Cesaris.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 17:00 à 18:30

Adulti, Scuole

Scuole :

Superiori

Trentino-Südtirol, Trento, Ala

Riparo Cornafessa

17, Località Sega
38061 Ala

www.muse.it

Un giornata all’insegna dell’archeologia per scoprire lo scavo al Riparo Cornafessa, dove i cacciatori paleolitici hanno lasciato le più antiche tracce, fino ad oggi scoperte, di caccia all’orso con arco e frecce. Le ricerche sono condotte dagli archeologi del MUSE – Museo delle Scienze di Trento in collaborazione con l’Università degli Studi di Trento. Il programma prevede la visita guidata al sito e divertenti attività dimostrative e laboratoriali presso la Colonia alla Sega di Ala.

Dimostrazione

Piccoli paleolitici crescono!
I più piccoli potranno divertirsi grazie a divertenti attività che permetteranno loro di sperimentare la vita degli uomini paleolitici: laboratori di pittura e tatuaggi, racconti, dimostrazioni di scheggiatura della selce e creazione di un sacchetto… del cacciatore!

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:30 à 12:30 et de 14:30 à 16:30 (Presso Colonia Turiscoop, 17 Località Sega 38061 Ala)

Bambini, Famiglie, Adulti

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Workshop

Bivacco preistorico
Per allestire un vero accampamento paleolitico vi dovrete trasformare in un gruppo di cacciatori – raccoglitori del Paleolitico e, ognuno col proprio ruolo, reperire i materiali naturali che si trovano in natura. Sicuri di farcela?
Età consigliata 8+

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:30 à 12:30 et de 14:30 à 16:30 (Presso Colonia Turiscoop, 17 Località Sega 38061 Ala)

Bambini, Famiglie

Workshop

Scavo simulato
I partecipanti potranno cimentarsi nel lavoro dell’archeologo, utilizzando gli strumenti del mestiere, per riportare alla luce reperti originali da classificare e disegnare… insomma un vero giorno da archeologi!
Età consigliata 8+

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:30 à 12:30 et de 14:30 à 16:30 (Presso Colonia Turiscoop, 17 Località Sega 38061 Ala)

de

Bambini, Famiglie

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Per la fase di scavo è consigliato l'affiancamento di un accompagnatore.

Workshop

Archeozoologia: quello che le ossa raccontano
Sapete da quante e quali ossa è composto lo scheletro di un orso? Questa diverte attività porterà i bambini alla scoperta dell’affascinante e misterioso mondo dell’archezoologia… venite a scoprire di cosa si tratta!
Età consigliata 8+

Gratuito

Domenica 16 giugno de 11:00 à 12:00 et de 15:00 à 16:00 (Presso Colonia Turiscoop, 17 Località Sega 38061 Ala)

Bambini, Famiglie

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

Visita guidata al sito archeologico di Riparo Cornafessa
Un archeologo e un forestale accompagneranno i visitatori al sotto roccia. Attraverso una breve passeggiata (30 min.) durante la quale si potranno apprezzare le particolarità naturalistiche dei boschi di media montagna, si raggiungerà il riparo oggetto delle ricerche, con la possibilità di vedere un vero cantiere archeologico allestito per gli scavi!
Età consigliata 8+
Attività gratuita

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:30 à 12:30 et de 14:30 à 16:30 (Ritrovo presso la Colonia Turiscoop, 17 Località Sega 38061 Ala)

de

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Veneto, Treviso, Revine Lago

Parco Archeologico didattico del Livelet

Via Carpenè
31020 Revine Lago (TV)

http://www.parcolivelet.it

Il Parco Archeologico Didattico del Livelet è stato progettato e costruito per valorizzare la scoperta del vicino sito di Colmaggiore di Tarzo, datato fra il Neolitico e l'Età del Bronzo. Al Livelet è possibile visitare la ricostruzione di tre palafitte ispirate ai ritrovamenti archeologici e partecipare a laboratori e dimostrazioni pratiche.

Per festeggiare il decimo anniversario delle Journèes nationales de l’archéologie, domenica 16 giugno abbiamo invitato gli amici del Bostel di Rotzo (VI) per una giornata dedicata allo studio del passato e alla sua divulgazione con metodi innovativi. Al mattino tra rimontaggi, analisi e ipotesi ti sembrerà di essere nel laboratori di un vero archeologo mentre al pomeriggio potrai fare esperienza di realta virtuale e realta aumentata.

Workshop

Realta virtuale e realta aumentata
Un gioco spazio-temporale tra realtà vera e propria e virtuale

5.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 14h00 à 18h00 (Il costo del laboratorio e delle visite guidate è compreso nel biglietto di ingresso)

Bambini, Famiglie, Adulti

Workshop

Archeo-puzzle
Tra rimontaggi, analisi e ipotesi sembrerà di trovarsi nel laboratorio di un vero archeologo!

5.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 11h00 à 13h00 (Il costo del laboratorio e delle visite guidate è compreso nel biglietto di ingresso)

Bambini, Famiglie, Adulti

Visita guidata

Visite guidate alle palafitte ricotruite
I nostri archeologi vi porteranno a scoprire la vita quotidiana in riva al lago fra 6000 e 3500 anni fa

A pagamento

Domenica 16 giugno de 10h00 à 18h00 (Il costo del laboratorio e delle visite guidate è compreso nel biglietto di ingresso)

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità mentale

Veneto, Venezia, Campagna Lupia, Campolongo Maggiore

Campagna Lupia (VE)

Partenza prevista da
129 via Lova
30010 Campolongo Maggiore

http://www.soprintendenza.venezia.beniculturali.it/it

Tour in bicicletta per la conoscenza del territorio, dei luoghi della cultura e delle principali emergenze archeologiche del comune di Campagna Lupia

Veneto, Verona, Verona

Villa Romana di Valdonega

5, Via Cesare Zoppi
37128 Verona

https://www.facebook.com/Archeonaute-Criptoportico-di-Corte-Sgarzerie-e-Villa-Romana-di-Valdonega-27

La villa di Valdonega rappresenta un magnifico esempio di villa suburbana, il più noto tra i vari complessi che dovevano popolare le pendici delle colline che circondavano la città di Verona, a ridosso del fiume Adige.
Gli scavi effettuati nel 1957 per la costruzione di un condominio hanno portato alla luce i resti di un edificio risalente al I secolo d.C. e del quale si conservano un porticato a L (di cui restano le basi delle colonne), un ampio salone, due altri vani e un’intercapedine ancora visibili in situ.

Visita guidata

Apertura del sito e visite guidate
• Apertura del sito al pubblico
Martedì e domenica dalle 16.00 alle 20.00
Ingresso libero senza prenotazione - visita guidata su richiesta con contributo minimo volontario (3 euro a persona)
• Visite guidate
Ogni domenica ore 16.00
Prenotazione obbligatoria - Contributo richiesto di 3 euro a persona.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 16:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Il sito non è accessibile a persone con disabilità motorie

Veneto, Verona, Verona

Criptoportico di Corte Sgarzerie

8, Corte Sgarzarie
37121 Verona

https://www.facebook.com/Archeonaute-Criptoportico-di-Corte-Sgarzerie-e-Villa-Romana-di-Valdonega-27

Le indagini archeologiche che hanno riportato alla luce i resti del complesso, iniziate nel 1983 in concomitanza con la ristrutturazione del vicino Palazzo Maffei, sono continuate fino al 2011 con gli interventi condotti all’interno del Monte dei Pegni, Palazzo Malaspina, in Corso Sant’Anastasia 3 e nella cripta della chiesa di San Benedetto. Oltre ai resti del tratto del criptoportico ovest del Capitolium sono stati messi in luce una strada pedonale che delimitava il tempio e il perimetrale di un altro grande edificio pubblico.

Visita guidata

Apertura del sito e visite guidate
Criptoportico di Corte Sgarzerie
• Apertura del sitio al pubblico
Sabato e domenica dalle 9.00 alle 13.00
Ingresso libero senza prenotazione - visita guidata su richiesta con contributo minimo volontario (3 euro a persona)
• Vsiste guidate serali
Ogni venerdì sera ore 18.00
Prenotazione obbligatoria - contributo richiesto di 3 euro a persona

3.00 €

Venerdì 14 giugno de 18:00 à 19:00

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Il sito non è accessibile a persone con disabilità motorie