Stampa il programma

Select your region or print the program.

159 risultati
Abruzzo, Chieti, Chieti

Museo Archeologico Nazionale "la Civitella"

Via Giuseppe Salvatore Pianell, 1
66100 Chieti

www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=316&nome=museo-archeologico-nazionale-la-civitella

Il Museo si trova sull’altura della Civitella, l’acropoli dell’antica Teate Marrucinorum, dove sono stati rinvenuti i resti dei frontoni fittili di tre templi di Età Repubblicana. Nello stesso sito è visitabile anche l’Anfiteatro romano.
Le collezioni comprendono reperti dal Paleolitico all’Alto Medioevo e illustrano la storia dell’antica Teate e del territorio abitato dai Marrucini.
Il percorso è articolato in tre sezioni: “L’inizio della storia urbana” espone materiali dalle aree sacre di Teate, in particolare i frontoni dei templi di Età Repubblicana; “La terra dei Marrucini” presenta materiali dall’area marrucina, tra cui la statuetta bronzea conosciuta come la Dea Madre di Rapino; “Da Roma a ieri” raccoglie reperti dalla città romana. Tra questi spicca il mausoleo di Lusius Storax.

Visita guidata

“Il passato…in persona” - visita guidata animata
Visita guidata animata a cura dell'Associazione Mnemosyne, per scoprire le collezioni del Museo “la Civitella“ insieme a storie e racconti dell'antica Teate dalla viva voce dei suoi protagonisti.
Contributo per l’attività: €6,00 a persona (gratuito per i bambini)
Prenotazione obbligatoria al n. 338/4425880 anche via WhatsApp

6.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 17:00 à 17:45 et de 18:00 à 18:45

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Workshop

Storie dalla Terra - Detective al Museo - Dall'argilla al vaso: laboratori per bambini e famiglie
Laboratori per bambini e famiglie a cura dell'Associazione Mnemosyne:
- “Storie dalla Terra”: simulazione di uno scavo archeologico
- “Detective al Museo”: catalogazione dei reperti archeologici
- “Dall’argilla al vaso”: realizzazione di un vaso preistorico
Attività gratuite, su prenotazione al n. 338/4425880 anche via WhatsApp. È necessaria la presenza di almeno un adulto accompagnatore.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 16:00 à 19:00

Bambini, Famiglie

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

i minori dovranno essere accompagnati da almeno un genitore, i gruppi scolastici da un professore ogni 15 alunni

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Abruzzo, Chieti, Chieti

Museo Archeologico Nazionale d'Abruzzo, Villa Frigerj

3, Via Costanzi
66100 Chieti

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it

Il museo espone la più importante raccolta archeologica abruzzese, seguendo criteri espositivi che privilegiano gli aspetti etnici e topografici per un arco temporale che abbraccia le fasi protostoriche fino a quelle alto-medievali. Al piano terra si contempla il Guerriero di Capestrano, un capolavoro del VI secolo a.C., insieme ad altre significative sculture preromane. Qui è inoltre presente una ricca sezione numismatica e l’ottocentesca collezione Pansa, con oggetti eterogenei. Al primo piano sono esposti i reperti dai più rilevanti contesti archeologici abruzzesi, dai Vestini, ai Peligni, ai Marrucini, ai Carricini. La scalinata monumentale ricongiunge il percorso con i manufatti dei Sabini, dei Frentani, degli Equi e dei Marsi al piano inferiore.

Workshop

Alla scoperta del mestiere dell'archeologo: lo scavo stratigrafico
Laboratorio gratuito per adulti e bambini per vivere l'esperienza di uno scavo archeologico con veri reperti e mettere in pratica metodi e procedure della ricerca sul campo. E' gradita prenotazione

Gratuito

Sabato 15 giugno de 16:00 à 17:00

Qualunque pubblico

Abruzzo, Chieti, Chieti

Area archeologica delle Terme Romane di Chieti

Via delle Terme Romane
66100 Chieti

https://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_ass

Le terme di Teate, un'oasi di storia nella Chieti moderna, furono edificate su terrazzamenti del pendio orientale del colle che ospitava la città antica, già dal II sec. a.C. dotata di edifici sacri monumentali, divenuta municipium dei Marrucini dopo la guerra sociale (90-88 a.C.).
Alimentato da sorgenti e cisterne, come quella costituita da nove grandi ambienti voltati, l’edificio termale si sviluppa lungo un asse centrale che allinea una grande sala, pavimentata a mosaico decorato con figure marine, con gli ambienti per i bagni freddi, mentre la presenza di suspensurae e tubuli individua i locali per i bagni tiepidi e caldi, tutti un tempo riccamente decorati da mosaici, da tessere in pasta vitrea e da marmi d’importazione

Visita guidata

Visita guidata
La visita intende illustrare la collocazione urbana, la struttura, il funzionamento e l'apparato decorativo dell'impianto termale dell'antica Teate Marrucinorum, in vista del progetto di scavo, restauro e valorizzazione che sarà attuato nell'area archeologica.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 11:00 à 13:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Il sito presenta un percorso sterrato e una scalinata inaccessibile ai portatori di handicap su sedie a rotelle

Abruzzo, Chieti, San Salvo

Museo Civico "Porta della Terra"

Parco Archeologico del Quadrilatero
Piazza San Vitale
66050 San Salvo

http://www.costieradeitrabocchi.it

Da oltre venti anni la a sinergia tra il Comune e l’allora Soprintendenza Archeologica ha consentito di svelare un passato ricco di testimonianze antiche e medievali sino allora sconosciute nel centro storico di San Salvo. La scoperta dell’Acquedotto Romano Ipogeo nel 2001, la progettazione della riqualificazione di Piazza San Vitale nel 2002 e la realizzazione dei lavori sono culminate nel 2006 nella costituzione del Parco archeologico del Quadrilatero, che coincide con il nucleo originario della città ed è un sistema di beni culturali offerti alla fruizione pubblica, tra i quali spiccano sette siti d’interesse storico ed archeologico. Da allora il Parco promuove la conoscenza del proprio patrimonio storico-archeologico ed organizza attività sui beni culturali in generale.

Conferenza

conferenza “Dall'archeologia preventiva alla musealizzazione: l'esempio di San Salvo“
L'evento si svolge in collaborazione tra il Comune di San Salvo, la Fondazione per l’Arte, l’Archeologia e la Cultura del Vastese, l'Istituto d’Istruzione Italia Nostra del Vastese, Parsifal Società Cooperativa di Vasto e l' Istituto d’Istruzione Superiore “Raffaele Mattioli” di San Salvo. Vengono proposte una conferenza, con Interventi di Amalia Faustoferri e Davide Aquilano, un circuito di scoperta, una visita guidata.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 18:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Abruzzo, Chieti, Vasto

Area archeologica delle Terme Romane di Vasto

via Adriatica
66054 Vasto

www.sabap-abruzzo.beniculturali.it

Il complesso termale dell’antica Histonium è il più esteso fra quelli finora rinvenuti nella fascia costiera adriatica centro meridionale. È ubicato in una posizione privilegiata dalla quale è possibile godere della vista del cosiddetto “golfo d’oro“, non a caso prescelta dai romani per l’edificazione di questo impianto destinato al relax, al benessere, alla socializzazione. La presenza di due pregevoli mosaici, il mosaico del Nettuno e il mosaico del Mare, testimonia l’importanza della città di Histonium in età imperiale, quando una ricca committenza ne richiese la realizzazione a raffinate maestranze provenienti dal Nord Africa.
Luogo del cuore per 2.879 persone che lo hanno votato alla 9a edizione del censimento dei luoghi italiani da non dimenticare, promosso dal FAI.

Visita guidata

visite guidate
Visite guidate alla scoperta delle terme romane di Vasto e della passeggiata archeologica di via Adriatica

Gratuito

Sabato 15 giugno de 17:30 à 20:30

Domenica 16 giugno de 11:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Abruzzo, L'Aquila, L'Aquila

Museo Nazionale d'Abruzzo

via Tancredi da Pentima, snc
67100 L'Aquila

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=63&nome=munda-museo-nazionale-dabruzzo

Da quando la sede storica, il Castello Cinquecentesco dell’Aquila, è stata gravemente danneggiata dal terremoto, le collezioni del museo sono ospitate nel complesso dell’ex mattatoio comunale dell’Aquila.
Tra i materiali esposti figurano reperti archeologici provenienti dai centri italici e romani della conca aquilana. Le collezioni museali documentano dal Medioevo abruzzese fino al Seicento napoletano, con rarissime e preziose icone dipinte duecentesche, numerose sculture in legno, smaglianti pitture su fondo d’oro zecchino. Spiccano i dipinti di Andrea Delitio, le sculture lignee di Giovanni di Biasuccio e Silvestro dell’Aquila, ed emerge l’originalissima personalità di Saturnino Gatti, tra le figure di primo piano del Rinascimento italiano.

Workshop

Ercole e le sue fatiche
Laboratorio per bambini dedicato alle avventure di Ercole e alla collezione di ex voto del MuNDA. Attraverso il racconto i bambini approfondiranno la figura dell'eroe per poi reinterpretarla.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 16:00 à 17

Bambini

Abruzzo, L'Aquila, Sulmona

Palazzo dell'Annunziata

Corso Ovidio
67039 Sulmona

http://www.giostrasulmona.it/

Il Convegno “Futuro anteriore. Archeologia preventiva, tutela e trasformazione del territorio: perché, cosa e come fare“ intende coinvolgere, nella sede della mostra dallo stesso titolo, in un dibattito concreto e stimolante funzionari archeologi e architetti, collaboratori archeologi impegnati nelle redazioni delle VIArch, nell'effettuazione dei saggi preventivi e nell'assistenza archeologica ai lavori, amministratori degli enti pubblici territoriali e Imprese per confrontarsi sui benefici e sui problemi generati dall'attuale legislazione in materia, valutandone concretamente i risvolti applicativi.

Conferenza

Futuro anteriore. Archeologia preventiva, tutela e trasformazione del territorio. Perché, cosa e come fare
Il convegno intende porre l'attenzione sulla legislazione, sulle metodiche, sulle opportunità e sulle criticità dell'archeologia preventiva in Italia, illustrando casi concreti in ambito abruzzese, da parte degli addetti ai lavori, comunicando al pubblico le finalità di tutela e di ricerca che tali pratiche assumono, proponendo coinvolgimenti e adesioni allo spirito delle iniziative.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 18:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

L'accesso al Palazzo per persone con disabilità motoria è possibile dal retro, in via del Conservatorio

Abruzzo, L'Aquila, Sulmona

Sala della "Domus di Arianna" al Museo Archeologico di Sulmona

Palazzo dell'Annunziata, Corso Ovidio
67039 Sulmona

http://www.visit-sulmona.it

La Sala della Domus di Arianna è il risultato di un intervento di scavo, restauro e valorizzazione compiuto negli anno Novanta del Novecento per la sistemazione del rinnovato Museo Archeologico al Palazzo dell'Annunziata, nel centro storico di Sulmona, che conserva le tracce del municipium romano di Sulmo. Espone i resti di parte di una domus della prima età imperiale, con mosaici pavimentali in bianco e nero e frammenti ricomposti della decorazione pittorica parietale, con la megolagrafia della sacra unione tra Dioniso e Arianna, da cui prende il nome la sala museale.

Visita guidata

“I luoghi e le scoperte dell'archeologia preventiva: il futuro anteriore a Sulmona“
Visita guidata con richiamo agli interventi di archeologia preventiva condotti nella sala di Arianna e nel centro storico di Sulmona, sede del municipium romano di Sulmo, patria di Ovidio.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 11:00 à 13:00 et de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

visita guidata

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Per le persone con sedie a rotelle, ingresso dalla parte posteriore del Palazzo (via del Conservatorio)

Abruzzo, L'Aquila, Cansano

Parco Archeologico di Ocriticum

parco Archeologico: località Polmare, Tavuto, Pantano
Museo - via XX Settembre
67030 Cansano

http://www.visit-sulmona.it

Il Parco Archeologico di Ocriticum, nel territorio comunale di Cansano (AQ) è nato da un intervento di archeologia preventiva condotto alla fine degli anni Novanta del Novecento e da un progetto speciale del Ministero per i Beni Culturali che ha permesso la conduzione di attività di scavo stratigrafico estensivo, restauro, valorizzazione e musealizzazione nel sito di un grande santuario italico - romano strutturato su terrazzamenti, con tre edifici templari relativi al culto di Ercole, Giove, Cerere e Venere che hanno rivelato anche due grandi depositi votivi con materiali databili tra IV sec.a.C. e II sec.d.C. Il nome antico del sito è riemerso su una iscrizione funeraria di età imperiale romana.

Visita guidata

“I luoghi e le scoperte dell'archeologia preventiva: il futuro anteriore di Ocriticum“
La visita guidata intende illustrare le motivazioni, i metodi e i risultati degli interventi di archeologia preventiva e di scavo archeologico sistematico condotti sul sito di Ocriticum che, posto lungo un'importante arteria viaria antica e alla base del rilievo che ospita il centro fortificato di Colle Mitra, conserva le tracce di un abitato, di un importante santuario, di necropoli e di una grande calcara vissuti tra l'età arcaica e i primi secoli del periodo imperiale, nell'ambito di un paesaggio suggestivo e incontaminato.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Il percorso è allestito su un sentiero sterrato

Abruzzo, L'Aquila, Massa d'Albe

Parco Archeologico di Alba Fucens

Via Alba Funces
67050 Massa d'Albe

“Alba Fucens per bambini“ è un incontro tra le strade e gli edifici dell’antica colonia di Alba Fucens, fondata nel 303 a.C.: si propongono una passeggiata archeologica e un laboratorio di archeologia per bambini.

Workshop

Alba Fucens per bambini: passeggiata archeologica e laboratorio di archeologia
Durante la passeggiata archeologica, i racconti della vita dei bambini di allora, delle loro giornate e dei giochi conducono i bambini di oggi in una dimensione nuova, in cui la storia diviene un momento di incontro e di conoscenza. Il laboratorio di archeologia per bambini fa in modo che a contatto con il lavoro degli archeologi, con la terra che racchiude i reperti e li restituisce grazie a un paziente lavoro di scavo, i bambini possano divenire protagonisti, all’interno dell’area archeologica, di una esperienza unica e coinvolgente.
Passeggiata e laboratorio sono a cura della Coop. Limes

Gratuito

Domenica 16 giugno de 15:00 à 16:45 et de 17:00 à 18:00 (ore 15.00: passeggiata archeologica; ore 17.00: laboratorio per bambini)

Bambini

Scuole :

Elementari

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

I percorsi dell'area archeologica sono sterrati

Abruzzo, L'Aquila, Ortucchio

Le grotte della preistoria

Le grotte della preistoria
67050 Ortucchio

Lungo le sponde del lago Fucino, prosciugato nella seconda metà dell’Ottocento, gli uomini, fin dal Paleolitico, hanno frequentato le grotte poste sulle pendici delle montagne circostanti.

Visita guidata

Passeggiata archeologica : “Le grotte della preistoria”
La passeggiata, in un ambiente naturale di grande fascino, conduce a Grotta Maritza, La Punta, dei Porci e di Forfora, scavate dagli anni Cinquanta del Novecento.
L’itinerario ripercorre i luoghi, la vita e le differenti modalità di adattamento nel corso dei millenni.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 09:30 à 13:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva

i sentieri non sono accessibili a disabili

Abruzzo, L'Aquila, Avezzano

Villa Romana

Via Tiburtina Valeria km 112,500 (presso Centro Commerciale “I Marsi”)
67051 Avezzano

http://www.beniculturali.it/

Prima della realizzazione del centro commerciale, gli scavi archeologici preventivi hanno riportato alla luce una grande villa, posta nel territorio di competenza della vicina città romana di Alba Fucens.
L’intervento di valorizzazione ha consentito di rendere visitabile l’area e di muoversi tra gli spazi di un’abitazione di campagna, dove si svolgevano attività legate alla produzione dell’olio e del vino, come suggeriscono le vasche rinvenute nel portico.
Un mosaico a tessere bianco-nere, con al centro una Vittoria alata in corsa su una biga, decora una delle stanze affacciate sull’atrio con impluvium, la vasca che raccoglieva le acque dal tetto.

Visita guidata

Prima del centro commerciale: la villa romana di Avezzano
La visita permette di apprezzare la struttura e le decorazioni pavimentali di una grande villa di età romana, che testimonia le diverse modalità di occupazione del territorio succedutesi nel tempo.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:30 à 13:00 et de 15:30 à 18:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Abruzzo, L'Aquila, Celano

Laboratorio di restauro

Via Circumfucense
67043 Celano

“Lavori in corso”: il laboratorio di restauro è il luogo nel quale arrivano i reperti degli scavi archeologici; qui incomincia un percorso che li restituirà a nuova vita, grazie all’intervento dei restauratori.

Porte aperte

“Lavori in corso”, visita al laboratorio di restauro
La visita permette di conoscere le varie fasi dei lavori e avere un contatto diretto con le attività che precedono l’esposizione: dalla pulitura dei singoli frammenti alla loro ricomposizione.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 13:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Abruzzo, L'Aquila, Celano

Castello Piccolomini - Collezione Torlonia e Museo d'Arte Sacra della Marsica

Largo Cavalieri di Vittorio Veneto, s.n.c.
67043 Celano

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=62&nome=castello-piccolomini-collezione-torlonia

Il massiccio e imponente castello Piccolomini, con le sue caratteristiche quattro torri angolari, domina la piana del Fucino, occupata fino alla seconda metà del 1800 da un lago. Oltre al camminamento esterno, è possibile visitare il Museo d'Arte Sacra della Marsica e la Collezione Torlonia, una raccolta archeologica con reperti provenienti dal prosciugamento del lago.
L'ingresso al museo è a pagamento, mentre tutte le attività previste per le Giornate dell'Archeologia 2019 sono gratuite.

Visita guidata

Scopriamo la Collezione Torlonia
Visita guidata alla Collezione Torlonia. I visitatori potranno vedere i reperti archeologici ritrovati durante il prosciugamento del lago Fucino. Per un pubblico dai 14 anni in su.
A cura della Coop Limes (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Sabato 15 giugno de 18:00 à 19:00

Adulti

Conferenza

Racconti dalle acque. Storie di laghi e di archeologi subacquei
Breve incontro dedicato all’ archeologia subacquea, rivolto a un pubblico sia di adulti che di bambini. A cura della dott.ssa Marina M.S. Nuovo - Polo Museale dell’Abruzzo (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Sabato 15 giugno de 16:00 à 17:30

Qualunque pubblico

Workshop

Archeologi per un giorno
L'attività è rivolta a bambini dai 5 ai 10 anni e consiste nella simulazione di uno scavo archeologico stratigrafico. I bambini, divertendosi, potranno scoprire che cos'è un'unità stratigrafica e quali sono gli strumenti che adopera un archeologo durante lo scavo. A cura della Coop Limes (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 11:30

Bambini

Abruzzo, L'Aquila, Celano

MUSE' - Nuovo museo Paludi di Celano - Centro di restauro

Località Paludi, 1
67043 Celano

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/

Si tratta di una struttura polifunzionale sorta nei pressi dell'area archeologica Le Paludi. Gli scavi, effettuati dal 1985 al 1998, hanno portato alla luce un insediamento del III millennio a.C., costruito sulle rive dell'antico lago Fucino. Oltre alla collezione archeologica, che comprende reperti dall'Età del Bronzo all'età romana, la struttura ospita laboratori di restauro e di antropologia, una sala conferenze e depositi antisismici.
Ingresso al museo gratuito; le attività previste per le Giornate dell'archeologia 2019 sono gratuite, su prenotazione.

Circuito di scoperta

Il lavoro dell'archeologo: dallo scavo al museo
L'attività prevede la visita ai laboratori di restauro e al deposito archeologico - in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio dell’Abruzzo (con esclusione della città dell’Aquila e dei comuni del Cratere) - e la visita guidata al museo, a cura della Coop Limes (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 12:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Abruzzo, L'Aquila, Massa d'Albe

Chiesa di San Pietro in Albe/ Tempio di Apollo

Chiesa di San Pietro in Albe, Alba Fucens, s.n.c.
67050 Massa d'Albe

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=323&nome=chiesa-di-san-pietro-in-albe

La chiesa di San Pietro in Albe si erge sul colle di San Pietro, una delle tre colline che circondano Alba Fucens, la città romana fondata nel 304 a.C. ai piedi del monte Velino, presso l’antico lago del Fucino. Originariamente l'edificio era destinato al culto del dio Apollo, ma a partire dalla metà del VI sec. d.C. l'antico tempio romano, eretto nel III sec. a.C., fu trasformato in chiesa cristiana. Il tempio, di cui si conservano tre lati, aveva un portico con quattro colonne. Della fase paleocristiana rimangono labili tracce, tra cui i frammenti di rilievi esposti nel Museo d'Arte Sacra della Marsica, a Celano (AQ). All'interno sono presenti l'ambone e l’iconostasi duecenteschi, con mosaici colorati e intarsi in porfido rosso e verde.
Ingresso e attività gratuiti.

Visita guidata

Antiche pietre narrano…
Visita al tempio di Apollo/chiesa di San Pietro in Albe alla ricerca di antichi graffiti incisi sui massicci blocchi in calcare che compongono le mura dell'edificio. Attività rivolta sia ad adulti che bambini. A cura della dott.ssa Marina M.S. Nuovo - Polo Museale dell’Abruzzo - e in collaborazione con la Coop Limes (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:30 à 12:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Abruzzo, Pescara, Castiglione a Casauria

Abbazia di San Clemente a Casauria

via di S. Clemente
65020 Castiglione a Casauria

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=742&nome=abbazia-di-san-clemente-a-casauria

L'abbazia benedettina di San Clemente a Casauria sorge lungo l'antico percorso della Via Claudio-Valeria, a ridosso del fiume Pescara, in un luogo strategico dal punto di vista politico-militare.
Secondo il Chronicon Casauriensis, manoscritto della seconda metà del XII secolo, la fondazione risale all'anno 871 d.C. Delle varie strutture che componevano l'abbazia, oggi si conserva principalmente la chiesa, con elementi di straordinaria bellezza come il pulpito e il cero pasquale, lungo la navata principale, e il ciborio, sul fondo dell'abside. Oltre alla chiesa è possibile visitare l'Antiquarium “P.L. Calore“, in cui sono esposti reperti di età romana provenienti dalle aree circostanti ed elementi architettonici pertinenti alle fasi più antiche dell'abbazia.
Ingresso e attività gratuiti.

Visita guidata

Monumenta: cippi ed epigrafi funerarie di età romana
Visita guidata all’Antiquarium “P.L. Calore” a cura della dott.ssa Marina M.S. Nuovo - Polo Museale dell’Abruzzo. L'attenzione sarà rivolta soprattutto ai cippi e alle epigrafi funerarie di età romana presenti nell'Antiquarium. L'attività è destinata a un pubblico sia di adulti che di bambini (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Domenica 16 giugno de 12:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Conferenza

Monumenta: architetture e costumi funerari di un centro dell’Italia romana
Breve incontro di archeologia a cura della dott.ssa Stefania Tuccinardi (Università degli Studi di Napoli “Federico II”), rivolto a un pubblico sia di adulti che di bambini. Si scopriranno i riti e le credenze religiose in uso durante l'età romana (attività gratuita su prenotazione).

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:30 à 11:30

Qualunque pubblico

Abruzzo, Teramo, Teramo

Area archeologica Madonna delle Grazie

Località Madonna delle Grazie
64100 Teramo

http://www.teramoculturale.it

Il complesso privato intra moenia della città romana di Intermania Pratetut(t)iorum, con ricche pavimentazioni tardo repubblicane a disegno geometrico, testimonia e racconta livelli culturali davvero straordinari per una comunità di provincia, conquistata dai Romani agli inizi del III sec. a. C. L’abitato antico, capoluogo dei Pretuzii, continuerà a vivere fino a quando, appena dopo la Guerra Sociale, sarà strutturato il municipium romano secondo le regole ippodamee . Tra II e I a. C. vanno inquadrate cronologicamente le pavimentazioni realizzate con battuto di cocciopesto (opus signinum) con raffinati disegni geometrici.

Visita guidata

Apertura straordinaria - incontro “Restauro e fruizione del sito: parliamone insieme”
L'incontro intende descrivere i prossimi, imminenti, lavori di restauro e del nuovo progetto di fruizione finanziato dal MiBAC, proponendosi di stimolare commenti e dibattito finale.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 15:30 à 20:00 et de 18:00 à 20:00 (apertura ore 15.30-20.00; conferenza ore 18.00)

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Il percorso di visita è attrezzato con una passerella adatta ai portatori di handicap motorio

Abruzzo, Teramo, Campli

Parco Archeologico della necropoli di Campovalano

Piazzale S. Gabriele, Campovalano
64012 Campli

http://turismo.provincia.teramo.it

La necropoli di Campovalano, comune di Campli, è localizzata nella fascia pedemontana della Provincia di Teramo, alle pendici dei “Monti Gemelli”su un ampio terrazzo alluvionale frequentato dalla media età del Bronzo (XVI-XV sec. a. C.).
La necropoli dell’età del ferro-romana (IX sec. a. C. - II d. C.), l’insediamento abitativo dell’età del Bronzo medio di Coccioli (XV-XIV sec. a. C.), il complesso religioso medievale, fanno di Campovalano uno dei siti archeologici più importanti d’Abruzzo e del centro Italia, in un paesaggio storico ancora pressoché integro. In questo luogo, è ancora possibile leggere il racconto delle Genti che popolarono l’Italia antica a partire dal II millennio a. C.

Porte aperte

Campli, necropoli di Campovalano, ore 15.00-20.00: apertura straordinaria del Parco archeologico della necropoli pretuzia.
Le aperture straordinarie prevedono visite guidate e il racconto del rito funerario intorno alla ricostruzione di una sepoltura di alto rango sociale: “la tomba di un capo”
Période(s) archéologique(s) :

Preistoria, Protostoria, Antichità

Gratuito

Sabato 15 giugno de 15:00 à 20:00

Domenica 16 giugno de 08:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

I disabili motori devono essere accompagnati

Abruzzo, Teramo, Campli

Museo Archeologico Nazionale di Campli

Piazza San Francesco, 1
64012 Campli

http://www.musei.abruzzo.beniculturali.it/musei?mid=67&nome=museo-archeologico-nazionale-di-campli

ll museo ha sede in alcuni ambienti dell'antico convento di San Francesco fondato verso la fine del XIII secolo.
Avviato dal soprintendente Valerio Cianfarani per ospitare i prestigiosi reperti della necropoli di Campovalano provenienti dalle campagne di scavo iniziate nel 1967, il museo venne inaugurato nel 1989. Il percorso espositivo è interamente dedicato ai più importanti corredi della necropoli frequentata dall’età del ferro fino all’età ellenistica. Nella Sezione antropologica, i resti ossei analizzati offrono preziose informazioni sul sesso, le malattie, i traumi, le malformazioni e l’età della morte. Nello spazio dedicato alle “novità” è il ricco corredo di una giovane aristocratica composto di numerosi e raffinati gioielli.

Visita guidata

Archeologi all'opera
Visita guidata per adulti e laboratorio di simulazione di scavo archeologico

Gratuito

Domenica 16 giugno de 16 à 17

Bambini, Famiglie, Adulti

Basilicata, Matera, Bernalda - Metaponto Borgo

Museo archeologico nazionale di Metaponto

21, via Adamesteanu
75012 Bernalda-Metaponto Borgo (MT)

https://www.beniculturali.it/mibac/opencms/MiBAC/sito-MiBAC/Luogo/MibacUnif/Luoghi-della-Cultura/vis

L’occasione di ArcheoBookz è incentrata sul tema del libro archeologico e sull’idea dello scambio di informazioni e saperi, configurandosi dunque come momento di confronto e discussione. L’iniziativa interesserebbe l’intera giornata di sabato 15 giugno e si svilupperebbe secondo le modalità tipiche di un mercatino, con la presenza di acuni stand nei quali case editrici e singole persone possono offrire, vendere e scambiare testi di carattere storico-archeologico. Accanto a questo “mercatino” si svolgeranno attività collaterali. Nel pomeriggio è prevista una conferenza a altre attività scientifiche e ludiche.

Esposizione

ArcheoBookZ. Libri, scambi, incontri dalla A alla Z
L’occasione di ArcheoBookz è incentrata sul tema del libro archeologico e sull’idea dello scambio di informazioni e saperi, configurandosi dunque come momento di confronto e discussione. L’iniziativa interesserebbe l’intera giornata di sabato 15 giugno e si svilupperebbe secondo le modalità tipiche di un mercatino, con la presenza di acuni stand nei quali case editrici e singole persone possono offrire, vendere e scambiare testi di carattere storico-archeologico.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 11:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Basilicata, Potenza, Rionero in Vulture e Melfi

Abbazia di S. Ippolito, Monticchio Laghi (PZ)

Castello di Melfi - Via Normanni
85025 Melfi

http://www.polomusealebasilicata.beniculturali.it

“Passeggiata archeologica“ con visita guidata all'abbazia medievale di S. Ippolito a Monticchio Laghi (PZ). La passeggiata comprende anche la visita dell'abbazia di San Michele Arcangelo, con annessa chiesa (chiesa-grotta), e del Museo di Storia Naturale del Vulture, che collabora all'evento.
Partenza, con bus navetta, dal Museo Archeologico Nazionale “M. Pallottino“ di Melfi alle ore 10.30. Rientro previsto per le ore 14.00.

Visita guidata

“Passeggiata archeologica“
La “Passeggiata“ consiste nella visita dell'importante sito medievale ubicato nello straordinario scenario naturale dei laghi vulcanici del Vulture.
Visiteremo i ruderi dell'abbazia medievale di S. Ippolito, l'abbazia di San Michele Arcangelo, con annessa chiesa (chiesa-grotta), e il Museo di Storia Naturale del Vulture che partecipa e collabora all'evento garantendo la visita guidata del museo.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:30 à 14:00

Qualunque pubblico

Basilicata, Potenza, Melfi

Museo Archeologico Nazionale "M. Pallottino"

via Normanni
85025 Melfi

http://musei.basilicata.beniculturali.it

“La mensa del Castello“. Piccola esposizione temporanea di ceramica di mensa di età medievale e postmedievale proveniente dal castello di Melfi. Boccali, ciotole, scodelle e piatti, vivaci e colorati, sono le forme predominanti della tavola medievale.

Esposizione

La mensa del Castello
Esposizione temporanea di una selezione di vasellame da mensa medievale e post medievale, proveniente dal castello di Melfi. L'esposizione sarà allestita nell'area di accoglienza del Museo e vuole essere una piccola anticipazione dei materiali che caratterizzano le nuove sale espositive di prossima apertura.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Basilicata, Potenza, Venosa

Anfiteatro romano

Strada Ofantina ex SP 10
85029 Venosa (Potenza)

L'anfiteatro, costruito in opera reticolata nel corso del I sec. d.C., ebbe grossi interventi di consolidamento strutturale durante il II sec. d.C., mediante muri di rinforzo in opera mista, fase in cui sono riconducibili anche i sotterranei. L'edificio venne realizzato in un'area già edificata, saldando e perimetrando, con un muro in opera reticolata, due isolati dell'estrema periferia cittadina ed una strada.

Porte aperte

Apertura straordinaria
Apertura straordinaria
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

Gratuito

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 12:00 et de 17:00 à 19:00

Qualunque pubblico

accesso persone con mobilità ridotta

Basilicata, Potenza, Venosa

Casa di Quinto Orazio Flacco

vico Frusci
85029 Venosa (Potenza)

La prima notizia dell’esistenza a Venosa della casa del grande poeta latino, risale ad uno scritto del XVI secolo. In realtà, si tratta di ambienti termali di una domus patrizia di I-II secolo d.C.
Sono visibili una sala rotonda adibita a calidarium, con resti di suspensurae (pile di mattoncini poste al di sotto del pavimento per far affluire l’aria calda) ed un attiguo vano rettangolare.
Davanti ai due ambienti, sotto il selciato della strada, nel 1935 fu scoperto un mosaico raffigurante un mostro marino, oggi coperto da una botola e relativo probabilmente al frigidarium.

Porte aperte

Apertura straordinaria
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

Opérateur :

Associazione archeo-culturale La Quadriga

-Aménageur :

Comune di Venosa

Gratuito

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:30 à 12:30 et de 16:30 à 18:30

Qualunque pubblico

accesso persone con mobilità ridotta

Calabria, Catanzaro, Roccelletta di Borgia

Museo e Parco archeologico nazionale di Scolacium

via Scylletion, 1
88021 Roccelletta di Borgia

http://musei.calabria.beniculturali.it/

Il Parco racconta la storia di Skylletion, città della Magna Grecia, che divenne una prospera colonia romana, Scolacium.
Il sito è immerso in un uliveto secolare che costituisce il polmone verde della provincia di Catanzaro. Poco noto è l’insediamento greco mentre della città romana, nota come Colonia Minervia Nervia Augusta Scolacium, si conservano i resti del Foro, del Teatro e dell'Anfiteatro. All’interno del parco è possibile visitare Il Museo archeologico nazionale, dove sono esposti i risultati delle campagne di scavo con un allestimento che ripercorre la storia della città attraverso l’esposizione di reperti che documentano la vita antica sotto ogni aspetto.

Dimostrazione

Il collezionista di ossa
L’antropologo Charlotte Boyer vi illustrerà i reperti osteologici rinvenuti nella nostra necropoli.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:30 à 12:00

Bambini, Famiglie, Qualunque pubblico, Scuole

Spettacolo

Coro Polifonico
Il coro Polifonico“Exultate Deo”, di Mammola, diretto dal M. Chiara Ferraro, eseguirà brani tratti da repertorio gregoriano e polifonico, legati per tema e stile alla Basilica di Santa Maria della Roccella, davanti alla quale si esibirà.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 18:30 à 19:30

Qualunque pubblico

Conferenza

L'Olio d'Oliva tra storia, archeologia e scienza
Conferenza a cura della Dott.ssa Bakhita Ranieri- archeologa e del Dott.Thomas Vatrano- agronomo

Gratuito

Domenica 16 giugno de 17:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Workshop

Ricostruiamo Scolacium
Divertitevi con i Puzzle di Scolacium.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 12:00

de

Bambini, Famiglie, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Workshop

Coloriamo insieme
Dinosauri, vasi antichi e monumenti da colorare... Capire meglio passato attraverso i colori.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 12:00

de

Bambini

Scuole :

Scuole dell’infanzia

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Porte aperte

Caccia al Tesoro Archeologica
Scoprite i tesori del parco attraverso un'innovativa caccia al tesoro con codici QR.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità, Medio Evo

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 20:00

de

Qualunque pubblico

Workshop

Io Sono Ambiente
Workshop di educazione ambientale a cura del reparto dei Carabinieri della Biodiversità di Catanzaro

Gratuito

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 20:00

de

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Spettacolo

“MEDEA: Variazioni sul Mito”.
Una produzione originale a cura del Teatro di Calabria con brani tratti
dall'omonima tragedia di Euripide e da “Lunga notte di Medea” di Corrado Alvaro.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 18:30 à 20:00

de

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Workshop

Disegno dal Vero
Obiettivo del workshop è quello di avviare i partecipanti alla pratica del disegno dal vero.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 10:00 à 16:00

Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Workshop

Gears- Workshop condotto da Michele Giangrande
Durante il workshop gli allievi, guidati dall'artista realizzeranno degli ingranaggi che allestiranno nell'uliveto del Parco Archeologico. L'installazione resterà in loco fino all'inaugurazione dell'opera permanente che lo stesso Giangrande donerà e collocherà all'interno del Museo nel mese di luglio.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 18:00

de

Qualunque pubblico

Workshop

#scolaciumphotocontest
Archeo Talent: fai la tua foto, tagga il museo e pubblica sulla pagina. Chi riceverà più like?

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Workshop

Impronte d'Artista
Armatevi di matite, colori, pennelli e lasciate il vostro punto di vista artistico del parco e del museo. Le vostre opere realizzate saranno esposte durante tutta la manifestazione.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 20:00

Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Visita guidata

ArkeoTrekking
Passeggiata Naturalistica con l'agronomo alla scoperta della biodiversità del Parco.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 18:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Workshop

Bellezza d'altri tempi
Come si truccavano gli antichi? Un viaggio nel tempo attraverso la realizzazione del trucco usato dagli antichi romani.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 17:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Porte aperte

Non aprite quella porta: alla scoperta dei depositi del Museo di Scolacium
Visita guidata nei depositi con l'archeologo che vi farà scoprire i tesori nascosti dell'archeologia.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità, Medio Evo

Opérateur :

2

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 11:00 et de 11:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Dimostrazione

Laboratorio di ceramica: conosco dunque creo!
Dimostrazione della lavorazione della ceramica al tornio.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Dimostrazione

Archeologi per un giorno
Laboratorio di didattica archeologica: scavo archeologico simulato. Al termine di questi laboratori verrà rilasciato l'attestato di “Piccolo archeologo“.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 11:00

Bambini, Famiglie, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Esposizione

Mostra itinerario
Un percorso tra acqua e fuoco a Scolacium. Tutto il Museo partecipa alla mostra didattica: all'interno delle vetrine sono segnalati alcuni manufatti che spesso sfuggono all'occhio del visitatore, indicati con una goccia blu (acqua) e una fiamma rossa (fuoco).

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Visita guidata

Ritorno al passato: a spasso con gli antichi romani
Visita guidata teatralizzata nel Museo. Le guide si caleranno nell'atmosfera dell'antica Roma e vi condurranno attraverso la storia della città di Scolacium.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 17:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Dimostrazione

Laboratorio di tessitura
Giocando tessendo: ieri come oggi, a cura del Centro ricerca arte tessile.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 16:00 à 18:00

Bambini, Famiglie, Qualunque pubblico

accesso persone con mobilità ridotta

Calabria, Catanzaro, Carlopoli

Abbazia di Santa Maria di Corazzo

Località Castagna
88040 Carlopoli

http://www.archeologiabelleartiepaesaggiocosenza.beniculturali.it

L'abbazia di Santa Maria di Corazzo è un'abbazia fondata dai benedettini nell'XI secolo in prossimità del fiume Corace in Calabria, ricostruita successivamente dai cistercensi nel XII secolo, danneggiata una prima volta dal terremoto del 27 marzo 1638 e ancora dopo dal disastroso terremoto del 1783. Dopo questa data il monastero venne progressivamente abbandonato e spogliato delle opere artistiche che conteneva: le sue rovine sono visibili in località Castagna, una frazione di Carlopoli, in provincia di Catanzaro.

Visita guidata

LeggiAMO il Patrimonio
Visita guidata rivolta ai ragazzi delle scuole ed alla cittadinanza.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:30 à 13:00 (Raduno presso il sito dell'Abbazia)

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Medie, Superiori

Calabria, Cosenza, Cassano allo Ionio

Parco Archeologico di Sibari (Parco del Cavallo)

Strada statale 106 Jonica, Km 24
87011 Cassano allo Ionio

http://musei.calabria.beniculturali.it/musei?mid=333&nome=parco-archeologico-di-sibari

Il sito archeologico di Sibari è ubicato sulla costa Ionica della Calabria a breve distanza dalla foce del Fiume Crati. Questa parte del territorio calabro, nota topograficamente come sibaritide vide il sorgere, lo sviluppo e l'espansione e poi il declino della grande polis di Sibari; qui furono impiantati, in epoche successive alla distruzione della città greca, sovrapponendosi in parte alle sue rovine, prima il centro ellenistico di Thurii e poi quello romano di Copia.

Questa eccezionale stratificazione fa di Sibari uno dei siti più estesi ed importanti del Mediterraneo di età arcaica e classica.


La vita del sito ha inizio nel 720 a.C. con la fondazione della colonia achea di Sibari; si interrompe nel 510 a.C. con la distruzione della città da parte dei crotonesi; ricomincia nel

Visita guidata

Visite Guidate
Scopriamo insieme le città di Sibari, Thurii e Copia

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 09:00 à 13:00 et de 15:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Dimostrazione

Laboratori
Archeologo per un giorno: proiezione di video sull'attività dell'archeologo; simulazione di scavo; laboratorio di ceramica; laboratorio “leggiamo gli ostraka“; gioco: “riconosciamo i paramenti murari“.

ArcheoSelfie: #JNASybarisContest
Scatta un selfie nel Parco, tagga e pubblica su Instagram e Facebook
Instagram: museodellasibaritide
Facebook: Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide
Chi riceverà più like?

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 09:00 à 13:00 et de 15:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Calabria, Cosenza, Cosenza

Chiostro Monumentale di San Domenico

Piazza Tommaso Campanella
87100 Cosenza

www.laviapopilia.it

Nel Chiostro Monumentale di San Domenico, a Cosenza, si svolgerà nei giorni 14-15-16 giugno 2019 il Festival del Popolo Brettio. L'evento prevede rievocazioni storiche in costume, dimostrazioni di archeologia sperimentale, mostre, conferenze, visite guidate animate, archeocena.

Spettacolo

Rievocazione storica del Popolo Brettio
Attraverso la partecipazione di rievocatori storici in costume, saranno rappresentate varie scene di vita del Popolo Brettio.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10 à 19

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

le persone con disabilità riceveranno ogni forma di assistenza da parte degli organizzatori

Calabria, Cosenza, Cosenza

Palazzo Valdesi

piazza dei Valdesi n 13
87100 Cosenza

www.archeologiabelleartiepaesaggiocosenza.beniculturali.it

Palazzo di rinomato e sicuro interesse storico, oggi sede degli uffici della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Catanzaro, Cosenza e Crotone.

Accoglienza di gruppi scolastici

LeggiAMO il Patrimonio
Serie di interventi a tema archeologico e storico vario rivolti alle scuole medio-superiori dell'interland calabrese, introdotti dal Soprintendente SABAP Mario Pagano e moderati dal Dott. Carmelo Colelli
F.SPADOLINI, Che cos'è l'Archeologia
P. CARUSO, Archeologia subacquea e patrimonio culturale sommerso
A. BARLETTA, La media Valle del Crati in Età Romana
T. LATINI, Mura Parlanti: lo scavo di Cerasello di Pietrapaola (CS)
D. BOSCHELLI, L'assistenza scientifica in cantiere
M. C. GAGLIANESE, Esempi di studio
e catalogazione dei materiali archeologici
F. SCORNAIENCHI, L'anfora Scauri e le
origini del garum

Venerdì 14 giugno de 10:30 à 13:00

de

Qualunque pubblico

Scuole :

Medie, Superiori

Calabria, Cosenza, Cosenza

Biblioteca Nazionale di Cosenza

Piazza Antonio Toscano
87100 Cosenza

http://www.archeologiabelleartiepaesaggiocosenza.beniculturali.it

L'Ufficio Promozione e Divulgazione della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone (SABAP-CS), a cura del responsabile dott. mag. ing. Francesco DODARO, per la Giornata dell'Archeologia, proppone un evento le cui origini sono tratte dall'analisi degli scavi presenti nella sede della Biblioteca Nazionale di Cosenza. Gli scavi, eseguiti tra il 1988 ed il 1990, notevole esempio d'indagine archeologica a scala urbana, hanno consentito una lettura diacronica della frequentazione umana del sito, mostrandone l'ininterrotta continuità dalla metà del secolo IV a.c.sino ai giorni nostri.

Conferenza

LeggiAMO il Patrimonio
L'evento vedrà l'intervento di eminenti personalità dell'ambito culturale referente l'archeologia e lo storico-artistico il cui tema sarà incentrato sull'evoluzione urbanistica della città di Cosenza, dalle sue origini ad oggi.

Saluti di:
Dott.ssa R. FIORDALISI - Direttore Biblioteca Nazionale di Cosenza
Arch. N. RUGGIERI - Funzionario Archeologo della SABASP-CS
Dott.ssa A. CUCCINIELLO - Direttore del Polo Museale della Calabria
Dott.ssa G. VERBICARO - Funzionario Archeologo SABAP-CS

Interventi di:
Dott.ssa M. CERZOSO - Direttore Museo dei Bretti e degli Enotri di Cosenza -
“Cosenza e i Brettii”
Prof. B. SANGINETO - Docente Università della Calabria -
“Cosenza in Età Romana: gli scavi degli ultimi decenni”
Arch. F. TERZI - già Funzionario Architetto della SABAP-CS
“Cosenza in Età Medievale“

Modera:
Dott. C. COLELLI - Funzionario Archeologico della SABAP-CS

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 17:00 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

“Gli scavi della Biblioteca Nazionale”
L'Archeolo A. TOSTI guiderà i partecipanti alla visita degli scavi del sito archeologico della Biblioteca Nazionale di Cosenza

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 18:30 à 19:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

“I reperti Archeologici della Biblioteca Nazionale”
La Dott.ssa Sara MORSIANI, Funzionario Archeoloigo della SABAP-CS, presenterà i reperti archeologici rinvenuti durante gli scavi del sito della Biblioteca Nazionale di Cosenza.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 19:00 à 19:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Calabria, Cosenza, Scalea

Torre Talao

Via Nazario Sauro
87029 Scalea

http://www.archeologiabelleartiepaesaggio.beniculturali.it

Il sito archeologico di Torre Talao è costituito da una serie di grotte e cavità che si aprono sui fianchi del promontorio che domina il paesaggio costiero di Scalea. Le indagini archeologiche, eseguite nei primi decenni del secolo scorso, indagarono gran parte del deposito sedimentato di età musteriana, fase principale del Paleolitico Medio mentre ricerche successive hanno identificato sul versante orientale del promontorio un lembo di spiaggia fossile attribuibile all'ultimo periodo intergraciale. Sono stati riportati alla luce resti fossili in materiale litico (raschiatoi e utensili per scuoiare le pelli di animale), e faunistico (resti di elefanti e rinoceronti oltre ai più comuni buoi e cavalli)

Visita guidata

Vista guidata al sito di Torre Talao
Visita guidata a cura della Dott.ssa Mariangela Barbato, alla scoperta di uno tra i più importanti contesti preistorici della costa tirrenica meridionale, soprattutto per la ricchezza dei depositi che risultano tra i principali complessi musteriani noti e collocabili tra 60000 e 40000 anni prima di Cristo.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 13:00

Adulti, Qualunque pubblico

Calabria, Cosenza, Cetraro

Museo dei Brettii e del Mare

Piazza Del Popolo, c/o Palazzo Del Trono
87022 Cetraro

museodeibrettiiedelmare.it

Istituito nel dicembre 2011 come esposizione museale di proprietà comunale, il “Museo dei Brettii e del Mare” è stato allestito ed impostato secondo un criterio didattico, con una disposizione dei materiali che segue un percorso topografico e cronologico insieme, dai siti con i reperti più antichi a quelli con i più recenti.

Tutti comunque riguardano in prevalenza la facies più significativa del comprensorio cetrarese, ovvero quella che illustra il momento più significativo della presenza umana nell’antichità, vale a dire tra IV e III secolo a.C. Interessanti sono pure le sezioni dedicate al mare con alcune anfore ritrovate lungo la costa antistante Cetraro e la sezione dedicata al fondo cartografico donato alla città dal prof. Raffaello Losardo.


Esposizione

Arte inedita e antichita’ ritrovata
Visitabile dal 16 giugno al 31 agosto, la mostra è incentrata sulla conoscenza e valorizzazione dei Beni Culturali “mobili” ed “immobili”, molti dei quali ancora inediti, conservati nel territorio di Cetraro. Collezioni di vario genere sono presentate attraverso uno straordinario itinerario di visita politematico articolato in 5 Sezioni espositive allestite in sale differenti secondo criteri tematici e cronologici e corredate ognuna da un adeguato numero di pannelli esplicativi.
Oltre 500 beni, tra cui dipinti, statue, disegni, arredi sacri, reperti e siti archeologici, monumenti e architetture di vario genere, sono raccolti e posti al centro di un vero e proprio “unicum” espositivo, dove la copiosità del patrimonio artistico appartenente a pubbliche Istituzioni si unisce alla singolarità delle opere di pertinenza privata che la mostra riceve in prestito per gentile concessione di alcune famiglie cetraresi amanti dell’arte e, soprattutto, della valorizzazione del patrimonio culturale locale.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 18:00 à 22:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Calabria, Crotone, Crotone

Museo Archeologico Nazionale di Crotone

via Risorgimento, 20
88900 Crotone

musei.calabria.beniculturali.it/musei?mid=82&nome=museo-archeologico-nazionale-di-crotone

Situato presso uno dei bastioni della cinta muraria cinquecentesca nel cuore storico della città, il Museo propone un percorso espositivo articolato su due piani. Al piano terreno il visitatore è guidato, secondo un criterio cronologico, a scoprire le principali tappe storiche dell’antica città greca di Kroton, a partire dai rapporti con le comunità indigene preesistenti al momento della fondazione (ultimi decenni dell’VIII secolo a.C.) attraverso la storia dei suoi atleti, medici e filosofi. Mentre il secondo piano offre una panoramica sugli insediamenti del territorio, legati a tradizioni mitiche e culti fondamentali per la polis, e sui principali santuari della città, con particolare riguardo per il santuario della dea Hera Lacinia presso Capo Colonna con i suoi preziosi ex-voto.

Workshop

Frammenti di archeologia
I partecipanti saranno coinvolti in una lezione frontale di archeologia, utile all’apprendimento delle fasi che scandiscono uno scavo archeologico e la sua interpretazione finale.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 17:30 à 19:00

Qualunque pubblico

Esposizione

Presentazione e apertura del contest fotografico “Le storie del Lacinio“
La comunità locale è invitata a partecipare ad una “gara di fotografia”, al termine della quale saranno scelte tre foto da esporre in una mostra allestita all'interno del museo che prevede l’esposizione di immagini storiche, ma anche recenti, del parco e di tutte le realtà che esso comprende.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 18:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Calabria, Crotone, Crotone

Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna

via Hera Lacinia
88900 Crotone

musei.calabria.beniculturali.it/musei?mid=83&nome=museo-e-parco-archeologico-nazionale-di-capo-colon

Il sito archeologico di Capo Colonna è da sempre legato alla storia di Crotone. Durante l’epoca greca era denominato promontorio Lacinio e vi trovava sede un grande santuario dedicato alla dea Hera, la cui notorietà e ricchezza sono ricordate nelle fonti letterarie. Oggi il sito è noto e visitato soprattutto per l’unica colona superstite del grande tempio dedicato alla dea. All’ingresso del Parco Archeologico si trova il Museo, inaugurato nel 2006. Esso propone un percorso espositivo articolato in tre sezioni: la prima è riservata all’abitato sorto sul promontorio in età romana; la seconda sezione illustra il santuario di Hera Lacinia; la terza e ultima è una sezione di archeologia sottomarina nella quale sono presenti una serie di rinvenimenti avvenuti nel mare circostante il promontorio.

Conferenza

Presentazione del libro “L'olio d'oliva tra storia, archeologia e scienza“
Con gli autori Bakhita Ranieri e Thomas Vatrano ne parleranno
Gregorio AVERSA, Direttore del Museo archeologico nazionale di Crotone - Museo e Parco archeologico nazionale di Capo Colonna
Alfredo RUGA, Funzionario Archeologo MiBAC
Maria BRUZZESE, Vicepresidente ordine dei tecnologi alimentari di Basilicata e Calabria
Massimiliano PELLEGRINO, Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria - Centro di ricerca olivicoltura, frutticoltura e agrumicultura - Sede di Rende

Venerdì 14 giugno de 17:30 à 20:00

Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Workshop

Archeologi per un giorno
In base al numero dei partecipanti saranno create 2/3 squadre, che dovranno cimentarsi in tre prove, mediante le quali saranno introdotti alle attività che determinano e seguono il rinvenimento di un reperto archeologico.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:30 à 12:30

Qualunque pubblico

Calabria, Reggio di Calabria, Bova Marina

Parco archeologico Archeoderi

Contrada San Pasquale
89035 Bova Marina

http://www.comune.bovamarina.rc.it

Manifestazione per la Valorizzazione e Promozione del Parco, il quale offre ai visitatori resti di edifici di epoca romana e resti di una Sinagoga del IV sec dC con magnifici mosaici dell'Aula della Preghiera. L'antiquarium espone, inoltre, reperti che vanno dalla Protostoria al periodo Romano.

Visita guidata

Passeggiando nel Parco Archeoderi
Visita guidata nel Parco e nell'Antiquarium Archeoderi.

4.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 09:00 à 14:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Conferenza

Scorci di vita quotidiana nel mondo antico attraverso i reperti del Parco Archeologico Archeoderi
Conversazione informale nelle sale dell'Antiquarium prendendo come spunti i reperti esposti nelle vetrine.

4.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 09:00 à 14:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva

Esposizione

Come eravamo... in immagini e versi
Mostra fotografica sulla Calabria del 1900 con versi tratti da Testi Classici.

4.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 09:00 à 14:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva

Calabria, Reggio di Calabria, Locri

Musei e Parco Archeologico di Locri

Contrada Marasà
89044 Locri

http://www.locriantica.it

Manifestazione per la Valorizzazione e Promozione del Parco Archeologico e dei Musei (Museo del Periodo Greco, Museo del Periodo Romano e Museo del Territorio). Il Parco ha un'estensione di circa 300 ettari. Sono visitabili alcune aree sacre, il quartiere dei ceramisti, il teatro greco-romano.

Visita guidata

Nel Parco Archeologico di Locri tra Miti, Immagini ed Archeologia
Passeggiata nel Parco Archeologico dove saranno esposte sagome di vasi greci che saranno spunto di racconti di miti e leggende.

4.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 19:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Calabria, Reggio di Calabria, Reggio Calabria

Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

piazza De Nava, 26
89122 Reggio Calabria

www.museoarcheologicoreggiocalabria.it

Il museo archeologico di Reggio Calabria, il cui acronimo è MArRC, rappresenta il fulcro della storia archeologica della Calabria antica. Il museo espone reperti e testimonianze della Calabria dalla preistoria all’età romana, anche se la parte più cospicua delle collezioni è costituita sicuramente dalle città della Magna Grecia, come Locri, Crotone, Caulonia, Reggio, con reperti di notevole pregio e bellezza, come gli elementi architettonici dei santuari di Casa Marafioti o di contrada Marasà a Locri. Il museo custodisce i Bronzi di Riace, due statue in bronzo, di altezza pari al vero, raffiguranti due giovani nudi, forse guerrieri. Datate al V secolo a.C., sono considerati capolavori dell’arte greca.

Visita guidata

Visita guidata alla mostra “Ade e Persefone. I Signori dell'Aldilà“
La visita guidata all'esposizione temporanea racconterà ai visitatori uno dei culti più affascinanti della Magna Grecia, quello di Kore-Persefone. I settanta reperti in mostra, tra cui specchi, biglie, i famosi pinakes (tavolette in argilla), le statuette votive e ceramica attica provenienti dai principali santuari della Calabria greca, raccontano il culto verso una divinità dalle molteplici sfumature, protettrice dei raccolti e dell'agricoltura da un lato e garante dei riti di passaggio dalla fanciullezza al matrimonio.

8.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 14 giugno de 12:00 à 13:00 (E' gradita prenotazione. Piazza P. Orsi (Museo))

Qualunque pubblico

Conferenza

Conferenza a cura del prof. A. Bottini “Metaponto arcaica: le tombe delle necropoli di Crucinia“

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 17:30 à 19:30 (Ingresso gratuito. Sala Conferenze)

Qualunque pubblico

Circuito di scoperta

Archeo-trekking
Una passeggiata archeologica alla scoperta della Reggio antica.
Partenza dal museo di Reggio Calabria per concludere il percorso al Castello.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 12:00 (La visita è per un massimo di 25 persone.)

Qualunque pubblico

Workshop

Laboratori Archeo-Kids
Laboratori ludico-didattici per bambini e ragazzi fino a 12 anni. Ingresso a tariffazione normale per gli adulti accompagnatori.

8.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 10:00 à 11:00 et de 11:00 à 12:00 (Massimo 15 partecipanti. Prenotazione necessaria tramite mail a didatticamarrc@gmail.com)

Sabato 15 giugno de 12:00 à 13:00 (Massimo 15 partecipanti. tramite mail a didatticamarrc@gmail.com)

Bambini

Visita guidata

Visita guidata alla necropoli ellenistica del Museo

8.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 09:00 à 13:00 et de 15:00 à 19:00 (Livello E)

Qualunque pubblico

Workshop

Laboratorio ludico-didattico “Archeo-kids“
Laboratorio gratuito per i bambini e ragazzi fino a 12 anni. Ingresso a tariffazione normale per gli adulti accompagnatori.

8.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 16:00 à 17:00 et de 17:00 à 18:00 (Massimo 15 partecipanti. Prenotazione necessaria tramite mail a didatticamarrc@gmail.com)

Domenica 16 giugno de 18:00 à 19:00 (Massimo 15 partecipanti. Prenotazione necessaria tramite mail a didatticamarrc@gmail.com)

Bambini

Conferenza

Presentazione del libro “Il tesoro di Federico II“ di Valentina Certo

Gratuito

Domenica 16 giugno de 17:30 à 19:30 (Sala Conferenze)

Qualunque pubblico

Calabria, Vibo Valentia, Vibo Valentia

Museo Archeologico Nazionale "Vito Capialbi"

Castello Normanno-Svevo, via Antica Monteleone
89900 Vibo Valentia

https://www.beniculturali.it/mibac/opencms/MiBAC/sito-MiBAC/Luogo/MibacUnif/Luoghi-della-Cultura/vis

Il Museo Archeologico Nazionale “Vito Capialbi”, è collocato all’interno del suggestivo castello medievale di Vibo Valentia, in una posizione panoramica. Nell’edificio medievale sono esposti i reperti provenienti dalla storica collezione Capialbi, con vasi attici e monete, i numerosi rinvenimenti effettuati nella città. Spiccano, al piano superiore, le armi da parata donate dall’aristocrazia ipponiate ad Hades, uniche in Magna Grecia; le numerose statuette dedicate a Persefone e Demetra nel santuario di località Cofino. Al piano inferiore, sono esposti i reperti delle necropoli, con il più antico testo orfico rinvenuto, inciso in sedici versi su una laminetta aurea. Poi la statuaria romana con il busto di Agrippa, generale di Ottaviano, che aveva posto il suo quartier generale nella città.

Workshop

Caccia al tesoro
Cerca all’interno del museo gli indizi nascosti e ricomponi il puzzle di Persefone.

Gratuito

Giovedi 13 giunio de 10:00 à 11:00

Bambini

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Spettacolo

A teatro con gli antichi greci
Il dramma è un’eredità importante del passato, assistiamo alla rappresentazione teatrale del mito di Persefone.

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno de 11:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità mentale

Visita guidata

Conosci la tua storia accompagnato dagli antichi dei.
Delle guide speciali vi accompagneranno nelle sale del museo

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno de 09:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Sono presenti rampe di accesso per le sedie a rotelle. Esistono didascalie in braille e reperti da toccare.

Workshop

Disegna il mito
Bambini, impugnate matite e pennelli e disegnate insieme a noi il mito di Persefone, i migliori disegni saranno premiati nel contest di Vibo Comics che si terrà il 15 e 16 giugno presso Palazzo Gagliardi.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 09:00 à 13:00

Bambini

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Workshop

#archeovv photo contest
Fotografa i reperti del museo ed usa il nostro hashtag #archeomuseocapialbi , chi otterrà più like?

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno de 09:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Campania, Benevento, Benevento

Teatro romano di Benevento

Piazza Caio Ponzio Telesino
82100 Benevento

http://www.polomusealecampania.beniculturali.it/index.php/il-teatro

Il teatro (I-II secolo) sorge nella zona occidentale della città antica, nei pressi del cardo massimo che conduceva al foro. Il monumento è costruito in opera cementizia con paramenti in blocchi di pietra calcarea e mattoni; gradinate e frons scenae erano rivestiti in marmo, così come le aulae. La cavea semicircolare presentava tre ordini, di cui si conserva solo l’ordine inferiore, costituito da venticinque arcate su pilastri con semicolonne tuscaniche. Le arcate della cavea presentano come chiavi di volta rilievi configurati: busti maschili nell’ordine inferiore e probabilmente maschere negli ordini superiori. La scena presentava, in corrispondenza di tre porte monumentali, delle nicchie semicircolari in cui erano alloggiate statue.

Conferenza

Il cammino dei teatri
Tra i maggiori teatri della Campania antica vi è certamente quello di Benevento, che attraverso le ultime indagini archeologiche, i lavori di restauro e i nuovi rilievi ha rilevato nuovi e importanti elementi per la sua conoscenza. Sulla scorta dei nuovi dati e degli studi in corso è stato possibile formulare nuove ipotesi sulla storia costruttiva del teatro, che restituiscono una nuova immagine del monumento sia sotto l’aspetto strutturale sia architettonico e della decorazione architettonica del frontescena.

Interventi:
Ferdinando Creta, Direttore dell'Area Archeologica del Teatro Romano di Benevento

Alfredo Balasco, Architetto

Salvatore Ciro Nappo, Archeologo

Luigi Petti, Professore Universitario

2.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 10:00 à 12:00 et de 10:00 à 12:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Campania, Caserta, Succivo

Museo Archeologico dell'Agro Atellano

5, Via Roma
81030 Succivo (CE)

http://www.polomusealecampania.beniculturali.it/index.php/il-museo-succivo

Il Museo, allestito in un edificio di proprietà comunale, fu istituito nel 1991 con l'obiettivo di illustrare la storia della porzione meridionale dell’ager Campanus e dell’antica città di Atella. Introduce alla visita la ricostruzione di una necropoli con sepolture di bambini entro anfore databili tra il III-IV secolo d.C. Al primo piano sono i reperti databili tra l’età del Bronzo e l’età tardo antica, provenienti dagli insediamenti antichi e dalle necropoli sparse sul territorio. Di particolare rilievo la collezione di vasi a figure rosse di produzione campana. Il secondo piano, dedicato a mostre temporanee, ospita una piccola necropoli di età orientalizzante da Gricignano di Aversa.

Esposizione

Il paesaggio atellano. I quadri di Luigi Marruzzella
Il Museo Archeologico dell’Agro Atellano presta i propri spazi alle tele del maestro Marruzzella, che ha saputo cogliere, grazie a dolci pennellate, la delicatezza del paesaggio atellano, nel quale i monumenti degli antichi trovano un nuovo senso. Le antiche “rovine” divengono per i contemporanei punto di orientamento e luogo di incontro, perché rimangono, nonostante il mutare dei tempi. Lo sguardo del pittore ci riporta al tempo in cui i piccoli borghi dell’agro atellano non erano aggrediti dal cemento ed era ancora chiara la definizione di Campania Felix. Intorno ai quadri, i prodotti di quella regione felice e lontana, i reperti esito degli scavi archeologici, che ci hanno restituito, oltre le suggestioni, la verità storica e produttiva dell’area atellana.

Gratuito

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 18:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Campania, Caserta, Maddaloni

Museo Archeologico di Calatia

353, Via Caudina
81024 Maddaloni (CE)

http://museoarcheologicocalatia.beniculturali.it/

Il Casino di Starza Penta, una delle più significative testimonianze storiche e monumentali di Maddaloni, ospita il Museo di Calatia: la visita si sviluppa su un doppio binario, l’esposizione archeologica da una parte e l’edificio storico recuperato dopo il restauro. L’esposizione archeologica si articola su due piani ed è ubicata nel corpo principale. In mostra sono i reperti provenienti dalle necropoli di Calatia e dall’area urbana, che interessano un arco cronologico compreso tra la fine dell’VIII sec.a.C. e l’età tardo romana. Al piano terra vi è la prima sezione del Museo dedicata al territorio, alla città e alle necropoli, mentre il primo piano, diviso tra ambienti di rappresentanza e gli antichi “quarti”, ospita 4 sezioni tematiche, tra cui una sala immersiva sull'Appia.

Visita guidata

Esperienze didattiche condivise: visita alla Mostra “A regola d’Arte” – La Costituzione al Museo.
Realizzata dal Marano Ragazzi Sport Festival e promossa dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania, dal Servizio Educativo del Polo Museale della Campania, in collaborazione con la Fondazione Pol.I.S., l’Associazione Libera e il Convitto Nazionale “Giordano Bruno” di Maddaloni, la mostra, già organizzata in sedi prestigiose, si sviluppa fra la visione interattiva di riproduzioni di opere d’arte, approfondimenti sui valori fondanti della Carta Costituzionale e i loro riferimenti a riflessioni letterarie e filosofiche. Si propone di avvicinare i giovani visitatori all’ambiente museo, invitando a viverlo in maniera creativa come luogo non solo della conoscenza, dell’incontro con la bellezza, dello stupore e dell’incanto, ma anche come luogo della formazione delle coscienze e del pensiero critico e responsabile per imparare a conoscere e lasciarsi appassionare dalla bellezza dei valori della legalità.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 11:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità mentale

Campania, Caserta, Teano

Museo Archeologico di Teanum Sidicinum

23, via Nicola Gigli
81057 Teano (CE)

http://www.polomusealecampania.beniculturali.it/index.php/il-museo-teano

Nel Museo sono esposti i reperti provenienti dagli scavi nel centro antico e nel territorio abitato da una popolazione parlante l’osco che sviluppò una propria originale cultura figurativa sin dal VI secolo a.C. L’esposizione sviluppa sulle due navate dell’edificio medievale le principali dinamiche di occupazione del territorio: l’età dei villaggi (VIII-IV sec. a.C.) e l’età della città (III sec. a.C. - VII sec. d.C.). I nuclei principali sono costituiti dagli oggetti votivi deposti nei santuari. La ricchezza della città è testimoniata dai corredi funerari. Il Museo ospita anche una sezione dedicata agli scavi urbani, tra i quali il recupero del teatro romano con la sua sfarzosa decorazione architettonica e scultorea di età severiana.

Visita guidata

“Sorgenti e santuari nel territorio dei Sidicini”
Nella Campania settentrionale il territorio compreso tra il massiccio vulcanico di Roccamonfina, le falde del monte Maggiore, il monte Massico e la piana costiera fu occupato in età preromana dai sidicini, popolo italico di lingua osca. I sidicini erano organizzati in piccoli villaggi ed avevano come principale centro di riferimento la città di Teanum Sidicinum. Come ricordato da Virgilio nel libro VII dell’Eneide, il territorio sidicino era caratterizzato da fertili colline e attraversato da numerosi corsi d’acqua. Il rapporto dei sidicini con il loro territorio fu così condizionato dalla presenza delle acque (sorgenti, fiumi, ruscelli, canali, ecc) tanto da suscitare l’immagine di un “paesaggio d’acqua”. Lungo i corsi d’acqua, intorno alle sorgenti, si svilupparono i principali luoghi di culto dei Sidicini.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 11:00 et de 12:00 à 13:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Campania, Caserta, Alife

Museo Archeologico dell'Antica Allifae

piazza XIX Ottobre
81011 Alife (CE)

http://www.polomusealecampania.beniculturali.it/index.php/il-museo-alife

Nel Museo sono raccolte le testimonianze relative alle varie fasi di occupazione umana della zona, in particolare relative alla preistoria e all’epoca preromana, grazie ai rinvenimenti effettuati nel corso di recenti indagini. L’ampia sala espositiva contiene numerosi reperti distinti per contesti cronologici e/o territoriali, illustrati con pannelli esplicativi corredati di documentazione grafica e fotografica. In fondo alla sala è esposto anche parte di un affresco in IV stile proveniente da una domus romana situata lungo il decumanus maximus della città antica. In una sala sottostante sono stati collocati anche frammenti di pavimenti a mosaico con decorazioni geometriche bianco-nere databili tra il I secolo a.C. ed il I secolo d.C. asportati da altre domus della città antica.

Visita guidata

“Esperienze museali condivise: il racconto dell’antica Allifae”
La moderna città di Alife conserva gran parte dello schema urbanistico dell’Allifae romana: una cinta muraria rettangolare ad angoli stondati con le vie interne organizzate intorno a due assi principali. Le geometrie regolari della città si proiettavano sul territorio attraverso la suddivisione agraria della centuriazione. Ma come si configurava il territorio della media valle del Volturno prima della fondazione della colonia romana di Allifae nel I secolo a.C.? In che modo i sanniti guardavano al paesaggio che li circondava e come lo avevano strutturato? Dove erano le loro città? Il Museo Archeologico Nazionale dell’Antica Allifae, cerca di rispondere a questa e ad altre domande attraverso la documentazione archeologica rinvenuta in questa parte della Campania settentrionale interna, che è caratterizzata da imponenti massicci montuosi, come quello del Matese.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 11:00 et de 12:00 à 13:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Campania, Caserta, Santa Maria Capua Vetere

Museo Archeologico dell'Antica Capua e Mitreo

48, Via Roberto d'Angio'
81055 Santa Maria Capua Vetere (CE)

http://www.polomusealecampania.beniculturali.it/index.php/il-museo-e-mitreo

Il Museo nasce dall’esigenza di presentare i materiali messi in luce nel corso degli scavi nel territorio di Capua. Nelle sale sono esposti materiali dal X al I secolo a.C., dall’età del Bronzo, all’età del Ferro, all’età Orientalizzante e Arcaica cui si riferiscono oggetti di origine etrusca, greca, danubiana e prodotti locali. Segue poi l’affermarsi dei Sanniti con le peculiari tombe dipinte; infine gli oggetti provenienti dagli scavi ai santuari del territorio.
Il Mitreo è dedicato al culto di Mitra e costituisce uno dei maggiori esempi tra i rari santuari con decorazione pittorica. Sulla parete di fondo, sopra l’altare, è dipinto l’affresco con Mitra che uccide il toro, sulla lunetta Luna su una biga, sulle pareti laterali due dadophoroi e sulle facciate dei podi scene di iniziazione

Esposizione

Mitra a Capua Vetere. Tra Oriente e Occidente
Il Polo Museale della Campania promuove nel Museo Archeologico dell’antica Capua una mostra dedicata al culto di Mitra, divinità cosmica di origine orientale che a Capua si diffonde in maniera precoce. Attraverso un affascinante percorso espositivo con gli oggetti di culto, reperti, fonti, videoinstallazioni, pannelli, la mostra approfondirà i vari aspetti del culto, la sua penetrazione in Campania e nel mondo romano, e gli aspetti misterici che assume in occidente, diffondendosi soprattutto tra militari e schiavi. L’allestimento è strettamente legato al progetto di restauro del Mitreo (fine I sec. d.C.), che il Polo museale della Campania sta realizzando con l’Istituto Centrale del Restauro di Roma, il CNR, l’Università degli studi del Molise e l’Università degli Studi della Campania L. Vanvitelli.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 17:00 à 19:00 et de 17:00 à 19:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Campania, Napoli, Ercolano

Parco Archeologico di Ercolano

Corso Resina, 187
80056 Ercolano

ercolano.beniculturali.it

Il Parco Archeologico sorge ad Ercolano, una piccola città costiera della Campania, a metà strada sulla via litoranea che collega Napoli a Pompei ed alle città di Nocera, Stabia e Sorrento.

La città fu sommersa da un fiume di fango vulcanico - ceneri frammiste ad acqua - rapido ed ardente che, solidificandosi, determinò un fenomeno di conservazione assolutamente originale e privo di confronti a Pompei, restituendoci reperti organici (vegetali, stoffe, arredi e parti di edifici in legno) ma anche i piani superiori degli edifici e con essi un'idea precisa dei volumi e delle tecniche di costruzione, permettendo di ricostruire la storia della casa romana attraverso quasi tre secoli, dal II secolo a.C. fino all'eruzione del 79.

Dimostrazione

Close-up, cantieri aperti

13.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 14 giugno de 11:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Dimostrazione

Laboratori di oreficeria

13.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 16:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Visita guidata

Visita al Teatro Antico di Ercolano

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 10:00 à 12:00

Adulti

Campania, Napoli, Napoli

Museo Archeologico Nazionale di Napoli

19, Piazza Museo
80135 Napoli

https://www.museoarcheologiconapoli.it/it/

BLUB. L'arte sa nuotare

Antico e moderno si incrociano nei corridoi del MANN con la creazione di opere originali il cui elemento principale è l’acqua.
Blub, street artist italiano, trasporta il visitatore in una dimensione subacquea utilizzando colori sfocati e linee volutamente indefinite riproponendo alcuni capolavori della statuaria antica in chiave moderna.

Workshop

“BLUB. L'arte sa nuotare”
Antico e moderno si incrociano nei corridoi del MANN con la creazione di opere originali il cui elemento principale è l’acqua.
Blub, street artist italiano, trasporta il visitatore in una dimensione subacquea utilizzando colori sfocati e linee volutamente indefinite riproponendo alcuni capolavori della statuaria antica in chiave moderna.

15.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 19:30

Qualunque pubblico

Campania, Napoli, Napoli

Museo Archeologico Nazionale di Napoli

19, Piazza Museo
80135 Napoli

https://www.museoarcheologiconapoli.it/it/

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli ospita una delle raccolte di antichità più straordinarie del mondo; nelle sue sale hanno sede collezioni storiche che costituiscono, senza enfasi, uno dei nuclei portanti della storia della cultura italiana e occidentale: il gruppo delle gemme e delle sculture Farnese, eredità dei Borbone; i tesori di Ercolano e Pompei, un insieme senza paragoni di affreschi e mosaici, statue, oggetti preziosi e d’uso comune.

Conferenza

“Workshop di Fotografia”
Laboratorio fotografico a cura di Luigi Spina
Il workshop punta alla conoscenza del marmo antico attraverso la fotografia.
Il linguaggio fotografico diventa strumento di un nuovo processo creativo.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 12:30

Adulti

Campania, Napoli, Napoli

Museo Archeologico Nazionale di Napoli

19, Piazza Museo
80135 Napoli

https://www.museoarcheologiconapoli.it/it/

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli ospita una delle raccolte di antichità più straordinarie del mondo; nelle sue sale hanno sede collezioni storiche che costituiscono, senza enfasi, uno dei nuclei portanti della storia della cultura italiana e occidentale: il gruppo delle gemme e delle sculture Farnese, eredità dei Borbone; i tesori di Ercolano e Pompei, un insieme senza paragoni di affreschi e mosaici, statue, oggetti preziosi e d’uso comune.

Esposizione

Corto maltese. Un viaggio straordinario
Corto è nato dal ricordo della storia di un marinaio tratta da un film hollywoodiano degli anni ’30. Un giorno mi sono detto: “Trovare un eroe marinaro in mezzo al Pacifico è un inizio straordinario”.
E’ così che è nato Corto.
-Conversazione con Eddy Devolder
Tandem, 1990

15.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 19:30

Qualunque pubblico

Campania, Napoli, Napoli

Museo Archeologico Nazionale di Napoli

19, Piazza Museo
80135 Napoli

https://www.museoarcheologiconapoli.it/it/

“Sotto mentite spoglie”

Mostra di Luciano e Marco Pedicini
Canova, non Canova… scultura classica, rinascimentale, Quierolo, Ordonez o Sanmartino… L’occhio fotografico dei Pedicini ritaglia 29 particolari di scultura e li racchiude in una mostra che mette alla prova l’attenzione, oltre che la conoscenza. Nel progetto- nato in occasione e come approfondimento della mostra “Canova e l’antico” al Museo Archeologico di Napoli- frammenti di mani, panneggi, acconciature e intrecci di corpi provano a nascondere la propria identità e a sfuggire al tempo, costruendo un piccolo saggio sulla scultura

Esposizione

Sotto mentite spoglie
Canova, non Canova… scultura classica, rinascimentale, Quierolo, Ordonez o Sanmartino… L’occhio fotografico dei Pedicini ritaglia 29 particolari di scultura e li racchiude in una mostra che mette alla prova l’attenzione, oltre che la conoscenza. Nel progetto- nato in occasione e come approfondimento della mostra “Canova e l’antico” al Museo Archeologico di Napoli- frammenti di mani, panneggi, acconciature e intrecci di corpi provano a nascondere la propria identità e a sfuggire al tempo, costruendo un piccolo saggio sulla scultura.

15.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 19:30

Qualunque pubblico

Campania, Napoli, Napoli

Museo Archeologico Nazionale di Napoli

19, Piazza Museo
80135 Napoli

https://www.museoarcheologiconapoli.it/it/

Mostra “Desiderio d'Arte”

Mostra Desiderio d’arte presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Si presentano gli elaborati del concorso promosso dall’Ufficio Scolastico Regionale che ha inteso promuovere da parte dei giovani studenti delle scuole secondarie di II grado della Campania la realizzazione di un’opera d’arte che costituisca riproduzione e/o rielaborazione di un Bene Culturale del territorio di appartenenza, attraverso l’impiego di tutti i linguaggi espressivi delle arti visive, quali strumenti per comunicare ricordi ed emozioni, suggestioni, ispirazioni e sentimenti generate dai Beni Culturali del nostro territorio.

Esposizione

Desiderio d'Arte
Mostra Desiderio d’arte presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Si presentano gli elaborati del concorso promosso dall’Ufficio Scolastico Regionale che ha inteso promuovere da parte dei giovani studenti delle scuole secondarie di II grado della Campania la realizzazione di un’opera d’arte che costituisca riproduzione e/o rielaborazione di un Bene Culturale del territorio di appartenenza, attraverso l’impiego di tutti i linguaggi espressivi delle arti visive, quali strumenti per comunicare ricordi ed emozioni, suggestioni, ispirazioni e sentimenti generate dai Beni Culturali del nostro territorio.

15.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 14:00 à 19:30

Qualunque pubblico

Scuole :

Superiori

Campania, Napoli, Napoli

Museo Archeologico Nazionale di Napoli

19, Piazza Museo
80135 Napoli

https://www.museoarcheologiconapoli.it/it/

Alla maniera di Canova

Visita laboratorio per bambini a cura del Servizi Educativo del MANN
Il laboratorio in collaborazione con la Scuola Italiana di Comix, ripercorre il processo creativo del grande maestro Canova,dal disegno al bozzetto in creta al calco in gesso fino al capolavoro in marmo.

Workshop

“Alla maniera di Canova“
Visita laboratorio per bambini a cura del Servizi Educativo del MANN
Il laboratorio in collaborazione con la Scuola Italiana di Comix, ripercorre il processo creativo del grande maestro Canova,dal disegno al bozzetto in creta al calco in gesso fino al capolavoro in marmo.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 11:00 à 13:00

Bambini

Campania, Napoli, Nola

Museo Storico Archeologico di Nola

2, via Senatore Cocozza
80035 Nola (NA)

http://www.polomusealecampania.beniculturali.it/index.php/il-museo-nola

Il Museo propone la storia del territorio di Nola, a cominciare dalle eruzioni dell’età del Bronzo e dell’età tardo antica. Attraverso la ricostruzione di una delle capanne sepolte dall’eruzione del Bronzo Antico, si scopre come era distribuito lo spazio, quali erano gli arredi, quali suppellettili erano utilizzate. A quella protostorica segue una sezione dedicata alle origini della città, che abbraccia un arco cronologico tra VIII e VI secolo a.C., noto soprattutto attraverso le necropoli, che testimoniano l’influenza etrusca e greca sulla comunità nolana. Seguono le sale dedicate al periodo sannitico, seconda metà del V secolo a.C., la sezione dedicata al periodo romano fino alla caduta dell’impero e all’età medievale e le tele di età moderna.

Visita guidata

Ri-Scoperte: alla scoperta dei reperti conservati nei depositi del Museo storico archeologico di Nola
Visita guidata in italiano ed inglese alle collezioni del museo e in particolare alla tomba 266 della necropoli in loc. Torricelle, Nola.

Gratuito

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 11:00

Venerdì 14 giugno de 16:00 à 17:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Esposizione

Ri-Scoperte: alla scoperta dei reperti conservati nei depositi del Museo storico archeologico di Nola
Il Museo Storico Archeologico di Nola ha allestito nei suoi spazi due nuove vetrine per restituire al pubblico la visione di alcuni dei beni custoditi nei suoi depositi.
La tomba 266 della necropoli in località Torricelle restituisce il ricco corredo appartenente ad un individuo adulto di sesso maschile, che doveva occupare un ruolo eminente nella comunità nolana della seconda metà del VII secolo a.C.: accanto all’abbondante materiale vascolare, lungo il fianco ovest della tomba, è stata ritrovata una spada, oggetto di alto valore simbolico. Insieme ad essa sono state ritrovate due borchie, che dovevano essere elementi della cinta, forse indossata a bandoliera dal guerriero. L’altro elemento in metallo di questa tomba, a parte le fibule, di cui una in argento, è il calderone in bronzo, deposto, a differenza del corredo ceramico, lungo il lato ovest della tomba: esso è collegato al rito della cottura del pasto funebre.
La ricchezza del corredo, l’attenzione nella sua deposizione, secondo norme di un rituale che in alcune sfumature sfugge ancora alla totale comprensione di questo tipo di cerimonie, fanno pensare che questa sia stata la tomba di uno dei capi di quella ricca comunità nolana che è all’origine della futura e famosa città di Nola.

Gratuito

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 18:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Campania, Napoli, Boscoreale

Apre al pubblico il cantiere di restauro di Villa Regina

Via Settetermini, 15.
Loc. Villa Regina
800041 Boscoreale

http://pompeiisites.org/boscoreale/

In occasione delle Giornate dell’archeologia del 14 giugno 2019 sarà possibile visitare il cantiere di restauro di Villa Regina, presso l’Antiquarium di Boscoreale. Le visite al cantiere potranno essere svolte dalle ore 9:00 alle ore 12:00 e dalle 13:00 alle 16:30. I visitatori saranno accolti da un responsabile dell'Impresa ACF Restauri e da un funzionario del Parco Archeologico.

Porte aperte

Apre al pubblico il cantiere di restauro di Villa Regina
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 09:00 à 12:00 et de 13:00 à 16:30

Qualunque pubblico

Campania, Napoli, Sarno

Museo Archeologico Nazionale della Valle del Sarno

7, Via Cavour (Palazzo Capua)
84087 Sarno (SA)

http://www.polomusealecampania.beniculturali.it/index.php/il-museo-sarno

Il Museo Archeologico Nazionale della Valle del Sarno ha sede in un palazzo gentilizio edificato nel Settecento da una nobile famiglia locale. Un portale introduce a una corte centrale, con una triplice loggia di arcate, accessibile da ampie scalinate che conducono al primo e al secondo piano, ove le sale sono state decorate fra la fine del Settecento e gli inizi del Novecento con soggetti sacri, finte architetture e scene bucoliche.
Il Museo racconta la storia del territorio dal Neolitico al Medioevo attraverso una ricca selezione di reperti straordinari, recuperati nelle tombe, nelle strutture abitative e nelle aree sacre. Particolari e degne di pregio sono le tombe dipinte risalenti alla fine del IV-inizio III secolo a.C.

Esposizione

Il Museo si Racconta
In occasione delle Giornate dell’Archeologia al Museo archeologico nazionale della Valle del Sarno dal 14 giugno sarà visitabile la mostra “Il Museo si racconta”, un percorso per immagini e documenti sulla storia dell’Istituto, dalla sua istituzione nel 1975 all’inaugurazione nella sede attuale, con uno sguardo ad alcuni interventi di tutela, eseguiti dalla Soprintendenza territorialmente competente, che hanno consentito di recuperare i reperti esposti.

Gratuito

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 18:00 et de 09:00 à 18:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Campania, Salerno, Capaccio

Parco Archeologico di Paestum

via Magna Grecia, 919
84047 Paestum

www.paestum.museum

Il Parco Archeologico di Paestum, con il museo e l'area archeologica, testimonia la storia della città magno-greca di Poseidonia-Paestum e del suo territorio in epoca greca, lucana e romana. Nell'area archeologica è possibile ammirare tre templi dorici magnificamente conservati; mentre, nel museo, spiccano per importanza la celeberrima Tomba del Tuffatore, il corredo dell'Heroon, le numerose lastre dipinte e i pregiati vasi figurati di produzione pestana.

Dimostrazione

Paestum viva: suoni e musica dell'antichità
Venite a scoprire gli strumenti musicali, prototipi, ricostruzioni e reperti etnografici della Preistoria, dell’antichità Egizia, Greca, Etrusca e Romana – tra cui quelli raffigurati sui reperti esposti nel Museo di Paestum.

Viaggeremo insieme dalla preistoria (con pietre sonore, fischietti di semi, in canna, in osso, il flauto di osso d’aquila, trombe e sonagliere di conchiglie, sonagli, raschiatori, legni sonori, archi musicali) agli strumenti dell’antichità: i cymbala, i crotala, i tympana, i sistri, i flauti, gli auloi e la mitica cithara.
Un incontro per tutta la famiglia in cui bambini e ragazzi potranno sperimentare gli antichi strumenti sonori per scoprire le proprie attitudini mentre adulti ed anziani potranno verificare i poteri terapeutici degli antichi suoni.

Il laboratorio è a cura di Walter Maioli e Melissa Costanzi del Il Centro del Suono

Gratuito

Domenica 16 giugno de 11:00 à 12:00

Qualunque pubblico

Visita guidata

FamilyLabPaestum
Come trascorrevano le loro giornate gli abitanti dell’antica Poseidonia-Paestum?
La storia della città comincia con i templi o prima ancora della loro costruzione?
Quali miti, culti e leggende questo sito ha custodito sfidando i secoli?
Siete pronti a conoscere le risposte e magari, a porci tante altre domande?
Vi aspettiamo per partecipare al nostro FamilyLab!
Cosa vi aspetta? Un viaggio adatto a tutta la famiglia alla scoperta dell’antica storia della città di Paestum!
L’iniziativa dura 1 ora durante la quale le persone saranno guidate lungo un breve itinerario a tema a cui seguirà un laboratorio creativo: e sarà qui che adulti, bambini e ragazzi potranno liberare la propria creatività realizzando disegni o sculture. Ogni data avrà un tema diverso che accompagnerà la visita e il laboratorio: pian piano si potrà conoscere Paestum e la vita dei suoi abitanti nel corso dei secoli.

3.00 €

Domenica 16 giugno de 11:30 à 13:00 et de 16:30 à 18:00

Famiglie

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

Il Museo dietro le quinte
Il Parco Archeologico di Paestum mette in scena lo spettacolo dei reperti archeologici: ogni giorno sarà possibile visitare i depositi con l’iniziativa “Il Museo dietro le quinte”.
Ogni pomeriggio, il museo si arricchisce di un nuovo percorso di visita che, in forma stabile, entra a far parte dell’offerta culturale del Parco.

Con le visite ai depositi, il visitatore prenderà parte a un’esperienza davvero unica: il racconto di una tomba lucana e del suo corredo saranno l’occasione per comprendere cosa si nasconde dietro un “bel vaso” esposto in una vetrina del museo.

Un dietro le quinte fatto di persone, professionalità, scelte ed emozioni, viaggi in giro per il mondo, recuperi da parte delle forze dell’ordine e molto altro ancora. L’appuntamento è al museo, ogni pomeriggio!

1.00 €

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 17:00 à 18:00 et de 18:00 à 19:00

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 15:00 à 16:00 et de 16:00 à 17:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità mentale

Visita guidata

Un tuffo nel blu
Ogni terza domenica del mese, e su prenotazione negli altri giorni, sarà possibile partecipare alle visite didattiche “Un tuffo nel blu”, dedicate a famiglie e scuole con bambini e ragazzi speciali con disturbi dello spettro autistico, ma in generale rivolte a tutti.
Il percorso di visita partirà dai depositi del Museo, recentemente resi accessibili, e continuerà nelle sale espositive dove, ponendo l’attenzione su alcuni tra i reperti più belli e significativi dell’antica Poseidonia, si cercherà di ricostruire la storia e la cultura della città più importante della Magna Grecia.

1.00 €

Domenica 16 giugno de 10:00 à 11:00

Famiglie

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità mentale

Il percorso è dedicato ai bambini e ragazzi con disturbo dello spettro autistico

Campania, Salerno, Pontecagnano Faiano

Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano

Via Lucania
84036 Pontecagnano Faiano (Sa)

http://www.polomusealecampania.beniculturali.it/index.php/il-museo-pontecagnano

Il Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano espone le testimonianze archeologiche dell’insediamento sviluppatosi a partire dal IX secolo a.C. nell’area dell’attuale città di Pontecagnano. L’allestimento museale illustra le storie di una comunità, avamposto meridionale degli Etruschi, aperta a rapporti e scambi con tutto il Mediterraneo. Attraverso apparati didattici ispirati a criteri museografici moderni il percorso si snoda in senso cronologico, narrando la lunga storia del territorio picentino dalle più antiche testimonianze di età preistorica fino alla città romana di Picentia.

Esposizione

“Confluenze. Dialogo tra antico e contemporaneo”
Domenica 16 giugno, dalle ore 19,30 alle ore 22,30, si svolgerà l’evento “Confluenze. Dialogo tra antico e contemporaneo”, tema già ampiamente sviluppato negli anni scorsi al Museo con mostre ed acquisizioni di opere d’arte contemporanea. Giovani artisti saranno impegnati a realizzare con reperti archeologici non esposti un’installazione site-specific al Museo. L’opera resterà in mostra fino al 30 settembre 2019.
Partecipazione all’evento con biglietto d’ingresso al Museo: 2 €

2.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 19:30 à 22:30 et de 19:30 à 22:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Emilia-Romagna, Bologna, Monterenzio

Monte Bibele, Parco in Rete dell'Alta Valle Idice

Museo Civico Archeologico L. Fantini
Via del Museo, 2
40050 Monterenzio (BO)

Centro Servizi di Monte Bibele:
Via Torre Arabella
40050 Monterenzio (BO)

montebibele.eu

L'area di interesse archeologico-naturalistico di Monte Bibele custodisce le testimonianze della presenza di Etruschi e Celti nell'Appennino Bolognese, alleati contro i Romani per difendere un territorio strategico e ricco di risorse.
Il Museo Civico Archeologico “L. Fantini“ espone i reperti provenienti dai villaggi etrusco-celtici di Monte Bibele e di Monterenzio Vecchio; la ricchezza delle sue collezioni ne fa l'unico museo dei Celti in Italia!
L'area archeologico-naturalistica è parte integrante del Parco in Rete dell'Alta Valle Idice, un progetto di ricerca e tutela del paesaggio culturale gestito dall'associazione di promozione sociale Arc.A Monte Bibele, che organizza progetti, percorsi, laboratori e iniziative di importante valore culturale.

Visita guidata

“Icaro, esseri alati e dove trovarli“
Visita guidata tematica con archeologo alla scoperta di esseri mitologici e fantastici della cultura etrusca e celtica.

Sede: Museo Civico Archeologico “L. Fantini“, via del Museo 2, Monterenzio

Costo: € 10 (€ 7 per bambini 6-14 anni, soci Arc.A Monte Bibele e Card Musei Metropolitani Bologna)

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 10:30 à 12:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva

Workshop

Arteologia
Laboratorio arteologico per bambini di tutte le età; simulazione di scavo archeologico e sperimentazioni artistiche.

Sede: Museo Civico Archeologico “L. Fantini“, via del Museo 2, Monterenzio

Costo: € 4,50 a persona

4.50 €

Sabato 15 giugno de 15:30 à 16:45

Bambini, Famiglie

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Esposizione

I - Mostra collettiva d'arte contemporanea
Inagurazione di “I“, mostra collettiva nata dalla commistione tra archeologia e arte contemporanea ispirata al mito e alla figura di Icaro, che sfugge alle costrizioni del labirinto per raggiungere gli dei attraverso il volo, ma viene sconfitto dalla sua stessa superbia.

Sede: Museo Civico Archeologico “L. Fantini“, via del Museo 2, Monterenzio

Ingresso gratuito

La mostra sarà visitabile fino al 08/07/2019. Presentata da Arc.A Monte Bibele in collaborazione con gli artisti: Enza Amato, Nicola Amato, Valeria Calabrese, Lavinia Cultrera, Giuseppe De Gregorio, Nazareno De Santis, Daniele Di Girolamo, Luca Grossi, Samuele Mollo.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 16:45 à 18:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Spettacolo

Favolando per le Valli - Icaro
Spettacolo teatrale “Icaro“ a cura dell'associazione Cà Rossa.

Sede: Museo Civico Archeologico “L. Fantini“, via del Museo 2, Monterenzio

Ingresso libero

Gratuito

Sabato 15 giugno de 18:00 à 19:30

Bambini, Famiglie

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

Visita al parco delle Api e del Miele
Partecipa allo spettacolo delle api in una visita guidata multisensoriale!

Sede: Parco delle Api e del Miele, via Idice 299, Monterenzio

Ingresso libero

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:00 à 12:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Visita guidata

Archeoapi
Passeggiata con pic-nic a Monte Bibele in compagnia di un archeologo alla scoperta di Etruschi e Celti d'Appennino!
A seguire, laboratori di lavorazione della cera con la collaborazione dell'agriturismo Ca' Corradini.

Sede: Centro Servizi di Monte Bibele, via Torre Arabella, Monterenzio (Google Maps: Centro Servizi Monte Bibele)

Costo: € 22 (€ 17 bambini 6-14 anni, soci Arc.A Monte Bibele e possessori Card Musei Metropolitani Bologna)

22.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 12:30 à 17:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Emilia-Romagna, Bologna, Marzabotto

Museo Nazionale Etrusco "Pompeo Aria" e Area Archeologica di Kainua

Via Porrettana Sud 13,
52100 Marzabotto

www.polomusealeemiliaromagna.beniculturali.it

L’area archeologica consente di rivivere l’atmosfera di un’antica città fatta di case, strade, templi, officine. Sui resti di un abitato del VI sec. a.C. gli Etruschi fondarono intorno al 500 a.C. Kainua, “la (città) nuova”, con un rituale religioso di cui restano diverse tracce archeologiche.

Kainua prosperò grazie alla posizione strategica lungo il fiume Reno, importante via commerciale tra la Toscana e la pianura Padana. Fu abbandonata alla metà del IV sec. a.C. in seguito alla calata dei Celti in Italia.
L’impianto urbano è orientato secondo i punti cardinali. Il settore nord-orientale ospitava i santuari di Tinia e Uni, le principali divinità etrusche. Importanti edifici sacri erano anche sull’acropoli. Fuori città sorgevano le necropoli, di cui restano numerose sepolture.

Conferenza

In cantiere! Visita agli scavi del santuario urbano
Prof.ssa Elisabetta Govi, prof. Andrea Gaucci - Università di Bologna
Si rinnova l’appuntamento con l’archeologia dal vivo! L’Università apre le porte del proprio cantiere per illustrare le tecniche dello scavo archeologico,
tra consolidate certezze e nuove tecnologie. La visita sarà preceduta da una presentazione in occasione della quale saranno presentate le recenti scoperte nel santuario urbano, tra cui una rara sepoltura di bambino.

2.99 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 14 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Dimostrazione

Dal tornio al museo: laboratori di ceramica antica per adulti e bambini
Dott.ssa Carlotta Trevisanello, Dott.ssa Anna Serra - Università di Bologna
Cavare l’argilla, farla decantare, tornire, cuocere, decorare: quanto lavoro per produrre un piccolo oggetto in terracotta! Sai distinguere un vaso per bere da uno per cucinare? Sei in grado di riconoscerne la forma a partire da un frammento? Gli archeologi ci guidano alla scoperta della ceramica antica di Kainua.
I partecipanti potranno toccare con mano cocci e coccetti che tanto appassionano gli studiosi!

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Spettacolo

Marzabotto 1889: alle origini dell’archeologia di Kainua
Ing. G. Mantovani – Gruppo Archeologico Bolognese
L’epopea degli scavi ottocenteschi promossi dai Conti Aria e diretti da celebri accademici quali Giovanni Gozzadini ed Edoardo Brizio rivive in una gustosa pièce teatrale presentata dalla compagnia “Cantine Teatrali Babele”. Lo spettacolo sarà proiettato nell’aula “Sergio Sani”, seguirà un tour dell’area archeologica alla scoperta degli interventi ottocenteschi.

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Emilia-Romagna, Bologna, Bologna

Palazzo Dall’Armi Marescalchi; Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara

via IV novembre n.5
40121 Bologna

http://www.archeobologna.beniculturali.it/mostre/bo_jna_2019.htm

Palazzo dall’Armi Marescalchi nasce nel XV secolo per volontà della famiglia Dall’Armi, e diviene in seguito proprietà dei Marescalchi.
Nel piano nobile si conservano affreschi di Guido Reni e della scuola dei Carracci, mentre la raffinata decorazione della sala ovale è del pittore neoclassico Felice Giani (1758-1823), e raffigura episodi del primo libro dell'Eneide.
Risale a fine ‘800 - inizi ‘900 la decorazione della volta della stanza “verde” che reca agli angoli le raffigurazioni dei quattro continenti e le novità tecnologiche dell’epoca, come linee elettriche e locomotive.
L’edificio è sede della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara.

Conferenza

Sotto-sopra - Ricerca archeologica e narrazione del passato
Che cos’hanno in comune un abitato d’età protostorica a grande profondità e una necropoli ebraica in centro storico? Nell’incontro promosso dalla Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Bologna, Modena, Reggio Emilia e Ferrara si farà un viaggio trasversale tra i molteplici aspetti dell’attività di tutela archeologica, dagli scavi alla valorizzazione, dalla conservazione alla produzione pubblicistica ed espositiva, dalle nuove metodologie d'indagine alle problematiche del restauro.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 15:30 à 18:30

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Per l'accesso di persone con disabilità suonare il campanello per l'apertura completa del cancello

Emilia-Romagna, Bologna, Bologna

Palazzo Ancarano; Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara

via Belle Arti n. 52
40126 Bologna

http://www.archeobologna.beniculturali.it/mostre/bo_2019_jna_cacciaaicocci.htm

Sede dal 1925 della Soprintendenza per le Antichità (oggi Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara), Palazzo Ancarano ospita nel cortile interno numerosi frammenti architettonici e una trentina di stele funerarie, risalenti nella quasi totalità all’epoca romana, rinvenuti nel corso di scavi effettuati su tutto il territorio comunale di Bologna a partire dagli anni trenta del '900.

Workshop

Caccia al coccio, dal puzzle al restauro
La Soprintendenza ABAP di Bologna propone una divertente attività ludico didattica per bambini dai 6 agli 11 anni che si cimenteranno in una caccia al tesoro tra i reperti esposti nel cortile e lungo le scale di Palazzo Ancarano, per poi trasformarsi in piccoli restauratori, alle prese con la ricerca, la pulitura e la ricomposizione dei frammenti all’interno del Laboratorio di Restauro della Soprintendenza.

Prenotazione obbligatoria scrivendo a siriana.zucchini@beniculturali.it

max 20 bambini suddivisi in due turni da 10 ciascuno:
primo turno 9.30 - 11.00
secondo turno 11.00 - 12.30 (al momento della prenotazione indicare il turno prescelto).

Gratuito

Sabato 15 giugno de 09:30 à 11:00 et de 11:00 à 12:30 (due turni da 10 bambini)

Bambini

Emilia-Romagna, Ferrara, Ferrara

Museo Archeologico Nazionale di Ferrara

Via XX Settembre 122
44100 Ferrara

www.archeoferrara.beniculturali.it

Il Museo è di eccezionale rilevanza sia per quanto riguarda il contenitore (un palazzo rinascimentale ritenuto il capolavoro di Biagio Rossetti) che per il contenuto, gli straordinari reperti che costituivano i quasi 4000 corredi funerari della necropoli etrusca di Spina. Il Palazzo è completato da un grande giardino neorinascimentale,caratterizzato al centro da un labirinto di tipologia classica. Al piano terra sono visitabili la sala con l’affresco del Garofalo,le sale dedicate alle grandi imbarcazioni monossili, all’abitato di Spina, ai votivi e alle testimonianze epigrafiche della città. Il piano nobile propone nel suo sviluppo di 23 sale,culminanti nello splendido Salone delle Carte Geografiche, una scelta di corredi funerari caratterizzati da vasi attici di straordinaria qualità.

Conferenza

Alla ricerca del giardino perduto. Risultati delle indagini archeologiche e paleobotaniche nel giardino del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara
Introduzione Paola Desantis
Ricerche archeologiche Maurizio Molinari
Ricerche paleobotaniche Marco Marchesini e Silvia Marvelli
Visita al giardino e al nuovo percorso botanico a cura deli allievi del Liceo Scientifico A. Roiti

6.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 14 giugno de 16:30 à 17:30

Qualunque pubblico

Scuole :

Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

Elogio dei deposoto. La Spina che non si vede
Visita ai depositi di materiale archeologico nel sottotetto del Museo e nei laboratori di restauro
a cura del Direttore del Museo Paola Desantis

6.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 10:00 à 11:30

Qualunque pubblico

Scuole :

Medie, Superiori

Dimostrazione

Laboratorio didattico e visita guidata per bambini e famiglie
a cura di “Le macchine celibi”. I bambini realizzeranno una coppa per bere (kylix) a figure nere o rosse con scene mitologiche tramite la tecnica del cartonnage, prendendo ispirazione dalle ceramiche attiche conservate in Museo.

6.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 15:30 à 17:30

Bambini, Famiglie, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Emilia-Romagna, Forlì-Cesena, Sarsina

Museo Archeologico Nazionale di Sarsina

Via Cesio Sabino, 39
47027 Sarsina

http://www.polomusealeemiliaromagna.benicultruali.it

Il museo espone reperti provenienti dal territorio del comune di Sarsina e dall’intera valle del fiume Savio databili dalla preistoria alla tarda antichità. Il periodo meglio rappresentato è quello della città romana di Sassina, patria del commediografo latino Plauto, con reperti dal I sec. a.C. al II-III sec. d.C.: il visitatore è in particolare guidato alla scoperta della necropoli di Pian di Bezzo, i cui monumenti funerari erano in antico disposti ai lati della via principale. Oggi diversi di essi sono stati ricomposti integralmente: spicca, per imponenza e completezza, il mausoleo ad edicola cuspidata di Rufus, alto 13,5 metri e risalente alla fine del I sec. a.C. Il museo ospita inoltre diverse pavimentazioni a mosaico, tra cui si ricorda il cosiddetto Trionfo di Dioniso.

Visita guidata

“Il racconto di un archeologo“
Visita guidata gratuita conversando con l’archeologo Marco Casacci (operatore del Museo), a seguire piccolo aperitivo a cura dell’Ass.ne Pro Loco Sarsina.

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 17:00 à 18:30

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

Visita guidata dedicata agli insegnanti della scuola materna, primaria e secondaria di primo grado
Mattinata dedicata a tutti gli insegnanti alla scoperta di un museo ricco di stimoli, sperimentando metodi di divulgazione accattivanti e divertenti, oltre a nuove proposte didattiche (a cura per la Direzione del Museo della dott.ssa F. Timossi e dell’Ass.ne Pro Loco di Sarsina).
Nell’occasione il Museo sarà aperto dalle ore 9,30 sino alle 19,00.
È necessaria la prenotazione al n. 0547 94641.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 09:30 à 10:30

Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie

Mattinata dedicata a tutti gli insegnanti alla scoperta di un museo ricco di stimoli, sperimentando metodi di divulgazione accattivanti e divertenti, oltre a nuove proposte didattiche (a cura per la Direzione del Museo della dott.ssa F. Timossi e dell’Ass.ne Pro Loco di Sarsina).
Nell’occasione il Museo sarà aperto dalle ore 9,30 sino alle 19,00.

Visita guidata

Visita guidata dedicata agli insegnanti della scuola secondaria di secondo grado
Mattinata dedicata a tutti gli insegnanti alla scoperta di un museo ricco di stimoli, sperimentando metodi di divulgazione accattivanti e divertenti, oltre a nuove proposte didattiche (a cura per la Direzione del Museo della dott.ssa F. Timossi e dell’Ass.ne Pro Loco di Sarsina).
Nell’occasione il Museo sarà aperto dalle ore 9,30 sino alle 19,00.
È necessaria la prenotazione al n. 0547 94641.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 11:00 à 12:30

Scuole

Scuole :

Superiori

Mattinata dedicata a tutti gli insegnanti alla scoperta di un museo ricco di stimoli, sperimentando metodi di divulgazione accattivanti e divertenti, oltre a nuove proposte didattiche (a cura per la Direzione del Museo della dott.ssa F. Timossi e dell’Ass.ne Pro Loco di Sarsina).
Nell’occasione il Museo sarà aperto dalle ore 9,30 sino alle 19,00.
È necessaria la prenotazione al n. 0547 94641.

Visita guidata

Museo in famiglia
Un pomeriggio dedicato alla scoperta della storia in modo divertente!
Visita guidata, piccola merenda e laboratorio didattico gratuito per tutti i bambini (a cura dell’Ass.ne Pro Loco in collaborazione con Ass.ne DINAMICA)

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 15:30 à 18:00

Bambini

Emilia-Romagna, Forlì-Cesena, Borghi

Museo e Biblioteca Renzi

Via G. Matteotti, n. 27
Località San Giovanni in Galilea
47030 Borghi

http://www.museorenzi.it/it

Il Museo e Biblioteca Renzi è un museo archeologico del territorio inserito nell’antico borgo medievale di San Giovanni in Galilea, in provincia di Forlì-Cesena. Si tratta di uno dei più antichi musei italiani, fu fondato nel 1885 da don Francesco Renzi, da cui prende il nome e si trova nell’ex Palazzo comunale che fa parte del complesso architettonico fortificato appartenuto alla Signoria dei Malatesta tra il XIII e il XVII secolo.
Le collezioni esposte sono articolate in diverse sezioni: naturalistica, pre-protostorica, romana, delle maioliche, della pieve, medievale e l’antiquarium. Tutti gli oggetti esposti provengono dal territorio limitrofo.
“adArte S.r.l.” di Rimini, che gestisce il Museo, cura le proposte per vari tipi di utenza con lo scopo di promozione e valorizzazione.

Workshop

Storie a spasso nel tempo
Dalle ore 15.00 lettura del libro per bambini “Sotto il sole di Ercolano“, Ante Quem Edizioni, a cura dell’educatrice del Museo, nella suggestiva biblioteca appena riallestita.

Punto di ritrovo: ore 15.00 all’ingresso del Museo Renzi
Evento gratuito.
E’ fortemente consigliata la prenotazione.
Età: 4 – 9 anni

Gratuito

Domenica 16 giugno de 15 à 16

Bambini, Famiglie

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità mentale

Workshop

Archeologo per un giorno
I nostri piccoli visitatori potranno trasformarsi in archeologi provetti direttamente nell‘area archeologica della Pieve di San Giovanni in Galilea, un magico luogo all’aperto tra storia e natura!

Punto di ritrovo: ore 15.45 all’ingresso del Museo Renzi

Costo: 4,00 € a bambino, gratuito il genitore.

E’ fortemente consigliata la prenotazione per poter organizzare al meglio l’attività di scavo archeologico.

Età: 4 – 9 anni

4.00 €

Domenica 16 giugno de 15:45 à 17

Bambini, Famiglie

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari

Emilia-Romagna, Forlì-Cesena, Forlì

Fumettoteca Alessandro Callegati "Calle"

51, Via E. Curiel
47121 Forlì

https://www.fanzineitaliane.it/fumettoteca/

Nel 2019 è nata la prima Fumettoteca regionale, biblioteca dei fumetti, intitolata ad Alessandro Callegati “Calle”, un punto di riferimento per gli appassionati del territorio dell'Emilia Romagna, una realtà attiva e propositiva che incentiva la didattica con Corsi, Laboratori e Workshop fumettistici, collabora con assistenze esterne a tesi di laurea, promuove iniziative legate al mondo del fumetto. Attualmente in sede sono conservati oltre 12.000 documenti, consultabili da prendere in prestito. Tutto frutto di donazioni, come la cospicua collezione di Alessandro Callegati, offerta dalla Famiglia. “Calle” è stato un pioniere, appassionato di fumetti, che negli anni Ottanta raccoglieva intorno a sé molti giovani disegnatori, alcuni dei quali in seguito sono diventati stimati professionisti.

Esposizione

Archeologia fumettistica
Nelle Giornate dell'Archeologia 2019, la Fumettoteca propone un'esposizione consultabile per sensibilizzare e avvicinare il pubblico all’archeologia. Gli autori di fumetti si sono spesso ispirati all’archeologia e ai misteri che da sempre ammantano i siti archeologici. “Archeologia fumettistica“ è un breve, ma interessante, viaggio attraverso alcune strabilianti storie. Da Zio Paperone a Martin Mystère passando per Diabolik il fumetto si è sempre misurato con i temi più noti dell’archeologia.

Gratuito

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 14:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Emilia-Romagna, Modena, Modena

Galleria Estense

Largo Porta Sant'Agostino, 337
41121 Modena

www.gallerie-estensi.beniculturali.it

Lo Specchio di Celestino. Archeologia etrusca a Modena nella prima metà dell’Ottocento.
La Galleria Estense di Modena ospita una mostra che documenta la presenza etrusca nel territorio modenese.
L’esposizione si concentra sul piccolo sepolcreto etrusco ritrovato nel 1841 nei campi di Galassina di Castelvetro (MO), databile, in base ai materiali finora conosciuti, tra la fine del VI e il V secolo a.C.
Qui, i proprietari di un fondo, in occasione di lavori agricoli, rinvennero i resti di quattro tombe etrusche a incinerazione, il cui ricco corredo, tra i più pregevoli di età etrusca nel territorio modenese, venne acquistato da Francesco IV Asburgo-Este, duca di Modena, affinché arricchisse la sua collezione di antichità e il Museo Estense.

Esposizione

Lo specchio di Celestino. Archeologia etrusca a Modena nella prima metà dell'Ottocento
Il percorso espositivo presenta i pezzi più importanti del corredo funebre, riferibile a una defunta, della Tomba I della Galassina, ovvero della sepoltura più ricca, e anche più nota, esposti al Museo Civico Archeologico di Modena fino a fine maggio 2018, e ora ritornati nella collezione estense, unitamente a opere archeologiche provenienti dal medesimo contesto sepolcrale, sino a oggi inedite.
Dell’intero corredo della Tomba I, gli oggetti più conosciuti e studiati sono lo specchio e la cista a cordoni (recipiente a forma cilindrica), oltre al bacile.
Il resto degli oggetti venne comunemente ritenuto disperso, fino a quando, un attento riscontro inventariale e un esame dei depositi della Galleria Estense di Modena hanno permesso di riconoscere con buona certezza altri reperti provenienti dalla Tomba I, come il manico di strigile (strumento per detergere il corpo dopo il bagno), uno dei tre vaghi di collana (elemento, vuoto all’interno, formato da due semisfere saldate) a forma di testina in pasta vitrea e due frammenti pertinenti al balsamario in pasta vitrea.
Tale riscontro ha permesso di ricostruire l’unitarietà del corredo acquistato da Francesco IV, e ha fornito la possibilità di un suo studio finalmente completo.
Una serie di pannelli didattici consentirà al visitatore di approfondire il contesto di rinvenimento dello specchio della Galassina, nei diversi aspetti culturali, artistici e collezionistici a esso legati.

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 10:00 à 18:00

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 08:30 à 19:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico, Scuole

Scuole :

Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità uditiva

Emilia-Romagna, Parma, Fidenza

Fidenza: le case lignee altomedievali

Via Bacchini
43036 Fidenza

http://www.cattedralefidenza.it/it/Ammira/33/Case-lignee/

Apertura strardinaria delle case altomedievali di via Bacchini: percorso guidato alla scoperta di Fidenza romana e altomedievale a cura del funzionario archeologo della Soprintendenza, dott. Roberta Conversi

Porte aperte

Apertura straordinaria delle case lignee di via Bacchini
Percorso guidato dal Ponte romano alle case altomedievali di via Bacchini aperte straordinariamente in occasione delle giornate dell'archeologia
Période(s) archéologique(s) :

Antichità, Medio Evo

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 15:30 à 17:00 et de 17:30 à 19:30 (Ritrovo presso lo IAT di Piazza del Duomo alle ore 15,30 e alle ore 17,30)

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Emilia-Romagna, Piacenza, Travo

Parco Archeologico Villaggio Neolitico S.Andrea,Travo

Strada al Mulino
29020 Travo

www.archeotravo.com

Il Parco Archeologico “Villaggio Neolitico” di Travo nasce nel 2006 per la tutela e la valorizzazione del sito archeologico di S.Andrea, che presenta una fitta rete di strutture riconducibili ad un abitato di epoca neolitica, conservate al livello della fondazione ed a vista. I resti hanno permesso la ricostruzione in scala reale di alcuni degli edifici messi in luce durante le campagne di scavo iniziate negli anni ‘80 ed ancora in corso. Le capanne sono allestiti con copie di manufatti ritrovati in sito e frutto di attività di archeologia ricostruttiva e sperimentale in ambito tecnologico. Nei mesi di apertura vengono svolti percorsi di visita, attività per le scuole ed eventi per il pubblico inerenti l’Archeologia, la Storia, il Mito, spettacoli di Living History, Museum Theatre e cinema

Workshop

Playstorica 2019
L’orologio si sposta indietro di millenni per rivivere attraverso delle attività di edutainment, la Preistoria. Piccoli e grandi saranno coinvolti in giochi di gruppo, individuali e su App (progetto Gamification), in gare di tiro con l’arco preistorico, in laboratori manuali e di travestimento storico. Truccabimbi e punto ristoro. Per il programma completo consulta il sito www.archeotravo.com Ingresso 10 euro dai 5 anni.

10.00 €

Domenica 16 giugno de 10:00 à 18:00

Bambini, Famiglie, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva

Percorsi asfaltati e pannellistica in braille

Emilia-Romagna, Piacenza, Lugagnano Val d'Arda

Area Archeologica e Antiquarium di Veleia

Strada Provinciale 14,
29018 Lugagnano Val D’Arda

www.polomusealeemiliaromagna.beniculturali.it

ll municipium di Veleia fu fondato nel II sec. a.C. dai Romani su un preesistente centro indigeno, nel territorio della tribù ligure dei Veleates da cui prende nome.
Nel 1760 Filippo I di Borbone Duca di Parma avviò gli scavi a seguito del rinvenimento casuale della Tabula Alimentaria, grande iscrizione in bronzo recante un provvedimento di sussidio alle fasce indigenti voluto dall’imperatore Traiano.
La piazza del foro costituisce il fulcro dell’area archeologica. È circondata su tre lati da un portico e chiusa sul quarto dalla basilica.
A monte del foro sorgevano i quartieri di abitazione, un edificio termale e un grande invaso idrico erroneamente ricostruito in forma di anfiteatro.
L’antiquarium accoglie reperti che illustrano i momenti più significativi della storia di Veleia.

Conferenza

Anfiteatro o cisterna? Ricerche oltre il visibile
Prof.ssa Rita Deiana, dott. Eugenio Tamburrino – Università di Padova

Non tutto è come appare: andare oltre il visibile per comprendere la controversa funzione di questo singolare monumento veleiate. Gli studiosi dell’Università di Padova ne ripercorrono la storia e presentano i risultati delle prospezioni geofisiche.
Al termine della presentazione i relatori accompagneranno i partecipanti in un tour del cosidetto anfiteatro.

2.00 €

Venerdì 14 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Conferenza

Veleia racconta: tra conservazione della memoria storica e valorizzazione partecipata
Dott. Simone Carini, dott. Eugenio Tamburrino – Associazione CulturUP!
Qual è il valore di un sito archeologico e quali significati può assumere? L’associazione culturale CulturUP! presenta il progetto Veleia Racconta, una ricerca etnografica e partecipata che intende far scoprire Veleia al di là dell’archeologia, quale realtà viva, presente nella memoria e nel vissuto della gente del luogo. Il pubblico diventa finalmente protagonista!

2.00 €

Sabato 15 giugno de 16:00 à 17:00

Qualunque pubblico

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie, Superiori

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Dimostrazione

Dieta sana o grandi abbuffate? Cibi e ricette nell’impero romano
Dott.ssa Cristina Mezzadri – Associazione Culturale Augusta Veleiatium
Quali erano i piatti più amati dagli antichi romani? Cos’è il garum? L’Associazione Culturale Augusta Veleiatium guida alla scoperta dei piaceri della tavola nel mondo romano. I partecipanti potranno osservare, manipolare e odorare gli ingredienti più diffusi nella cucina dell’epoca.
Al termine della presentazione grandi e piccini potranno cimentarsi nella preparazione del moretum, una ricetta antica, semplice e sana.

2.00 €

Domenica 16 giugno de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Emilia-Romagna, Ravenna, Russi

Villa di Russi

Via Fiumazzo
49026 Russi

http://www.polomusealeemiliaromagna.beniculturali.it

La Villa romana di Russi è una delle ville rustiche meglio conservate dell'Italia settentrionale, aveva un’estensione complessiva di almeno 8000 metri quadrati, comprendenti un impianto termale e alcune parti oggi ancora da scavare.
Fino al I sec. a.C. tali ville rustiche erano modeste case di campagna di dimensioni ridotte. Si producevano cereali, vino e frutta e si allevavano pochi animali da cortile. In epoca augustea, con la costruzione del porto di Classe e il conseguente ampliamento del centro urbano di Ravenna, da cui la Villa dista circa 20 km, questa si ampliò notevolmente e divenne il centro di un vasto podere, i cui prodotti erano destinati agli uomini della flotta militare romana di stanza proprio nel porto di Classe.

Visita guidata

Visita a cura della Pro Loco di Russi
Accompagnamento alla visita della Villa romana a cura dell’Ass.ne Pro Loco di Russi

2.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 16:00 à 16:45 et de 17:00 à 17:45

Qualunque pubblico

Visita guidata

Visite guidate e Caccia al tesoro dei mosaici
Accompagnamento alla visita della Villa romana e, per i più piccoli dalle 15:00 alle 17:00, il laboratorio “Caccia al tesoro dei mosaici” a cura dell’Ass.ne Pro Loco di Russi

3.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 10:30 à 11:30 et de 15:00 à 15:45

Domenica 16 giugno de 16:00 à 16:45 et de 17:00 à 17:45

Bambini

Emilia-Romagna, Ravenna, Ravenna

Museo Nazionale di Ravenna

via San Vitale, 17
48121 Ravenna

http://www.polomusealeemiliaromagna.beniculturali.it/musei/museo-nazionale-di-ravenna

Situato nel complesso monumentale di San Vitale, il Museo Nazionale di Ravenna raccoglie importanti reperti archeologici, tra cui stele sepolcrali ed epigrafi romane, e collezioni di arti minori. Il nucleo primitivo del patrimonio museale fu costituito nel Settecento dalla paziente ricerca e cura dagli eruditi monaci delle grandi abbazie cittadine. All'interno del museo si trova anche l’importante ciclo di affreschi del Trecento, capolavoro di Pietro da Rimini, staccato dall’antica chiesa di Santa Chiara in Ravenna.

Conferenza

La belle morte: i sarcofagi tardoantichi e medievali di Ravenna
Paola Novara affronterà la storia delle sepolture in sarcofago attraverso i numerosissimi reperti conservati a Ravenna.

Gratuito

Giovedi 13 giunio de 17:00 à 18:30

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Friul-Venezia Giulia, Udine, Aquileia

Museo Archeologico Nazionale di Aquileia

Via Roma, 1
33051 Aquileia

www.museoarcheologicoaquileia.beniculturali.it

In occasione delle Giornate dell'Archeologia 2019, il Museo Archeologico Nazionale propone un calendario di attività dedicate a tutti gli appassionati di archeologia.

Si comincia sabato 15 giugno con l'iniziativa #iovadoalmuseo, che prevede l'ingresso gratuito agli spazi espositivi della collezione permanente.
Nella stessa giornata è in programma un evento collettivo, un flashmob nel giardino storico del museo per commemorare i 2200 anni dalla fondazione della città romana.

Domenica 16 giugno invece sono in corso di programmazione attività educative e percorsi tematici che affronteranno diversi aspetti dell'affascinante mestiere dell'archeologo.

A presto un aggiornamento con ulteriori dettagli.

Visita guidata

Parole di pietra. La “familia“ nell'Aquileia romana
Percorso tematico alla scoperta della “familia“ nell'Aquileia romana, a cura dell'archeologa Francesca Benvegnù.
L'iniziativa è compresa nel costo del biglietto d'ingresso al museo.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 16:00 à 17:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Porte aperte

#iovadoalmuseo
Sabato 15 Giugno ritorna l'iniziativa Mibac #iovadoalmuseo.
L'ingresso sarà gratuito per tutti gli appassionati di archeologia e coloro che vorranno riscoprire le vestigia dell'antica città di Aquileia attraverso i meravigliosi reperti archeologici custoditi nel suo storico museo.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 19:00 (Chiusura biglietteria alle ore 18.00)

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità mentale

Dal 30 maggio è attivo un percorso tattile e di audiodescrizione fruibile da persone non vedenti e ipovedenti.
Su richiesta è inoltre possibile realizzare percorsi speciali per persone con disabilità sensitive e cognitive scrivendo a museoarcheoaquileia@beniculturali.it

Friul-Venezia Giulia, Udine, Cividale del Friuli

Museo Archeologico Nazionale di Cividale del Friuli

13, Piazza del Duomo
33043 Cividale del Friuli

http://www.museoarcheologicocividale.beniculturali.it/

Appuntamento speciale con l'archeologia al MAN di Cividale.
Un programma ricco di iniziative che parte venerdì 14 giugno con una conferenza del Direttore Angela Borzacconi che ci condurrà in un viaggio attraverso la storia affascinante delle scoperte archeologiche passate fino alle attuali conquiste tecnologiche e scientifiche
Sabato 15 giugno il pomeriggio sarà animato da “Piccoli archeologi crescono“, a cura di Archeoscuola, laboratorio per archeologi in erba e famiglie.
Sabato sera un’apertura serale straordinaria, permetterà di visitare l'area archeologica nei sotterranei del museo.
E per finire domenica 16 giugno alle ore 16.30, “Rivediamoci tra 2000 anni...Il nostro tempo visto dagli archeologi del futuro“, conferenza-laboratorio di Marina Rubinich dell'Università di Udine.

Conferenza

Le grandi imprese dell'archeologia. Tecniche, metodi, scoperte, storia dell'archeologia
Conferenza a cura di Angela Borzacconi Direttore del MAN Cividale. Un viaggio attraverso la storia affascinante delle scoperte archeologiche del passato fino alle attuali conquiste tecnologiche e scientifiche. L'ingresso alla conferenza è gratuito e non necessita di prenotazione.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 18:00 à 19:15

Qualunque pubblico

Workshop

Piccoli archeologi crescono
Laboratorio per archeologi in erba e famiglie a cura di Archeoscuola. Prenotazione obbligatoria al numero del MAN Cividale 0432 700700; il costo è compreso nel biglietto di ingresso (intero € 4; ridotto € 2; gratis per i minori di 18 anni).

4.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 16:30 à 18:00

Bambini, Famiglie

Visita guidata

Il palazzo dei Patriarchi
Apertura straordinaria serale del museo, con visita guidata d'eccezione con il Direttore all'area archeologica nei sotterranei del museo a partire dalle ore 20.30.
Prenotazione obbligatoria al numero del MAN Cividale 0432 700700; il costo è compreso nel biglietto di ingresso (intero € 4; ridotto € 2; gratis per i minori di 18 anni).

4.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 20:00 à 23:00 (chiusura biglietteria ore 22.30)

Qualunque pubblico

Conferenza

Rivediamoci tra 2000 anni...Il nostro tempo visto dagli archeologi del futuro
Conferenza-laboratorio a cura della dott.ssa Marina Rubinich dell'Università di Udine in collaborazione con l'Associazione CulturArti nell'ambito del 1° Festival Alpe-Adria dell'Archeologia Pubblica. Uno stimolo interessante e anche divertente per riflettere sui metodi di lavoro dell'archeologia, sulle difficoltà interpretative che l'archeologo deve affrontare senza mai perdere di vista rigore di metodo e di pensiero (per la conferenza l'ingresso è gratuito).

Gratuito

Domenica 16 giugno de 16:30 à 18:00

Qualunque pubblico

Lazio, Frosinone, Frosinone

Archeologia pubblica a Frosinone. Itinerari a porte aperte lungo la via Latina

Via Marco Tullio Cicerone, 31
03100 Frosinone

La Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, il Comune e il Museo archeologico di Frosinone organizzano un’iniziativa volta a promuovere la funzione ‘pubblica’ dell’archeologia, con lo scopo di valorizzare la partecipazione delle comunità locali al patrimonio culturale.
Alla presentazione della giornata, prevista sabato 15 giugno alle ore 9.30 presso la Sala conferenze della Villa Comunale, seguirà l’apertura al pubblico dell’area archeologica di Ponte del Rio, dove le indagini di archeologia preventiva ancora in corso hanno consentito di riportare in luce i resti di un monumento funerario di epoca romana posto lungo l’antica via Latina.
L’itinerario di visita toccherà anche altri suggestivi luoghi della cultura: la villa Comunale, l'anfiteatro romano e il Museo Archeologico.

Conferenza

Presentazione dell'iniziativa Archeologia pubblica a Frosinone
La presentazione dell'iniziativa ha lo scopo di rendere partecipe il pubblico delle nuove scoperte archeologiche nel Frusinate.

Interverranno
Nicola Ottaviani – sindaco di Frosinone
Valentina Sementilli - Assessore alla Cultura
Rossella Testa - Assessore al Centro storico


Maria Teresa Onorati – direttrice Museo archeologico di Frosinone

Daniela Quadrino – funzionario archeologo Soprintendenza ABAP – FR-LT-RI

Gratuito

Sabato 15 giugno de 09:30 à 10:30

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Porte aperte

Porte aperte al cantiere di scavo e visita all’area archeologica di Ponte del Rio
Sarà possibile visitare i nuovissimi rinvenimenti emersi dalla campagna di scavo della Rotatoria via Casilina – via Monti Lepini.
Visite guidate a cura di Davide Pagliarosi
Période(s) archéologique(s) :

Antichità, Era moderna, Era contemporanea

Aménageur :

Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti

Gratuito

Sabato 15 giugno de 11:00 à 13:00 et de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

Museo Archeologico di Frosinone
Visite guidate a cura di Natascia Zangrilli

Via XX Settembre 32

Gratuito

Sabato 15 giugno de 11:00 à 13:00 16:18

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

Anfiteatro Romano
Visite guidate a cura di Camilla Mella

Viale Roma 87

Gratuito

Sabato 15 giugno de 11:00 à 13:00 et de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Visita guidata

Villa Comunale
Visite guidate a cura di Alessandra Marcoaldi

Via M.T. Cicerone 31

Gratuito

Sabato 15 giugno de 11:00 à 13:00 et de 16:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Lazio, Frosinone, Veroli

ll museo e il centro storico. Viaggio nel cuore della città

Vicolo Casalunga
03029 Veroli

Un’occasione per sensibilizzare e avvicinare l’opinione pubblica all’archeologia. Attraverso visite guidate nei luoghi della cultura della città; famiglie, studenti, appassionati di storia potranno scoprire il patrimonio archeologico del proprio paese. Visite guidate, attività ludiche e didattiche faranno parte del programma proposto in occasione della giornate dell’archeologia 2019.

Porte aperte

Itinerari a porte aperte nel cuore della città
Visita guidata presso alcuni dei luoghi della cultura presenti all’interno del centro storico di Veroli:
- Museo Civico Archeologico Veroli;
- Passeggiata per i Vicoli della città di Veroli;
- La Rocca di San Leucio e le mura;
- La Chiesa di San Michele Arcangelo.

Le visite guidate sono gratuite, è previsto il biglietto d'ingresso per il Museo Civico di Veroli.

Per info e prenotazioni Tel.: 0775.238929 – Email: prolocodiveroli@libero.it
Période(s) archéologique(s) :

Protostoria, Antichità, Medio Evo

Opérateur :

Pro Loco di Veroli

-Aménageur :

Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti

1.00 €

Sabato 15 giugno de 10:00 à 12:00 (2 turni di visita alle ore 10.00 e alle ore 11.00)

Qualunque pubblico

Workshop

ArcheOgioco dell'oca
Dopo una breve presentazione su cosa studia l’Archeologia, tutti i partecipanti saranno coinvolti in una breve visita al museo in cui potranno osservare i reperti esposti nelle vetrine. Divisi in due squadre ognuno disegnerà con matite colorate quello che più l’ha colpito. Tutti i disegni comporranno un grande e colorato tabellone su cui sfidarsi ad un originale ArcheOgioco dell’Oca!
L'attività è gratuita, la tariffa riguarda il biglietto d'ingresso al museo.
Per info e prenotazioni: Cell. 349.8750110, email: mcarcheoveroli.info@gmail.com

1.00 €

Sabato 15 giugno de 16:30 à 17:30

Bambini, Famiglie, Qualunque pubblico

Lazio, Frosinone, Pofi

Museo Preistorico "Pietro Fedele" di Pofi

Via San Giorgio, 28
03026 Pofi

http://www.comune.pofi.fr.it/

Il Museo è dedicato alla preistoria del Lazio meridionale a partire da un milione di anni fa. E' possibile intraprendere un affascinante viaggio nell’Età della Pietra, dove viene descritto l’uomo, l’ambiente e la fauna del Lazio meridionale nel contesto della preistoria europea. Il museo ospita la calotta cranica dell’Uomo di Ceprano, Argil, il più antico reperto fossile di Italia e tra i più antichi d’Europa (oltre 800 mila anni), ritrovato dal Prof. Italo Biddittu nel 1994.
Per info e prenotazioni: Associazione TUA - Territorio dell'Uomo Antico cell. 3888644122; email progettotua@gmail.com

Visita guidata

Visita guidata con il paleontologo
Grazie alla preziosa guida di un paleontologo sarà possibile visitare le meraviglie di uno dei musei preistorici più significativi del basso Lazio, alla scoperta dell'uomo, dell'ambiente e della fauna di età preistorica.

1.00 €

Domenica 16 giugno de 11:00 à 12:00 et de 15:30 à 16:30

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Workshop

Laboratorio “Scava e scopri“
Il laboratorio consentirà di calarsi nei panni di un archeologo e provare l'emozione della scoperta in un “cantiere di scavo“.

2.00 €

Domenica 16 giugno de 16:30 à 18:30

Bambini

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Lazio, Latina, Norma

Parco Archeologico di Norba - Museo Civico Archeologico

Via Circonvallazione Antica Norba
04010 Norma

http://www.anticanorba.com/

Sabato all'antica norba.

Sabato 15 giugno.
Vi regaliamo norba e la sua storia !

Visita guidata

Sabato all'antica Norba
dalle ore 10.00 alle 14.00
Ingresso e visita guidata GRATUITA al Museo Civico Archeologico

ore 16.30
VISITA GUIDATA GRATUITA AGLI SCAVI ARCHEOLOGICI DI NORBA
Incontro all'ingresso del Parco Archeologico di Norba (Via Circonvallazione Antica Norba) e visita guidata gratuita
Durata della visita: un'ora e trenta minuti

INFO E PRENOTAZIONI
Museo Archeologico A.G.Saggi
www.anticanorba.com
Tel. 0773.1710161
cultura@comune.norma.lt.it

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Porte aperte

Porte aberte al museo archeologico di Norma
da giovedì 13 a domenica 16 giugno, “porte aperte“ al Museo Civico Archeologico di Norma con ingresso e visita guidata gratuita per tutti!

INFO
Museo Archeologico A.G.Saggi
www.anticanorba.com
Tel. 0773.1710161
cultura@comune.norma.lt.it
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

Opérateur :

Stefano Ferruzzi

Gratuito

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 17:30

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva, Disabilità uditiva, Disabilità mentale

Lazio, Latina, Formia

Area archeologica di Caposele

Area archeologica di Caposele - Porto Caposele
04023 Formia

Giornate dell'Archeologia a Formia - Sarà possibile visitare:.1 postazione con Allestimento di un Cantiere di Scavo Archeologico, dove un archeologo accreditato presso la Soprintendenza mostrerà le metodologie di scavo, sul campo, e gli strumenti impiegati nel corso delle indagini archeologiche;
NOVITA’
- N.1 Allestimento di materiali archeologici Inediti provenienti dal territorio di Formia, in collaborazione con la Soprintendenza SA-BAP Lazio, che, per la Prima Volta in Assoluto, saranno esposti al pubblico in vetrine allestite all’uopo, all’interno di uno dei fornici dell’area Archeologica Caposele. I materiali saranno illustrati da un archeologo professionista. Si tratta di un allestimento provvisorio.

Visita guidata

Formia - Giornate dell'archeologia
Durante le Giornate dell'Archeologia vengono proposte una serie di iniziative straordinarie con lo scopo di divulgare e promuovere le attività dell’archeologo e dei professionisti impegnati nelle indagini archeologiche e nella tutela del Patrimonio Culturale, con particolare riferimento al territorio di Formia.
Tale evento nasce in Francia dall’Istituto Nazionale per l’Archeologia Preventiva e si configura come una occasione ideale per divulgare al pubblico, in maniera corretta, le attività dell’Archeologo, dell’Antropologo, del Rilevatore e di tutte le figure professionali che si occupano della Tutela del Patrimonio Storico-Archeologico.
In particolare i visitatori potranno vivere l’esperienza di un cantiere di scavo archeologico, vedere e toccare con mano reperti ossei, seguiti dall’Antropologo, vedere e praticare un rilievo archeologico con moderne tecniche 3D.

Gratuito

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 13:00 et de 14:30 à 19:00 (VISITE GUIDATE OGNI ORA)

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 13:00 et de 14:30 à 19:00 (Sabato)

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Lazio, Latina, Formia

Area archeologica di Caposele

Via Porto Caposele
04023 Formia

http://www.sabap_lazio.beniculturali.it/

Il sito, risalente alla tarda età repubblicana (I secolo a.C.), è parte di un complesso residenziale più ampio che comprende anche i resti di Villa Rubino e quelli posti a ridosso del torrente Rialto. Il complesso presenta un grande cortile quadrato con trentadue ambienti, la maggior parte dei quali aprono verso la corte. In tutta probabilità, si trattava di strutture annesse alla parte residenziale di una grande villa romana, che venivano adibite ad attività di trasformazione e deposito dei prodotti del territorio (vino, pesce essiccato, ecc.) Della parte residenziale posta al secondo piano sono sopravvissuti resti molto esigui. La parte a monte contiene un ambiente decorato con pitture ed una dedica sacra.

Porte aperte

Giornate dell'Archeologia a Caposele
Sarà possibile vivere l'incredibile esperienza di un cantiere di scavo archeologico, con lo studio dei reperti, l'analisi dei resti antropologici e le nuove tecniche di documentazione di scavo.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

Opérateur :

Sinus Formianus

-Aménageur :

Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti e Sinus Formianus

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 19:00 à 20:00

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 13:00 et de 14:30 à 19:00

Bambini, Famiglie, Adulti

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Lazio, Latina, Minturno

Ponte Borbonico Real Ferdinando sul Garigliano

Via Ferdinando II di Borbone
04026 Minturno

http://www.sabap_lazio.beniculturali.it/

Il Ponte Borbonico Real Ferdinando sul Garigliano è il primo ponte sospeso su catenarie in ferro dell’Europa continentale, realizzato tra il 1828 e il 1832 su progetto dell’ing. Luigi Giura.
E' un poliedrico e insigne esempio della modernità del governo borbonico dal punto di vista ingegneristico, architettonico e artistico con le colonne egittizzanti e le sfingi, testimonianza dell’egittomania correlata ai primi scavi in Egitto. La struttura sostituisce l’antica scafa (barcone fluviale collegato ad una corda tra le due sponde), per consentire l’agevole prosecuzione del viaggio sulla via Appia, e il ricongiungimento con il sito della città romana di Minturnae ove proprio i Borbone avevano dato inizio, alla fine del XVIII secolo agli scavi archeologici.

Esposizione

Prima estemporanea di pittura
Nell'ambito delle celebrazioni del 187° anniversario dell'inaugurazione del Ponte Real Ferdinando, si svolge il primo Concorso di Pittura Estemporanea Un ponte per l’arte.
Il Concorso ha lo scopo di valorizzare il Ponte Real Ferdinando inserendolo nel contesto storico, architettonico, naturalistico e paesaggistico dell’Area Archeologica di Minturnae (Minturno) attraverso l’interpretazione pittorica dei partecipanti.
Sarà possibile assistere in diretta alla realizzazione delle opere e prendere parte alle visite guidate dell'area.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 08:45 à 19:00 (alle ore 11.00 e alle ore 16.30 visita illustrata gratuita per tutti i visitatori)

Qualunque pubblico

Lazio, Rieti, Torri in Sabina

Area archeologica di Forum Novum

Via Romana Vecchia snc, - Loc. Vescovio
02049 Torri in Sabina

http://www.sabap_lazio.beniculturali.it/

L'area archeologica di Forum Novum comprende parte del Foro della antica città romana, fondata nel II secolo a.C., con la basilica civile, edifici religiosi e domus ornati da interessanti pavimenti musivi. Nei pressi è situato l'importante complesso religioso dell'antica cattedrale sabina, attuale Santuario della Madonna della Lode di Vescovio, con un importante ciclo di affreschi del XIV secolo.

Porte aperte

Una finestra sui restauri a Forum Novum
Nell'ambito dei lavori avviati nel 2017 dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti sono in corso i restauri di due importanti pavimenti romani, un mosaico e un battuto cementizio, che sarà possibile seguire dal vivo.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

Opérateur :

ARIEM S.R.L.

-Aménageur :

Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 12:00 et de 13:00 à 15:00 (La visita sarà guidata da un archeologo e da un restauratore)

Qualunque pubblico

Lazio, Rieti, Castel Sant'Angelo

Complesso archeologico delle Terme di Tito

92P7+2M Vasche
02010 Castel Sant'Angelo

http://www.sabap_lazio.beniculturali.it/

Al di sopra del Lago di Paterno si trova un'imponente struttura caratterizzata da contrafforti, identificabile con una villa di età romana. La prossimità al sito di Aquae Cutiliae, ove sorgeva la villa degli imperatori della prima dinastia Flavia, avvalora l'ipotesi che anche questo sia un complesso di pertinenza imperiale, che ha portato alla denominazione tradizionale di “Villa di Tito“.

Porte aperte

Open day degli scavi della Villa di Tito
Sarà possibile visitare il cantiere di scavo, con l'illustrazione delle novità e dei recenti rinvenimenti.
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

Opérateur :

Saint Mary's University, Canada

-Aménageur :

Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 13:00 et de 14:00 à 16:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Disabilità visiva

E' a disposizione una mappa tattile del luogo

Lazio, Rieti, Rieti

Rieti sotterranea

Via Pellicceria, 5
02100 Rieti

http://www.rietidascoprire.it/servizi/rietisotterranea.html

Sotto l'odierna via Roma, è possibile ammirare un meraviglioso scorcio dell'Italia sotterranea: i resti del viadotto romano costruito nel III secolo a.C. come conseguenza della conquista romana ed affiancato all'opera di bonifica della piana.
La struttura, inglobata nei sotterranei di alcune nobili dimore reatine, è formata da grandiosi fornici costruiti con enormi blocchi squadrati di travertino caverno, a sostegno del piano stradale.
A cura di Rieti da scoprire

Visita guidata

Alla scoperta della città sotterranea
Incontro con la guida presso la statua della Lira a piazza Cavour.
Illustrazione della struttura del ponte romano sul fiume Velino.
Proseguimento in via del Porto, nel passato via d'acqua, oggetto di spiegazioni sul funzionamento del porto fluviale della città di Rieti considerata la “Venezia d'acqua dolce“.
Successivamente nei locali sotterranei di casa Parasassi e di casa Rosati-Colarieti si potranno ammirare i resti dell'antico viadotto romano costruito nel III secolo a.C. Un imponente muro e blocchi squadrati di travertino, testimoniano il piano di inclinazione della struttura che permetteva di raggiungere il foro.
Sorprendono gli ampi ambienti, di palazzo Napoleoni, sotterranei dell' edificio appoggiato verticalmente alla struttura romana che conducono a uno dei poderosi archi che costituiscono il viadotto.
Seguirà una passeggiata tra i vicoli medievali del centro storico tra archi, volte, pietre e tante curiosità.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 18:00 à 20:00

Sabato 15 giugno de 11:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Parco archeologico del Colosseo

Piazza Santa Maria Nova 53
00186 Roma

https://parcocolosseo.it/

Il Parco archeologico del Colosseo è stato creato nel 2017 come istituto ad autonomia speciale per la tutela e la valorizzazione dell’area archeologica centrale di Roma. Il Parco include un patrimonio archeologico, storico e paesaggistico di eccezionale valore culturale, con aree e monumenti di competenza statale (Colosseo, Domus Aurea, Arco di Costantino, Meta Sudans, Foro romano e Palatino), in consegna a Roma Capitale (Circo Massimo, Fori imperiali) e di proprietà di Enti ecclesiastici. La mission del Parco si declina attraverso la cura e valorizzazione del patrimonio e una costante educazione alla memoria. Per le Giornate dell'archeologia 2019 il Parco offre una serie di attività speciali: laboratori, visite didattiche, dimostrazioni di archeologia sperimentale, cacce al tesoro.

Dimostrazione

Dimostrazioni di archeologia sperimentale
Sul Palatino presso il tempio della Vittoria/santuario della Magna Mater un archeologo sperimentale eseguirà dimostrazioni di scheggiatura della selce in prossimità dell'area dalla quale provengono i reperti del Paleolitico esposti nel Museo Palatino. Presso le Scalae Caci attraverso una seconda postazione di archeologia sperimentale saranno illustrate la protostoria e il villaggio dell'età del Ferro che qui sorgeva, con approfondimenti sulla tessitura e altre attività. Nel Foro Romano, presso la Regia, un archeologo ceramista permetterà di conoscere le diverse classi ceramiche, dalla Roma dei re all'età imperiale. Le attività sono incluse nel biglietto di accesso al Parco.

Gratuito

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 13:00

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 15:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità visiva

I materiali dei dimostratori saranno esplorabili tattilmente dai non vedenti. Postazione di archeologia sperimentale al Foro Romano accessibile con sedia a rotelle dall'ingresso di Largo della Salara Vecchia.

Visita guidata

Visita guidata al roseto del Palatino
Specialisti botanici illustreranno il rinnovato roseto situato sul Palatino presso gli Horti Farnesiani, con visite guidate in Italiano gratuite, incluse nel biglietto di accesso al Parco.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 16:00 à 18:00 (senza prenotazione)

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Visita guidata

Visite guidate straordinarie alla Domus di Scauro
Gli archeologi del Parco del Colosseo guideranno i visitatori in un percorso all'interno della straordinaria residenza sulle pendici settentrionali del Palatino, presso l'Arco di Tito, identificata come Domus di Scauro. Si tratta di una delle numerose domus che in età tardorepubblicana sorgevano sul colle, di proprietà dei membri dell'aristocrazia. La visita prevede l'accesso al piano ipogeo della residenza. L'attività, in lingua italiana e inglese, è inclusa nel biglietto di accesso al Parco. I posti sono limitati e non è prevista la prenotazione.

Gratuito

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 13:00

Adulti, Qualunque pubblico

Dimostrazione

Ricostruzioni storiche e approfondimenti
Presso le pendici settentrionali del Palatino, sulla Via Nova, una taberna accoglierà una esposizione che permetterà di approfondire il tema dell'alimentazione e del cibo nel mondo romano. Una seconda postazione, in prossimità, illustrerà le tecniche relative alla coniazione di monete. Domenica mattina sulla Vigna Barberini si potranno inoltre scoprire costumi e armi dei legionari. Le attività sono incluse nel biglietto di accesso al Parco.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:00 à 13:00

Sabato 15 giugno de 10 à 13 et de 15:30 à 18:30

Bambini, Adulti, Qualunque pubblico

Circuito di scoperta

Caccia al tesoro alle pendici del Palatino
Una caccia al tesoro per bambini dai 6 ai 12 anni permetterà di scoprire le pendici meridionali del Palatino e il suo patrimonio archeologico e naturalistico. L'attività è inclusa nel biglietto di accesso al Parco (gratuito per i bambini e per un accompagnatore; è necessario effettuare la prenotazione). Sabato e domenica pomeriggio sarà disponibile la traduzione in Inglese.

Gratuito

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 10:00 à 12:00 et de 16:00 à 18:00 (con prenotazione)

Bambini, Famiglie, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie

Accessibilità

Disabilità uditiva

La caccia al tesoro di domenica 16 (ore 10-12) sarà accompagnata da personale del Parco che utilizzerà la Lingua dei Segni Italiana per permetterne la fruizione da parte dei non udenti.

Workshop

Laboratori didattici sul Palatino
La Vigna Barberini, splendida terrazza sul Palatino, ospiterà laboratori didattici per bambini dai 6 ai 12 anni sulla tecnica dell'affresco e sulla tecnica di realizzazione di una lucerna. Le attività sono incluse nel biglietto di accesso al Parco (gratuito per i bambini e per un accompagnatore; è necessario effettuare la prenotazione).

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:30 à 11:30

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 15:30 à 18:30

Bambini, Famiglie, Scuole

Scuole :

Elementari, Medie

Lazio, Roma, Tivoli

Villa Adriana (Istituto Villa Adriana e Villa d'Este - Villae)

Villa Adriana e Villa d'Este
Piazza Trento, 5
00019 Tivoli (RM)

www.villaadriana.beniculturali.it

Villa Adriana
Villa Adriana, dichiarata nel 1999 Patrimonio dell’Umanità UNESCO, fu costruita tra il 118 e 138 d.C. dall’imperatore Adriano, in un territorio verdeggiante e ricco di acque nei pressi di Tivoli, l’antica Tibur. La Villa si estendeva su un’area di almeno centoventi ettari, comprendente strutture residenziali, terme, ninfei, padiglioni e giardini.
I vari edifici erano collegati fra loro, oltre che da percorsi di superficie, anche da una rete viaria sotterranea carrabile e pedonale per i servizi. Straordinaria era la ricchezza dell’apparato decorativo, oggi disperso tra importanti musei e collezioni d’Europa, a seguito di spoliazioni.
Attualmente l’area visitabile è di ca. 40 ettari.

Workshop

Dire, fare ... giocare, archeologia e travestimento
Le Villae intendono mettersi in gioco, avvicinando i bambini di oggi al passato attraverso un’attività che li coinvolga direttamente e li diverta.
Durante il laboratorio si possono sperimentare giochi dai nomi bizzarri (Talus, Duplum Molendinum, Nummum iactare …) e indossare riproduzioni di capi di abbigliamento in stile romano per una foto ricordo.
Ingresso secondo la normale tariffazione (salvo gratuità e riduzioni di legge, ingresso libero per i minori di 18 anni), laboratorio gratuito.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:30 à 12:30

Bambini

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle, Disabilità mentale

Accesso per persone con mobilità ridotta; programmazione adattata

Lazio, Roma, Roma

Parco archeologico di Ostia antica

717, Viale dei Romagnoli
00119 Roma

https://www.parcoarcheologicostiantica.it/

Il Parco archeologico di Ostia antica, nato nel 2016, riunisce siti di grande valore culturale e paesaggistico. L'attrazione principale è l'antica città di Ostia, colonia romana estesa su circa 80 ettari di superficie, con l'annesso Museo Ostiense che raccoglie capolavori statuari dall'età repubblicana alla tarda antichità. Fuori dagli scavi è visitabile il Castello di Giulio II, realizzato tra XV e XVI secolo su un'ansa del Tevere come postazione difensiva e dogana dello Stato Pontificio.

Inoltre sono visitabili i Porti imperiali di Claudio e Traiano, uno straordinario complesso di moli e magazzini di età imperiale attualmente nel comune di Fiumicino. Nei pressi merita una visita la Necropoli di Isola Sacra, con le sue eccezionali tombe dipinte.

Porte aperte

Cantieri aperti: le Terme del Buticoso
I visitatori potranno eccezionalmente visitare un cantiere di restauro all'interno dell'area archeologica di Ostia antica: si tratta delle terme del Buticoso, un tipico esempio di piccolo impianto termale (balneum) che conserva un'interessante decorazione pittorica e musiva, oggetto degli attuali interventi di restauro. La visita guidata è gratuita, per l'accesso al Parco occorre pagare il normale biglietto d'ingresso (intero 10 €, sono previste riduzioni).
Période(s) archéologique(s) :

Antichità

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 12:00 et de 15:00 à 17:00 (Visita guidata gratuita (accesso al Parco a pagamento), solo su prenotazione scrivendo a: pa-oant.comunicazione@beniculturali.it)

Qualunque pubblico

Porte aperte

Archivi aperti: l'archivio fotografico e l'archivio disegni
Il personale del Parco aprirà le porte dell'archivio fotografico, un tesoro che racchiude migliaia di scatti realizzati dagli inizi del Novecento a oggi nei vari siti che compongono il Parco archeologico. Nella stessa giornata sarà possibile ammirare i disegni che generazioni di architetti hanno dedicato ai monumenti di Ostia. La visita guidata è gratuita, per l'accesso al Parco occorre pagare il normale biglietto d'ingresso (intero 10 €, sono previste riduzioni).
Période(s) archéologique(s) :

Antichità, Medio Evo, Era moderna, Era contemporanea

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 12:00 (Visita guidata gratuita (accesso al Parco a pagamento), su prenotazione scrivendo a: pa-oant.archiviofotografico@beniculturali.it)

Qualunque pubblico

Visita guidata

Le ossa raccontano: alla scoperta dell'antropologia fisica
Il Parco archeologico di Ostia antica offre l'eccezionale opportunità di osservare il lavoro dell'antropologo: i resti scheletrici dei nostri predecessori sono uno straordinario archivio di informazioni, che attendono solo di essere estratte e consultate. La Dottoressa Paola Francesca Rossi, responsabile del Servizio di Antropologia, illustrerà come le ossa possano raccontare gli stili di vita, l'alimentazione e le malattie che colpivano gli ostiensi in età romana. La visita guidata è gratuita, per l'accesso al Parco occorre pagare il normale biglietto d'ingresso (intero 10 €, sono previste riduzioni).

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 12:00 (Visita guidata gratuita (accesso al Parco a pagamento), solo su prenotazione scrivendo a: pa-oant.antropologia@beniculturali.it)

Qualunque pubblico

Visita guidata

Il culto di Mitra a Ostia Antica
I visitatori saranno accompagnati da personale qualificato del Parco alla scoperta dei culti orientali diffusi a Ostia in età imperiale. Sarà un'occasione per conoscere divinità come la Grande Madre Cibele, il dio Attis e l'affascinante figura del dio Mitra, legato alla propaganda imperiale romana. La visita gratuita (si paga solo il normale biglietto d'ingresso al Parco), della durata di due ore circa, sarà condotta dall'archeologa Giovanna Arciprete. Visita guidata gratuita; per l'accesso al Parco occorrerà pagare il normale biglietto d'ingresso (intero 10 €, sono previste riduzioni).

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 12:00 (Visita guidata gratuita (accesso al Parco a pagamento): prenotazione obbligatoria all'indirizzo: pa-oant.servizieducativi@beniculturali.it)

Qualunque pubblico

Workshop

Laboratorio didattico: colori e pigmenti dalla natura
Sapevate che in poco tempo si possono ricavare colori naturali dalla frutta e dalla verdura che si trova normalmente in casa? Questo laboratorio, pensato per alunni della scuola primaria, permetterà ai ragazzi di realizzare la loro palette di colori, proprio come veri pittori. Il laboratorio è gratuito, per l'accesso al Parco solo gli adulti pagheranno il normale biglietto d'ingresso (intero 10 €, sono previste riduzioni).

Gratuito

Sabato 15 giugno de 11:00 à 13:00 (Laboratorio didattico gratuito (accesso al Parco a pagamento), solo su prenotazione scrivendo a: darwinassociazione@gmail.com)

Famiglie

Scuole :

Elementari

Laboratorio didattico

Workshop

Laboratorio didattico: l'affresco nell'antica Ostia
Come si decoravano le pareti delle case nell'antica Ostia? Grazie al nostro laboratorio, i piccoli aspiranti pittori potranno scoprire le tecniche artistiche di duemila anni fa, portando a casa un piccolo ricordo dell'esperienza. Il laboratorio è pensato per bambini dai 7 agli 11 anni: il laboratorio è gratuito, per l'accesso al Parco solo gli adulti pagheranno il normale biglietto d'ingresso (intero 10 €, sono previste riduzioni).

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:00 à 13:00

Famiglie

Scuole :

Elementari

Laboratorio didattico

Visita guidata

Visita guidata: Alla scoperta dei Porti Imperiali
Domenica mattina sarà possibile visitare l'area archeologica dei Porti imperiali di Claudio e di Traiano, nel Comune di Fiumicino, accompagnati dall'équipe dell'Università di Huelva che attualmente studia le strutture portuali antiche, in particolare il Molo della Lanterna. Gli archeologi illustreranno le ultime scoperte e le nuove ipotesi ricostruttive di questa importante infrastruttura portuale. La visita guidata e l'accesso all'area di Portus sono gratuiti.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 11:00 à 12:30 (Durata 1h e 30 minuti)

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Istituto Centrale per l'Archeologia - Complesso Monumentale del San Michele

Via di San Michele 22,
00153 Roma

http://www.ic_archeo.beniculturali.it

L’Istituto Centrale per l'Archeologia svolge funzioni in materia di studio e di ricerca nel settore dell’archeologia, intesa nella sua accezione più ampia. Supporta la Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio del Ministero per i beni e le attività culturali, nella definizione di linee guida, standard di documentazione, archeologia preventiva e tutela del patrimonio culturale. Incentiva l'editoria archeologica e la diffusione dei dati territoriali in formato open attraverso la progettazione di piattaforme geografiche digitali.
Per le Giornate dell'archeologia 2019, l'ICA organizza incontri di approfondimento, workshop, dimostrazioni di archeologia sperimentale sia in sede che in altri istituti e musei partner del progetto.

Conferenza

Filippo Coarelli parla dell'archeologia oggi. Un'intervista con Cinzia dal Maso. Modera Elena Calandra

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 11:00 à 13:00

Adulti

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Lazio, Roma, Roma

Istituto Centrale per l'Archeologia con CNR-ISMA, Dipartimento di Scienze dell'antichità - "Sapienza" - Università di Roma e Museo dell'Agro Veientano

p.le A.Moro 5, 00158 Roma

http://www.ic_archeo.beniculturali.it

L’Istituto Centrale per l'Archeologia svolge funzioni in materia di studio e di ricerca nel settore dell’archeologia, intesa nella sua accezione più ampia. Supporta la Direzione generale Archeologia, belle arti e paesaggio del Ministero per i beni e le attività culturali, nella definizione di linee guida, standard di documentazione, archeologia preventiva e tutela del patrimonio culturale. Incentiva l'editoria archeologica e la diffusione dei dati territoriali in formato open attraverso la progettazione di piattaforme geografiche digitali.
Per le Giornate dell'archeologia 2019, l'ICA organizza incontri di approfondimento, workshop, dimostrazioni di archeologia sperimentale, in collaborazione con altri istituti musei partner del progetto.

Conferenza

Symposion. L'arte del bere insieme: vino e pratiche conviviali tra passato e presente
Riflessioni e confronto tra esperti sui modelli di autorappresentazione delle élites attraverso l'analisi di uno degli indicatori più noti del prestigio e del potere: il vino. Un viaggio tra Oriente, Grecia, mondo italico e romano. Parallelismi tra pratiche antiche e fortuna moderna di un simbolo della vita individuale e sociale, occasione per affermare l'identità del gruppo che si riunisce a convito, metafora della società e della vita.
L'inziativa fa parte dell'evento “Symposion“ che proseguirà al Museo dell'Agro Veientano sabato 15 giugno.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 15:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Capena

Area archeologica e antiquarium di Lucus Feroniae e Villa dei Volusii

Via Tiberina, Km 18,500
00060 Capena (RM)

https://www.beniculturali.it/mibac/opencms/MiBAC/sito-MiBAC/Luogo/MibacUnif/Luoghi-della-Cultura/vis

Il 15 giugno l’Area archeologica di Lucus Feroniae e la Villa dei Volusii vedranno la realizzazione di laboratori di archeologia sperimentale, visite guidate e ricostruzioni storiche nell’ottica di una fruizione partecipata.

Dimostrazione

“Viaggio alla scoperta dell’evoluzione dell’uomo“
Si racconterà la storia evolutiva delle specie umane preistoriche e la parentela con gli altri primati, per continuare poi con laboratori di ceramica, alimentazione, tessitura e realizzazione dei profumi, compiendo un viaggio nel tempo che dalla preistoria arriva fino all’età romana.

Il legame uomo-ambiente, presente in ogni momento e attività dell’uomo del passato, viene approfondito nella postazione di didattica ambientale in cui attraverso la simulazione della vita di un’arnia si riflette sull’organizzazione di una comunità e sul suo ecosistema.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Spettacolo

Ricostruzione storica
Allestimento di un accampamento militare rinascimentale, prove di abilità con la scherma storica e formazioni militari di picchieri.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 18:00

Qualunque pubblico

Visita guidata

Visita guidata alla Villa dei Volusii e all'area archeologica di Lucus Feroniae

Gratuito

Sabato 15 giugno de 11:00 (Visita guidata mattutina)

Sabato 15 giugno de 16:00 (Visita guidata pomeridiana)

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Formello

Museo dell'Agro Veientano - con Istituto Centrale per l'Archeologia e CNR-ISMA

Palazzo Chigi, Piazza San Lorenzo snc
00060 Formello

www.comune.formello.rm.it/museo

La manifestazione “Symposion -In Veio Veritas“, organizzata in collaborazione con ICA (Istituto Centrale per l'Archeologia del MIBAC) e CNR-ISMA, si svolge nei giorni 14-15 giugno 2019, il 14 presso l'Università “Sapienza“ di Roma, Sala dell'Odeion della facoltà di Lettere e Filosofia a Roma e il 15 a Formello, presso il Museo dell'Agro Veientano. Il 15 giugno scopriremo come si preparava il vino in antichità e in particolare a Veio, grazie a una visita dedicata al museo e un workshop di preparazione del vino etrusco. Segue degustazione, sdraiati su una kline. Seguirà in collaborazione con l'Azienda agricola Terre del Veio, una visita alla Tomba dei Leoni Ruggenti, situata nelle vicinanze (necropoli di Grotta Gramiccia)

Conferenza

Symposion-In Veio veritas
Visita guidata tematica al Museo dell'Agro Veientano - workshop di preparazione e somministrazione del vino antico con “degustazione“

Gratuito

Sabato 15 giugno de 10:00 à 13:00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Accesso con ascensore per superare dislivelli

Visita guidata

Symposon - in Veio veritas
Visita guidata alla Tomba dei Leoni Ruggenti, Veio con partenza dal Museo dell'Agro Veientano, Formello. Visita a azienda produttore “Terre del Veio“ con degustazione

Gratuito

Sabato 15 giugno de 15:00 à 17:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Villa dei Quintili - Parco Archeologico dell'Appia Antica

Via Appia Nuova, 1092
00178 Roma

www.parcoarcheologicoappiaantica.it

Nell'antiquarium del sito archeologico della Villa dei Quintili, allestito all'interno dell'ex stalla del casale, sono esposte sculture e altri materiali pervenuti dagli scavi effettuati nei primi decenni del Novecento nel grande complesso residenziale del suburbio romano.
L'area in cui sorge la fastosa residenza romana era chiamata “lo statuario“ proprio per il grande numero di statue antiche che si ritrovavano nel terreno.
La funzionaria storica dell’arte Ilaria Sgarbozza (Parco Archeologico dell’Appia Antica) affronterà il tema del recupero dell’antico in una conversazione volta a stimolare una riflessione sul destino delle antichità dopo lo scavo e sul sistema della conservazione nella Roma moderna e contemporanea.


Visita guidata

Dallo scavo al museo. Manufatti dell’Appia nelle collezioni pubbliche romane.
Le campagne di scavo promosse lungo l’antica via Appia a partire dal Settecento hanno portato alla luce un gran numero di sculture e manufatti, successivamente distribuiti in diversi musei della città di Roma (Antiquarium della Villa dei Quintili, Museo Nazionale Romano, Musei Vaticani).
La storica dell’arte Ilaria Sgarbozza (Parco Archeologico dell’Appia Antica) affronterà il tema del recupero dell’antico in una conversazione volta a stimolare una riflessione sul destino delle antichità dopo lo scavo, e sul sistema della conservazione nella Roma moderna e contemporanea.

Appuntamento all’ingresso della Villa dei Quintili, via Appia Nuova 1092
Come arrivare: in auto da via Appia Nuova 1092 o in Metropolitana Linea A (Colli Albani) e poi autobus linea 664
Ingresso: biglietto combinato con il Mausoleo di Cecilia Metella e valido 2 giorni: € 5.00 (ingresso gratuito under 18); la partecipazione all’attività proposta a cura del personale del Parco è gratuita.
Prenotazione: non è richiesta la prenotazione.

5.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 14 giugno de 17:30 à 18:30

Famiglie, Adulti

Lazio, Roma, Roma

Villa dei Quintili - Parco Archeologico dell'Appia Antica

via Appia Nuova, 1092
00178 Roma

www.parcoarcheologicoappiaantica.it

Nel casale all'ingresso dell'area archeologica della Villa dei Quintili avrà luogo un laboratorio ludico-creativo a cura del Servizio Educativo del Parco Archeologico dell'Appia Antica, rivolto ai bambini tra i 4 e gli 8 anni.
Per i genitori sarà invece possibile partecipare ad una visita guidata dell'area archeologica accompagnati dalla funzionaria archeologa Mara Pontisso (Parco Archeologico dell’Appia Antica).

Workshop

Crea il tuo mosaico
Laboratorio ludico-creativo a cura del Servizio Educativo del Parco Archeologico dell’Appia Antica. Partendo dalle raffigurazioni e dai motivi decorativi presenti nei mosaici rinvenuti nella Villa dei Quintili, i bambini tra i 4 e gli 8 anni sono avvicinati alla tecnica del mosaico romano e ne riproducono alcuni particolari con materiali di riciclo. Mentre i piccoli sono impegnati in queste attività con le dott.sse Francesca Cerrone e Maricarmen Pepe, i genitori potranno partecipare ad una visita guidata del sito con la funzionaria archeologa Mara Pontisso (Parco Archeologico dell’Appia Antica).

Appuntamento all’ingresso della Villa dei Quintili, via Appia Nuova 1092
Come arrivare: in auto da via Appia Nuova 1092 o in Metropolitana Linea A (Colli Albani) e poi autobus linea 664
Ingresso: biglietto combinato con il Mausoleo di Cecilia Metella e valido 2 giorni: € 5.00 (ingresso gratuito under 18); la partecipazione all’attività proposta a cura del personale del Parco è gratuita.
Prenotazione: è necessario prenotarsi scrivendo a:
pa-appia.servizioeducativo@beniculturali.it

5.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 10:30 à 13:00

Bambini, Famiglie, Adulti

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari

Lazio, Roma, Roma

Tombe della via Latina - Parco Archeologico dell'Appia Antica

via dell'Arco di Travertino, 151
00178 Roma

www.parcoarcheologicoappiaantica.it

Per l'intera giornata di domenica 16 giugno nel parco delle tombe della via Latina sarà possibile immergersi nell'atmosfera della Roma di età imperiale.
L’evento, a cura dell’Associazione Culturale di Promozione Sociale “Ars in Urbe“ e dell'Associazione Culturale “Epica“ (Legio VII Gemina), con la partecipazione di “Exempla Romanorum”, avvicinerà il grande pubblico al mondo dell’antica Roma, con un ricco calendario di attività articolate che comprendono visite guidate con apertura straordinaria delle tombe, interpretazione di testi letterari antichi a cura di attori professionisti e riproduzione sperimentale di oggetti di uso quotidiano.

Workshop

Vita e morte degli antichi romani
Nel corso della giornata si avranno visite guidate nell’area archeologica lungo l’antica via Latina, con apertura straordinaria delle tombe e interpretazione attoriale di testi letterari antichi. Nell’area archeologica saranno allestiti tavoli didattici in cui saranno esposte e illustrate riproduzioni di oggetti di uso quotidiano e opere d’arte ispirate agli uomini dell'antica Roma. Sarà quindi possibile immergersi nella vita quotidiana della Roma di età imperiale partecipando alle diverse attività della filatura e tessitura, della lavorazione della pelle e della coniazione. Sarà anche possibile vedere da vicino come erano vestiti i soldati romani, come era misurato il tempo e quali erano i giochi degli antichi romani.

Di seguito il dettaglio degli appuntamenti:
• 10:00: presentazione della giornata e inizio dell'attività didattiche
• 10:30: visita guidata teatralizzata nel Parco con la dott.ssa Michela Zimotti e l’attrice professionista Ludovica Resta
• 11:30: visita guidata e apertura straordinaria (*prenotazione obbligatoria) delle tombe con la dott.ssa Cristina Cecchini
• 12:00: visita guidata teatralizzata nel Parco con la dott.ssa Michela Zimotti e l’attrice professionista Ludovica Resta
• 13:00: visita guidata e apertura straordinaria (*prenotazione obbligatoria) delle tombe con la dott.ssa Cristina Cecchini
• 14:30: visita guidata teatralizzata nel Parco con la dott.ssa Michela Zimotti e l’attrice professionista Ludovica Resta
• 15:30: visita guidata e apertura straordinaria (*prenotazione obbligatoria) delle tombe con la dott.ssa Cristina Cecchini
• 16:00: visita guidata teatralizzata nel Parco con la dott.ssa Michela Zimotti e l’attrice professionista Ludovica Resta
• 17:00: visita guidata e apertura straordinaria (*prenotazione obbligatoria) delle tombe con la dott.ssa Cristina Cecchini
• 18:00: conclusione delle attività didattiche

Appuntamento all’ingresso delle Tombe della via Latina, via dell’Arco di Travertino 151
Come arrivare: Metropolitana Linea A (Arco di Travertino) oppure autobus (capolinea ATAC Arco di Travertino)
Ingresso: gratuito. Tutte le attività sono proposte dalle associazioni gratuitamente.
Prenotazione: per partecipare alle visite delle 11.30, 13.00, 15.30 e 17.00 è necessario prenotarsi scrivendo a: segreteria.arsinurbe@gmail.com
oppure telefonando al 329.9740531 (dal lunedì alla domenica ore 10.00 – 13.00 / 15.00 – 20.00) o mandando un SMS
Accessibilità: per preservare i luoghi l'accesso ai sepolcri è contingentato in gruppi di massimo 25 persone; le tombe non sono ancora accessibili a chi ha difficoltà di deambulazione. Si chiede l'uso di scarpe comode, basse e con suole antiscivolo.

Gratuito

Domenica 16 giugno de 10:00 à 18:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Castel Gandolfo

Ninfeo Dorico e Bergantino

Via Antonio Gramsci / Via dei Pescatori
00040 Castel Gandolfo

www.sabap-rm-met.beniculturali.it

Meglio noto come “Bagni di Diana“, il Ninfeo Bergantino si trova sulla riva occidentale del Lago Albano, circa a metà strada tra il Ninfeo Dorico e l'Emissario del lago.
Anch'esso, come il Ninfeo Dorico, è rivolto verso Monte Cavo (l'antico mons Albanus). Avendo avuto molto probabilmente origine da una preesistente cava di pozzolana, presenta una forma piuttosto irregolare. E' sviluppato in più ambienti, dei quali il più vasto è il salone centrale, con una vasca circolare scavata nel terreno di circa 17 metri di diametro e con tracce di decorazioni musive.
Anch'esso inglobato nel I sec. d. C. dalla vasta villa imperiale di Domiziano, il Bergantino venne riscoperto a metà dell'800 durante scavi clandestini.

Visita guidata

Visita guidata Ninfeo Dorico e Ninfeo Bergantino
La visita parte dal Ninfeo Dorico per concludersi, poi, al Ninfeo Bergantino.

Prenotazione obbligatoria.
Si prega di inviare un'e-mail a simona.carosi@beniculturali.it con oggetto “VISITA GUIDATA NINFEI“.

Gratuito

Sabato 15 giugno de 16:00 à 17:00 (Primo turno di visite guidate)

de 17:30 à 18:30 (Secondo turno di visite guidate)

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Museo Nazionale Romano - Terme di Diocleziano

79 via Enrico De Nicola 00185 Roma

www.mnr.beniculturali.it

Le Terme di Diocleziano sono il più grandioso impianto termale mai costruito a Roma. Erette tra il 298 e il 306 d.C., avevano un'estensione di oltre 13 ettari e potevano accogliere fino a 3000 persone contemporaneamente, in un percorso che si snodava tra palestre, biblioteche, una piscina di oltre 3500 metri quadrati e gli ambienti che costituivano il cuore di ogni impianto termale: il frigidarium , il tepidariume il calidarium. Proprio queste ampie sale furono trasformate da Michelangelo per la realizzazione della Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri Cristiani: negli altri ambienti delle Terme sorse, ideato dallo stesso artista, il Convento dei Certosini.
I laboratori didattici sono gratuiti per i possessori del biglietto del Museo.

Workshop

Ab urbe condita. Roma, luce di civiltà
Siete pronti a vivere una giornata nell’antica Roma? Incontreremo senatori, schiavi, soldati, sacerdoti, musicisti, pittori, parteciperemo a riti sacri ed entreremo in un accampamento romano. Attività speciali dedicate ai bambini e conferenze per i più grandi.
Ultimo ingresso al Museo ore 18.30

10.00 €

Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 19:30 (Ultimo ingresso al Museo ore 18.30)

Bambini, Famiglie

L'evento è gratuito per i possessori del biglietto del Museo

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Lazio, Roma, Roma

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia

Piazzale di Villa Giulia, 9
00196 Roma

https://www.museoetru.it/

VENERDI’ 14 GIUGNO
- “Dagli scavi archeologici al Museo di Villa Giulia”. Visita guidata alle sale del Museo.
- “Il recupero degli Ori Castellani: conoscenza, tutela e valorizzazione” Seminario nell’ambito dei Master “Esperti nelle attività di valutazione e di tutela del patrimonio culturale” e “Strumenti scientifici di supporto alla conoscenza e alla tutela del patrimonio culturale”. Visita alla collezione degli Ori Castellani.
- “Le tracce del sacro: riti e templi dell’Italia antica”. Visita guidata tattile.
SABATO 15 GIUGNO
Laboratorio didattico per bambini: “E dopo lo scavo… cosa fa l’archeologo?”
APERTURA SERALE STRAORDINARIA. Visite tematiche e spettacoli di rievocazione storica.
DOMENICA 16 GIUGNO
“Florario”. Laboratori di didattica attiva e archeologia sperimentale.

Esposizione

“Il Ciclo della Vita. Nascere e Rinascere in Etruria”
Durante le Giornate del 14, 15 e 16 giugno sarà regolarmente aperta al pubblico la mostra “Il Ciclo della Vita. Nascere e Rinascere in Etruria”, esposta dal 13 giugno al 6 ottobre nella Sala dei Sette Colli e nella Sala di Venere.
L’ingresso alla Mostra è compreso nel costo del biglietto.

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 20:00

Qualunque pubblico

Visita guidata

“Dagli scavi archeologici al Museo di Villa Giulia”
Visita guidata alle sale espositive a cura delle curatrici delle sezioni del Museo (Alessia Argento, Laura D’Erme, Vittoria Lecce, Antonietta Simonelli).
L'attività proposta è compresa nel costo del biglietto di ingresso al Museo.

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Venerdì 14 giugno de 15:00 à 17:00

Qualunque pubblico

Conferenza

Il recupero degli ‘Ori Castellani’: conoscenza, tutela e valorizzazione.
Il master ‘Esperti nelle attività di valutazione e di tutela del patrimonio culturale’ e il master ‘Strumenti scientifici di
supporto alla conoscenza e alla tutela del patrimonio culturale partecipano alle Giornate dell’Archeologia in Europa.

Introduce Valentino Nizzo, Direttore del Museo.
Interventi di Maria Paola Guidobaldi, Conservatrice delle Collezioni museali e Marina Angelini, Restauratrice (Museo Nazionale Romano).
Visita guidata alla collezione degli ‘Ori Castellani’.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 15:00 à 19:00

Adulti

Visita guidata

“Le tracce del sacro: riti e templi dell’Italia antica”
Visita guidata tattile a cura di Vittoria Lecce, Francesca Licordari e Luca Mazzocco.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 16.30 à 18.00

Qualunque pubblico

Accessibilità

Disabilità visiva

Visita tattile dedicata a persone con disabilità visiva.

Workshop

Laboratorio didattico “E dopo lo scavo… cosa fa l’archeologo?”
Laboratorio didattico (bambini fra i 5 e i 12 anni)
“E dopo lo scavo… cosa fa l’archeologo?”
A cura dei Servizi Educativi del Museo e ArteinGioco.

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 17:00 à 19:00

Bambini, Famiglie, Scuole

Scuole :

Scuole dell’infanzia, Elementari, Medie

Spettacolo

Etru di sera. Torniamo ad essere straoridnari...
Apertura serale straordinaria del museo.
Etru di sera. Torniamo ad essere straoridnari...
Visite guidate tematiche a Villa Giulia e a Villa Poniatowski, spettacoli di rievocazione storica a cura del GRUPPO STORICO ROMANO.
Tutte le attività proposte sono comprese nel costo del biglietto di ingresso al Museo.

5.00 €, Ci sono tariffe scontate

Sabato 15 giugno de 20:00 à 23:59

Qualunque pubblico

Dimostrazione

“Florario”
Laboratori di didattica attiva e archeologia sperimentale a cura dell’Associazione ANIMUM DEBES MUTARE.

10.00 €, Ci sono tariffe scontate

Domenica 16 giugno de 12:00 à 18:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Palestrina

Palestrina - Complesso degli Edifici del Foro - Piazza Regina Margherita

Complesso degli Edifici del Foro
Piazza Regina Margherita 1
00036 Palestrina (RM)

www.sabap-rm-met.beniculturali.it

Un recente scavo di una necropoli nel territorio prenestino ha permesso di acquisire nuovi dati sui metodi di sepoltura e sui corredi funerari. Ma soprattutto è’ stata realizzata la ricostruzione osteobiografica della popolazione romana di epoca imperiale di questa zona rurale dell’antica Praeneste (Palestrina, Roma, Italia) attraverso un approccio innovativo multidisciplinare, che ha coinvolto la biologia scheletrica, le biomolecole antiche e l'archeobotanica. Sono stati studiati 76 individui evidenziando la dieta che seguivano, le malattie degenerative e infettive e ricostruendo le condizioni di vita.

Orario di apertura: 17:00 - 23:00

Conferenza

A tavola! Le abitudini alimentari dei Prenestini tra I e III secolo d.C. della necropoli della Muracciola
Palestrina - La Muracciola. Conferenza e mostra dei risultati dello studio di una necropoli imperiale del territorio: dalla topografia, ai reperti archeologici, all’analisi delle condizioni di vita attraverso l’osteobiografia.

La conferenza verterà dunque su vari aspetti, dalla topografia della zona, allo scavo e ai reperti rinvenuti e alla ricostruzione osteobiografica e nutrizionale.

Gratuito

Venerdì 14 giugno de 17:00 à 19:00

Qualunque pubblico

Lazio, Roma, Roma

Museo Nazionale Romano - Palazzo Massimo

2 Largo di Villa Peretti, 00185 Roma

www.museonazionaleromano.beniculturali.it

L'ottocentesco palazzo in stile neorinascimentale accoglie una delle più importanti collezioni di arte classica al mondo. Nei quattro piani del museo, sculture, affreschi, mosaici, monete e opere di oreficeria documentano l´evoluzione della cultura artistica romana dall’età tardo-repubblicana all’età tardo-antica (II sec. a.C. - V sec. d.C.), attraverso un itinerario espositivo nel quale rivivono la storia, i miti e la vita quotidiana di Roma.
Nelle sale del piano terra sono esposti splendidi originali greci rinvenuti a Roma, come il Pugile, il Principe ellenistico e la Niobide dagli Horti Sallustiani, e la ritrattistica di età repubblicana e imperiale, culminante nella statua di Augusto Pontefice Massimo.

Conferenza

Giornata di Studio sulla Tutela del Patrimonio culturale
Presentazione degli Atti del Convegno: Forme della tutela.
Atti del Convegno multidisciplinare di studi - Roma 8-9.6.2018

10.00 €

Venerdì 14 giugno de 10:00 à 16:00 (Il convegno è ad ingresso libero fino ad esaurimento posti)

Adulti

L'evento è gratuito per i possessori del biglietto del Museo

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Lazio, Roma, Roma

Museo Nazionale Romano - Palazzo Altemps

46, piazza di Sant'Apollinare 00187 Roma

www.museonazionaleromano.beniculturali.it

Dimora aristocratica dove già nel Cinquecento trovava posto - in una magnifica scenografia architettonica - una ricca collezione di scultura antica, Palazzo Altemps è la sede del Museo Nazionale Romano dedicata alla storia del collezionismo. Il Museo di Palazzo Altemps ospita capolavori assoluti di scultura antica appartenenti a collezioni nobiliari famose e di grande pregio pervenute in proprietà statale. L’allestimento punta a integrare - in una combinazione armonica - i marmi nel contesto decorativo delle sale, avendo in mente e riproponendo soluzioni adottate nella sistemazione delle raccolte antiquarie. Il percorso di visita, su due piani, svela una successione di sale decorate che conducono di scoperta in scoperta.

Visita guidata

L'archeologia e noi
Visita guidata per adulti.
Prenotazione in biglietteria il giorno stesso.
Massimo 30 persone.

10.00 €

Domenica 16 giugno de 12:00 à 14:00

Adulti

L'evento è gratuito per i possessori del biglietto del Museo

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle

Lazio, Roma, Roma

Museo Nazionale Romano - Crypta Balbi

31, via delle Botteghe Oscure
00186 Roma

www.museonazionaleromano.beniculturali.it

La Crypta Balbi è un isolato del centro storico di Roma dove sorgeva in antico un vasto portico, la Crypta Balbi, annesso al teatro che Lucio Cornelio Balbo aveva eretto nel 13 a.C. Sul lato orientale del portico, e inclusi nel perimetro dell’isolato moderno, si estendono una serie di isolati antichi rappresentati nella Forma urbis marmorea, i cui edifici sono in parte visitabili. Il percorso museale si articola all’interno dei diversi edifici succedutisi nell’area nelle varie fasi storiche.

Visita guidata

Apertura straordinaria dell'area archeologica con visita guidata
Prenotazione in biglietteria il giorno stesso fino ad esaurimento posti.
Massimo 15 persone.

10.00 €

Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno de 12:00 à 15:00

Qualunque pubblico

La visita guidata è gratuita per i possessori del biglietto del Museo

Accessibilità

Difficoltà motorie/sedie a rotelle