Campania, Caserta, Succivo

Museo Archeologico dell'Agro Atellano

Il Museo, allestito in un edificio di proprietà comunale, fu istituito nel 1991 con l'obiettivo di illustrare la storia della porzione meridionale dell’ager Campanus e dell’antica città di Atella. Introduce alla visita la ricostruzione di una necropoli con sepolture di bambini entro anfore databili tra il III-IV secolo d.C. Al primo piano sono i reperti databili tra l’età del Bronzo e l’età tardo antica, provenienti dagli insediamenti antichi e dalle necropoli sparse sul territorio. Di particolare rilievo la collezione di vasi a figure rosse di produzione campana. Il secondo piano, dedicato a mostre temporanee, ospita una piccola necropoli di età orientalizzante da Gricignano di Aversa.

Esposizione

Esposizione

Il paesaggio atellano. I quadri di Luigi Marruzzella

Il Museo Archeologico dell’Agro Atellano presta i propri spazi alle tele del maestro Marruzzella, che ha saputo cogliere, grazie a dolci pennellate, la delicatezza del paesaggio atellano, nel quale i monumenti degli antichi trovano un nuovo senso. Le antiche "rovine” divengono per i contemporanei punto di orientamento e luogo di incontro, perché rimangono, nonostante il mutare dei tempi. Lo sguardo del pittore ci riporta al tempo in cui i piccoli borghi dell’agro atellano non erano aggrediti dal cemento ed era ancora chiara la definizione di Campania Felix. Intorno ai quadri, i prodotti di quella regione felice e lontana, i reperti esito degli scavi archeologici, che ci hanno restituito, oltre le suggestioni, la verità storica e produttiva dell’area atellana.

Gratuito

Giovedi 13 giunio, Venerdì 14 giugno, Sabato 15 giugno, Domenica 16 giugno de 09:00 à 18:00

Bambini, Famiglie, Adulti, Qualunque pubblico

Contatto stampa :

Simona Golia

pm-cam.uffstampa@beniculturali.it

081.2294478

  • Il paesaggio atellano
    Tela di Luigi Marruzzella

Mappa di accesso

14.253741 40.965734